Squadre



1
febbraio

AMICI 9, TERZA PUNTATA: MARIA VORREBBE ESSERE A C’E’ POSTA! IL TOCCO RETRO’ NON FA DECOLLARE IL TALENT SHOW. ELIMINATO STEFANINO

Amici respira con meno affanno, ma il respiro a pieni polmoni è ancora una meta lontana. L’eliminazione di Stefanino era talmente scontata che è ipotizzabile che già ci fossero i genitori ad aspettarlo davanti al cancello della scuola con il fagotto di Calimero caricato nel sedile posteriore. In tutto ciò né la regia né Maria De Filippi, troppo in sofferenza rispetto alla gioia con cui conduce i suoi format quando si sente tranquilla,  si preoccupano minimamente di alimentare una finta suspence mandando in onda titoli di coda e classifica,  come a dire facciamola breve almeno. Il lapsus in apertura di puntata ”Benvenuti alla terza puntata di C’è posta per te” (qui il video), poi, è di un freudiano imbarazzante. La riconosciamo solo quando dimostra di sapere tutti gli inediti dei ragazzi: è lì che torna ad essere la limpida conduttrice che tanto piace.

La retromarcia  verso qualche lido già noto scandisce un pò meglio i ritmi, ma da qui a dire che la liturgia sia vibrante ne passa veramente un bel po’. La processione del povero videowall avanti e indietro, le carte, consumate a furia di essere chiamate ossessivamente, forse non sono il modo giusto - quest’anno – per far emergere lo spessore dei ragazzi, un pò spaesati in questo universo troppo giocato sulla contrapposizione rigida. I nostri commentatori (qui il live) la dicono lunga sulla traiettoria del gradimento lungo la serata: andare a vedere una partita di cui sappiamo gli infortuni, i marcatori e i risultati diventa poco allettante.

Difficilmente basterà il solo tocco retrò a far ritrovare la formula magica, con buona pace delle spalline nel look della De Filippi come ai tempi di Amici di Sera, il nude look di Josè con tanto di tanga striminzito, rispolverato dalla maestra Celentano, e i leggendari intermezzi di videofrecciate per riscaldare un pò quel gelido palco, che in alcuni momenti sembra diventare più una ghigliottina che una ribalta. Non si spiega altrimenti il generale abbassamento del livello dei ragazzi, o forse è più giusto dire la mancanza della capacità di stupirci. Ci hanno viziato troppo bene nella prima parte della scuola? Può darsi. Basta guardare gli inediti però per rendersi conto del crescendo che non c’è. Prendiamo Emma: Davvero è tutt’altra storia rispetto a Meravigliosa, e non è questione di handicap da primo ascolto.




25
gennaio

AMICI: SECONDO SERALE SMUTANDATO. LA COMMISSIONE ELIMINA SCANDALOSAMENTE ANGELO IOSSA

Più che Amici il secondo serale ha il sapore de La strage degli innocenti. Fa bene Maria De Filippi a sottolineare ancora una volta il talento e l’educazione di questa classe: i ragazzi sembrano, come mai, vittime del tritacarne micidiale di un meccanismo ormai esageratamente prevedibile, con una commissione francamente poco credibile, capace di eliminare Angelo Iossa, ovvero il più brillante allievo della prima puntata, candidato ad essere il possibile outsider, se i professori non si mettessero di mezzo a dirci ancora una volta che tutto l’ingranaggio democratico è  un po’ di fumo negli occhi: comandano loro l’evoluzione del programma, basta uno schiocco di dita per farli passare da ‘ignavi’ che lasciano tutto nelle mani del pubblico a plotone d’esecuzione del malcapitato che arriva sottotiro. Roba da andare in giro con il passamontagna, o perlomeno con la stoffa che le sarte risparmiano sui costumi di scena.

Il retrogusto di amarezza è forte, nonostante il netto miglioramento del livello di spettacolo rispetto all’esordio, andato in onda quando ancora regnava il caos per i ‘guai’ di Davide e Michele. La qualità delle esibizioni si è sicuramente innalzata e la serata è filata via molto meglio, ma il solito dispiacere ce lo regala l’eliminazione, rendendo ancora più intensa la nostalgia del vecchio sistema di sfida a due. I nostri lettori già alla terza sfida avevano capito tutto lo sviluppo della serata. Troppo bravi loro? Forse.

