Sky Atlantic



17
settembre

TUTTE LE SERIE TV DI SKY ATLANTIC E AXN PER LA STAGIONE 2015/2016

Gomorra - La Serie

Gomorra - La Serie

Nuove serie d’importazione e nuove produzioni originali sono in arrivo su Sky Atlantic per la stagione televisiva 2015/2016, tra le quali spiccano la seconda stagione di Gomorra – La serie e il ritorno di House of Cards. Ma vediamo nel dettaglio tutta l’offerta di cui gli abbonati potranno godere nei prossimi mesi.




14
settembre

TEXAS RISING: WESTERN IN CINEMASCOPE NELLA NUOVA SERIE DI SKY ATLANTIC

Texas Rising

Un genere che non sembra tramontare mai, ma al contrario riesce a catturare l’interesse anche delle nuove generazioni, è sicuramente il western. Genere che meglio di qualsiasi altro rappresenta il cinema made in Usa, e che da questa sera torna sul piccolo schermo grazie a Texas Rising, una nuova serie tv diretta da Roland Joffè, in onda alle 21.10 su Sky Atlantic HD. Texas Rising, disponibile anche su Sky On Demand, è ambientato durante la Guerra di Indipendenza del Texas (1835-1836), quando lo Stato era ancora proprietà del Messico e i coloni americani intrapresero una feroce battaglia contro il governo messicano per annetterlo agli Stati Uniti d’America.


6
marzo

SKY ATLANTIC 1992: UN TUFFO NEGLI ANNI 90 PER TRAINARE LA NUOVA FICTION DI ACCORSI

Beverly Hills 90210

Le serie di culto, i film e gli eventi di quel periodo. Sky raccoglie in un solo canale, dal 7 al 24 marzo, gli avvenimenti più rappresentativi dei primi anni 90 con particolare attenzione al 1992, come tappa di avvicinamento all’omonima produzione che prenderà il via proprio il prossimo 24 marzo su Sky Atlantic e Sky Cinema1.

Un viaggio indietro nel tempo tanto nostalgico, quanto promozionale. E così il canale 111 della piattaforma satellitare – che propone il palinsesto di Sky Atlantic posticipato di un’ora – indosserà un nuovo vestito trasformandosi, per l’appunto, in Sky Atlantic 1992. Torneranno sullo schermo i protagonisti di Beverly Hills 90210 e Melrose Place, nonché quelli di Baywatch, Otto sotto un tetto e Willy, Il Principe di Bel Air. Spazio inoltre a Law & Order, Agli ordini papà, Tequila & Bonetti e alla terrificante ed indimenticabile miniserie horror It, tratta dal celebre romanzo di Stephen King.

Tra le pellicole simbolo di quella stagione verranno rispolverate Mediterraneo (vincitore dell’Oscar per il miglior film straniero), Puerto Escondido, Johnny Stecchino, Il Principe delle donne, A proposito di Henry, Gli Occhi del delitto e Fusi di Testa. Inoltre, in collaborazione con Sky Sport, ci si riemozionerà per gli ori olimpici ai Giochi Invernali di Albertville di Alberto Tomba e Deborah Compagnoni, per i successi di McEnroe e Agassi a Wimbledon, per i Gran Premi di Formula 1, il Motomondiale 250 dominato dai campioni tricolori Cadalora e Reggiani e alcuni match di calcio che fecero la storia ventitré anni fa. Non mancheranno nemmeno concerti e videoclip musicali selezionati da Gianluca Costella, direttore artistico di Radio Capital Tv, e interviste a celebrità che racconteranno i loro anni novanta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





17
febbraio

THE HONOURABLE WOMAN: IL DRAMMATICO CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE NELLA NUOVA MINISERIE IN ONDA DA STASERA SU SKY ATLANTIC

Maggie Gyllenhall

Un ristorante; due bambini sono seduti al tavolo col padre, e poi, all’improvviso, la tragedia che li segnerà per il resto della loro vita. E’ col sangue che si apre “The Honourable Woman”, miniserie in partenza questa sera alle 21:10 su Sky Atlantic ambientata tra la Londra dell’MI6, Washington D.C., Tel Aviv, Gaza e Cisgiordania, dove tra bombe, check-point, imbrogli, sequestri di persona, assassini, tradimenti, sensi di colpa e colpi di scena, si sviluppano le vicissitudini di una donna di pace.