Se poi ci aggiungiamo il tenero pudore di Elena, che con il suo rifiuto di continuare a ballare in culotte (“sono nuda”, dice) si guadagna tutto l’apprezzamento di chi non vuole far scadere il ruolo della ballerina a seduttrice di infimo livello, ci rendiamo conto di quanto il gioco dei grandi si sia fatto troppo grande persino per quei ragazzi descritti dagli apocalittici come gente senza cuore e senza pancia, ma in realtà molto solidali tra di loro sia nella scelta delle prove da imporre agli altri sia nel modo di sentire la gara. Eppure siamo vicini alla forma del talent puro: le sassaiole tra i protagonisti sono fortunatamente finite, sarebbe solo auspicabile che i disegni su di loro fossero più limpidi, perché francamente non ci va proprio di vedere questa sospetta ‘democrazia dell’alternanza’ mietere in ordine le vittime predestinate a fare da contorno al sestetto d’onore che si gioca la finale, concorrenti peraltro capaci di arrivare alla fine senza precauzioni di sorta.


22
gennaio

AMICI: I FERMENTI E LE PROVE PER IL SECONDO SERALE. I PROF LANCIANO LE SFIDE

Nella scuola di Amici non c’è il tempo di annoiarsi tra dialettiche, strategie e prove da preparare per vincere. I primi giorni della settimana sono stati caratterizzati come sempre dalle prove prof con tutto il ritorno di discussioni e valutazioni che questo comporta. Più che Celentano-Villanova lo scontro ideale più fitto è stato quello tra Grazia Di Michele ed Enrico, incredulo di fronte al dietro front dell’insegnante per quanto riguarda il suo giudizio sulle sue capacità artistiche. Con la solita verve che lo contraddistingue, il cantautore attacca polemicamente Grazia scaldandosi non poco: prima le dà un pò dell’ambigua e un pò dell’ebbra, poi puntualizza quanto lei non abbia avuto un successo artistico come cantautrice – ma questo ormai è un cult da anni (Marco Carta, docet) - che possa autorizzarla a sentirsi un gotha della musica.

Così oltre alla fase di ritorno del confronto Borana-Grazia, stavolta su coreografia di Villanova, vedremo anche la sfida prof lanciata dalla Di Michele che ha scelto di far confrontare Enrico e Stefanino sul pezzo di De Gregori, cantato anche da Zucchero, Diamante, su cui già la cantautrice aprì una polemica all’epoca della sfida Federico Angelucci-Max Orsi. Ecco però il kit della sfida e le scelte che le due squadre hanno effettuato per convincere il pubblico.

Canto:

E penso a te: Emma vs Loredana

Insieme a te non ci sto più: Emma vs Loredana

Viva la vida: Pierdavide vs Angelo

Haven’t met you yet: Stefanino vs Angelo

Sfide di ballo dopo il salto:





18
gennaio

AMICI: PRIMA PUNTATA DA DIMENTICARE. VINCONO I BLU E IL SOLITO “GIOCO” DELLA COMMISSIONE ELIMINA INGIUSTAMENTE ANNA.

I nostri lettori hanno sentenziato (con buona pace delle lettrici): la migliore della nona edizione del talent show di Canale5 è… Eleonora Scopelliti. Già, proprio così. Non una delle allieve in gara ma una delle professioniste del corpo di ballo, vera calamita della serata. Il ’serale delle meraviglie’, infatti, nonostante possa contare sul cast migliore di sempre ha bucato la prima. E’ successo di tutto ad Amici, e facciamo davvero fatica a non definire la premiere dello show vagamente noiosa. Passi l’emozione del debutto, ma per un programma con una liturgia fissa, come ha ammesso la conduttrice, è davvero strano un andamento così traballante. Regia discutibilissima, tempistiche sbagliate, grafica bizzarra in più di un’occasione. La stessa Maria De Filippi, rigida come non mai, non masconde un malumore percepito da gran parte dei telespettatori (quanto meno quelli commentanti in questo blog) e, come accade sempre quando “accumula” qualcosa di troppo, sbotta con la solita pungente pacatezza al termine della puntata quando – poveri gli addetti alla grafica - viene mandato in onda al posto delle tradizionali carte il “corridoio” che, nell’ultima puntata del serale, scorre sino alla proclamazione del vincitore.  