The Honourable Woman: la trama

La miniserie composta da 8 episodi – creata da Hugo Blick e coprodotta da BBC Two e l’americana SundanceTV– è un political thriller che racconta la vita di Nessa Stein (Maggie Gyllenhaal), una donna coraggiosa e determinata che si è dedicata instancabilmente alla promozione di progetti per la riconciliazione tra israeliani e palestinesi, creando un trambusto politico a livello internazionale. Ventinove anni prima, quando Nessa e suo fratello Ephra (Andrew Buchan) erano ancora molto piccoli, hanno assistito all’assassinio del padre, un facoltoso procacciatore di armi sionista. Ereditata l’azienda di famiglia, Nessa cerca di darle una nuova pelle e inverte totalmente il core business, concentrandosi sulla diffusione della fibra ottica in Palestina piuttosto che sul fabbricare armi. Il suo progetto, sviluppato insieme al fratello, è di rilanciare il dialogo in Cisgiordania, utilizzando non solo leve diplomatiche ma anche economiche, per il cui scopo creano una imponente rete informatica. Mentre Nessa, ormai trentenne, è in Parlamento per ricevere il titolo di Baronessa di Tilbury della contea dell’Essex, l’assassinio di Samir Meshal – un potente uomo d’affari con cui ha appena firmato un accordo – la trascinerà in un complesso intrigo internazionale che coinvolge Israele, Palestina e l’M16, i servizi segreti inglesi. Tentando di riconciliarsi con il suo passato e alla ricerca di un equilibrio personale, Nessa vivrà una battaglia che influenzerà la sua attività politica e lavorativa, impegnandola a riconciliare un conflitto che continua a devastare una parte del mondo, tantissime vite umane e lo scenario politico mondiale.

Acclamata da pubblico e critica – Il New York Times ne scrive come di una serie costruita come un libro di John Le Carrè – “The Honourable Woman” vanta un cast internazionale di grande prestigio: Stephen Rea (The Shadow Line), Lindsay Duncan (The Hollow Crown), Andrew Buchan (Broadchurch), Katherine Parkinson (The IT Crowd), Janet McTeer (The White Queen), Lubna Azabal (Occupation), Tobias Menzies (Game Of Thrones), Genevieve O’Reilly (Spooks) e Igal Naor (House Of Saddam). Spicca su tutti la toccante interpretazione della protagonista Maggie Gyllenhaal (Golden Globe 2015 come miglior attrice per il ruolo di Nessa Stein), che anche nella vita privata si è esposta politicamente in diverse occasioni, soprattutto contro la guerra in Iraq, che ha definito un conflitto cominciato “in nome del petrolio e dell’imperialismo”. Nel 2004, insieme al fratello, ha supportato John Kerry alle elezioni presidenziali mentre nel 2008 si è schierata in favore di Barack Obama. Tutta la famiglia Gyllenhaal sostiene inoltre la campagna American Civil Liberties Union (ACLU) e l’organizzazione no-profit Witness, che attraverso internet, denuncia le violazioni dei diritti umani.


21
gennaio

FORTITUDE: MISTERI E DELITTI INSPIEGABILI AL POLO NORD NELL’AMBIZIOSA SERIE SKY

Fortitude

Isole misteriose, navicelle spaziali, grandi e piccole città degli Stati Uniti d’America, quartieri radical chic. Cosa accomuna questi luoghi? Sono ambientazioni da sempre ricorrenti nelle serie più famose della tv. Manca giusto il Polo Nord. Insomma, non è esattamente il primo posto che verrebbe in mente al momento di scegliere la location per una sceneggiatura: ghiacciai perenni, condizioni estreme con circa 6 mesi di luce e 6 mesi di buio, paesaggi suggestivi ma decisamente monocromatici, oltre ad un’oggettiva scarsità di materia umana, essendo uno dei luoghi più solitari del Pianeta. Ma allora qualcuno si arrischierà mai ad ambientare un’intera serie tv al Circolo polare artico? Già fatto, anzi, in questi ultimi tempi il lontano Nord sembra attirare molto gli sceneggiatori di tutto il mondo. Dopo la Norvegia di Lilyhammer, si punta ancora più in alto (almeno geograficamente) con Fortitude, un prodotto su cui Sky scommette per una sfida ambiziosa e allo stesso tempo innovativa. Ma andiamo con ordine.

Tutti hanno un segreto a Fortitude“, potrebbe essere questo il motto della serie. Fortitude è il nome di una cittadina fittizia della regione artica. Le poche anime che la popolano vivono una vita fatta di cose semplici, in un’oasi di pace in cui tutti hanno un lavoro e servono la comunità in armonia con la natura. Il freddo polare è l’unico “piccolo” inconveniente di questo luogo incantato, così incantato che la governatrice, interpretata dall’attrice Sofie Grabøl (The Killing), ha intenzione di chiudere un accordo per la costruzione di un albergo di lusso per turisti in cerca di evasione dal mondo. “Questo è il luogo più tranquillo del mondo” dice infatti, e sembra proprio aver ragione. Fin quando però uno scienziato e ricercatore della zona viene trovato morto, squartato in circostanze davvero misteriose (alla faccia della tranquillità!). Quasi subito si esclude che quel fattaccio possa essere opera di un orso troppo affamato e sembra sempre più evidente l’intervento della mano umana.

Il detective Morton, interpretato da Stanley Tucci, ha un passato nei servizi segreti e per la polizia londinese è l’uomo adatto da inviare in quelle lande ghiacciate per fare un po’ di chiarezza. Affiancherà lo sceriffo locale Dan Anderrsen, interpretato da Richard Dormond (Il trono di spade), e la coppia non sembra affatto andare d’accordo. “Qualcuno o qualcosa ha ucciso suo marito“, dice Morton alla vedova del ricercatore. E quel “qualcosa” non fa presagire nulla di buono.