Esibizioni sottotono quasi per tutti i ragazzi. Luca Jurman invita giustamente alla prudenza e smorza gli entusiasmi esagitati di Rapino che ormai senza Flauto ha la stessa ragione di esistere di un cactus al Polo Nord. Rispetto ai buonissimi livelli degli speciali del pomeridiano, più volte elogiati, è tutto più fiacco, poco spontaneo e con logiche prevedibili. Loredana è un pò fuori giri, Emma è stizzita e reagisce in malo modo ad uno dei commenti di Platinette, tra l’altro uno dei meno grossolani che ha “sfornato” nel corso della serata. Matteo sembra il solito disco antico. Stefano e Michele dimostrano tutti i propri limiti, Borana e Grazia prestano il fianco al rammarico di Iancu che vorrebbe vedere delle ballerine classiche molto più brave. L’unico che convince è Angelo, sensazionale nel musical e molto profondo nell’interpretazione di Yesterday.

A fare le spese di questo meccanismo ancora inceppato è la povera Anna, vittima della solita ignavia della commissione che ancora una volta, alla prima puntata, decreta eliminazioni che gridano vendetta (citofonare Marina Marchione e Gianluca Lanzillotta). Con buona pace della De Filippi, che cercava di salvare la suspence, Anna ha avuto occhio lungo e ha capito che la trasmissione non si sarebbe privata di allievi, seppur molto discutibili, come Grazia per la polemica feconda Villanova-Celentano, nuovi opposti, tutti presi a non farsi mettere i piedi in faccia e vantare i propri curricula vitae, con il primo che vuole a tutti i costi screditare la figura ormai istituzionale di quella che ormai per antonomasia in Italia è la maestra di classico.

Vota il tuo preferito dopo il salto:


12
gennaio

AMICI: I PROF SI SCHIERANO. INTANTO L’EX ALLIEVO WILLIAM RIVELA IL SUO LATO PIU’ HOT E VUOLE SALIRE AL TRONO (DI UOMINI E DONNE)

La parte didattica è finita e le maschere possono cadere. Qualcuno dirà: ma perché, ad Amici, c’era mai stata quest’anno una fase scolastica senza schieramenti? Rimbombano nelle nostre orecchie le orazioni fatte dai professori per difendere gli allievi, spesso fortemente voluti solo da loro e attaccati constantemente dagli altri. Ora però il tifo diventa spietato e ogni preparatore ha dovuto scegliere su quale cavallo puntare per il trotto vincente del serale.

Ecco i professori della squadra BLU:

Loretta Martinez: ne ha azzeccate davvero poche la professoressa di canto che porta al serale solo un allievo, tra l’altro convertitosi in extremis. Gli altri sono volati via pian piano tra sfide perse, bocciature e messe in discussione. Sosterrà Enrico e Matteo, quest’ultimo con la collaborazione del maestro La Stella. Preparerà anche Angelo e Loredana, rimasti orfani delle proprie guide.

Alessandra Celentano: va dove sono i suoi ballerini prediletti Borana e Rodrigo. E poi tradizionalmente è stata sempre una blu sfegatata. I suoi bersagli storici Agata e Susy erano bianche, mentre i pupilli Cristo e Pedro blu.

Steve La Chance: va dove lo porta Elena, ed è anche comprensibile. Per ironia della sorte stavolta, per solidarietà di squadra, si dovrà spesso trovare d’accordo con la collega di classico.

Dopo il salto le altre scelte e le rivelazioni di William:





11
gennaio

AMICI: ECCO LE SQUADRE DEL SERALE. CHI PREFERISCI TRA BIANCHI E BLU?

Nemmeno il tempo di archiviare le polemiche sullo sbarramento per il serale di Amici che è già tempo di scegliere per chi tifare al serale. E’ già stata resa nota, infatti, la composizione delle due squadre che animeranno il duello in prime time.