15
gennaio

DM LIVE24: 15 GENNAIO 2015. HOUSE OF CARDS 3 IN CONTEMPORANEA CON GLI USA

House of Cards

House of Cards

House of Cards 3 in contemporanea con gli States

La terza stagione di House Of Cards sarà trasmessa quasi in contemporanea con l’America, il cui debutto è previsto per il 27 febbraio. In Italia infatti, la serie andrà in onda in esclusiva su Sky Atlantic nella notte tra il 27 e il 28 febbraio, con doppio episodio in lingua originale (gli episodi doppiati andranno in onda dal 4 marzo, il mercoledì su Sky Atlantic HD).

Nella nuova stagione tornano le vicende del terribile Frank Underwood – ruolo che proprio ieri ha portato a Kevin Spacey il Golden Globe  come Migliore attore in una serie drammatica -  nelle quali il Presidente e la First Lady (Robin Wright, già premiata come Miglior attrice agli Emmy 2014) sembrano precipitare in un vortice di eventi spaventoso. Proprio due giorni fa Netflix ha rilasciato il trailer della terza stagione scatenando sul web migliaia di fan. A dirigere due episodi della nuova stagione è stata scelta Agnieszka Holland, già a lavoro in serie televisive come The Wire e The Killing.


23
dicembre

LILYHAMMER: LE ROCAMBOLESCHE VICENDE DI UN BOSS MALAVITOSO TRAPIANTANTO NELLA “CANDIDA” NORVEGIA

Lilyhammer

Leaving New York never easy” cantava Michael Stipe dei REM, e noi non possiamo che concordare. A patto, però, di non essere un gangster newyorkese, che, dopo essersi pentito e aver tradito il suo boss, decide di entrare a far parte del programma di protezione testimoni. A quel punto, lasciare New York sembrerebbe molto facile, oltre che necessario.

Da questa sera alle 22:10 su Sky Atlantic HD parte la prima stagione di Lilyhammer, serie dramedy di Netflix ideata da Anne Bjørnstad ed Eilif Skodvin, che ci proietterà sulle lande pacifiche e innevate della Norvegia più “anonima”. Ma tranquilli, ci penserà Frank “The Fixer” Tagliano (Steven Van Zandt, meglio conosciuto come Little Steven, storico chitarrista della E Street Band di Bruce Springsteen nonché il Silvio Dante de I Soprano) a movimentare un po’ la situazione.

Lilyhammer: trama

8 episodi in prima tv assoluta in cui impareremo a conoscere Frank, italoamericano malavitoso che sceglie la cittadina norvergese di Lillehammer (da lui chiamata Lilyhammer) come meta per reinventarsi e lasciarsi alle spalle lo “sporco” passato. Con la nuova identità di Giovanni “Johnny” Henriksen – e improbabili maglioni ricamati con renne e fiocchi di neve – tenterà di integrarsi in una società molto lontana dal suo modus vivendi (et operandi). A causa di alcuni impedimenti della burocrazia, e delle rigide regole norvegesi che ostacoleranno i suoi tentativi di aprire un locale, si troverà costretto a reiterare con i suoi loschi traffici, “esportando” la cultura del ricatto e della manipolazione in una terra dove il crimine non esiste. Questi suoi vecchi vizi, però, non piaceranno alla biondissima Sigrid (Marian Saastad Ottesen), bella maestrina di cui si innamorerà ma che comincerà a dubitare dell’uomo e a sospettare l’esistenza di una vita parallela.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


3
dicembre

THE FALL: LE 50 SFUMATURE DI UN SERIAL KILLER

The Fall

Sky Atlantic è la casa delle serie HBO, ma non disdegna affatto le produzioni dei restanti network. E così stasera fa il suo debutto in prima serata alle 21.10 la nuova serie d’Oltremanica The Fall, thriller psicologico prodotto da BBC Two che, visto il notevole successo ottenuto sulla rete cadetta lo scorso maggio, è stata confermato con una seconda stagione promossa su BBC One, già in onda da alcune settimane.

Ambientata in Irlanda, protagonista di The Fall è Gillian Anderson, Dana di XFile, con Jamie Dornan, che presto vedremo interpretare Christian Grey nella trasposizione cinematografia di 50 Sfumature di grigio, entrambi nei panni di due esperti cacciatori, seppur alla ricerca di prede completamente differenti e, soprattutto, con obiettivi agli antipodi. La prima, Stella, dal carattere ossessivo è una detective della Polizia di Londra ma si trasferisce a Belfast, chiamata ad indagare su una strana serie di omicidi di giovani donne in carriera.

Ben presto tutti gli indizi la porteranno a Paul Spector, il secondo cacciatore, che trascorre una serena vita nella sua città, con la moglie e i figli, per cui è un padre amorevole,  ed è lanciatissimo nel suo lavoro di psicologo dei servizi sociali. Ma di notte il lato oscuro si fa più evidente, trasformandosi in uno spietato killer sempre pronto ad uccidere giovani donne.