Se può contare una prima impressione, sembra esserci più equilibrio rispetto alle passate edizioni, nonostante il sentore è che anche stavolta la vittoria sarà di un componente di ’sangue blu’. Sarà interessante vedere però come si redistribuirà il gradimento, con tutte le nuove variabili del caso: centralini, pubblico allargato, nuove dinamiche e ultimi ingressi.

Il via è previsto per domenica prossima, 17 gennaio, in prime time su Canale5 (e con i nostri LIVE qui su DM). In attesa di saperne di più, ecco la composizione delle squadre.

Squadra Bianca:

Emma Marrone, Anna Altieri, Pierdavide Carone, Davide Flauto,

Stefano De Martino, Michele Barile , Grazia Striano.

Squadra Blu:


10
gennaio

AMICI 9, LA SUPERCOMMISSIONE DELLA VERGOGNA. ECCO GLI AMMESSI AL SERALE: C’E’ ANCHE DAVIDE FLAUTO.

Giornata decisiva, quella di ieri, per le sorti dei ragazzi di Amici. Lo squillo di trombe dell’Apocalisse gela l’atmosfera tra i banchi riservando sorprese e fiumi di polemiche, dovute ad una dialettica tra professori e membri esterni che con nessun tipo di meccanismo è arginabile. Consueto festival del buonismo dei soliti noti alle telecamere per non volersi prendere mai le responsabilità. Troppi distinguo e giri di parole quando bastava farsi una graduatoria personale per assegnare i sì e i no, visto che da parecchio tempo si sapeva il numero degli ammessi al grande sogno.

E’ ancora una volta la Celentano ad apparire infatti come l’insegnante più coerente e trasparente. Ammette di essersi fatta per bene i conti e di aver giudicato in base ad una personale graduatoria meritocratica. I suoi giudizi non fanno una grinza e riesce a portare con sè al serale i suoi due gioiellini classici, su cui ha scommesso chiaramente e per cui venderà cara la pelle. Il resto dei professori invece si ostina a recriminazioni facilmente smontabili. Avveduti anche i giornalisti, che notoriamente non perdono una puntata del talent, che molto verosimilmente una graduatoria in base al numero se l’erano proprio preparata.

Ma andiamo ai verdetti veri e propri, ricostruendo i parametri di valore che hanno decretato la scrematura fin qui. Il resto lo scopriremo solo durante la messa in onda di lunedì quando sapremo ufficialmente chi farà compagnia al tenore Matteo (per i rumors, leggi il post dopo il salto).

Dopo il salto promossi e bocciati della supercommissione:


8
gennaio

AMICI: GLI ESAMI SONO FINITI. DOMANI IN DIRETTA I VERDETTI E LE SQUADRE DEL SERALE

Il dado è tratto: i venti allievi di Amici sono passati tutti davanti alle supercommissioni di canto e di ballo e non resta che attendere lo speciale di domani, che seguiremo come sempre in liveblogging,  per scoprire con Maria De Filippi i quattordici ammessi al serale del talent di Canale5. Sempre nel corso della puntata saranno svelate anche le composizioni delle due squadre con l’immediato ritiro nelle casette per la preparazione. Anche quest’anno ci sarà la sponsorizzazione dei coach che senza infingimenti esprimeranno le proprie preferenze artistiche.

L’unico a non avere il cuore in gola in queste ore di attesa febbrile per un’occasione che potrebbe cambiare la vita ai ragazzi è Matteo, qualificato di diritto per il gradimento incontrastato che ha riscosso durante tutta la prima parte del talent. Per il resto sarà batticuore fino all’ultimo nome, anche se i talenti più stimati sanno già di avere più di un piede nella casetta.

Sei le eliminazioni da fare. Compito non facile per la commissione di canto, coadiuvata da membri esterni come Luca Dondoni, Marco Molendini, Marco Mangiarotti e Romano Musumarra, visto il buonissimo livello medio della classe. Ci sono da valutare molteplici aspetti, e prepariamoci all’ipotesi, sorprendente, di trovare anche Davide Flauto al serale, visti gli elogi alla sua crescita e alla sua capacità interpretativa, nonostante la sua poca preparazione tecnica.