Saverio Raimondo



7
marzo

CCN: SAVERIO RAIMONDO TORNA SU COMEDY CENTRAL. VATICANO E ALIENI NEL MIRINO

Saverio Raimondo, CCN

Il Vaticano, la corruzione, la mafia, i politici e persino gli alieni. Saverio Raimondo non risparmierà nessuno. Nella seconda stagione di CCN, Comedy Central News – al via questa sera (7 marzo) in seconda serata sul canale 124 di Sky – il comico tornerà a commentare a modo suo i temi di stringente attualità. Su Comedy Central, lo stand up comedian condurrà un appuntamento quotidiano in onda dal lunedì al venerdì alle 23. Poi tornerà nel weekend con una raccolta di best of monografici.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




9
febbraio

SANREMO 2016, IL PRE-FESTIVAL DI SAVERIO RAIMONDO. “FALLA NEL SISTEMA DI SICUREZZA: I CANTANTI RAGGIUNGERANNO COMUNQUE IL PALCO” (VIDEO)

Saverio Raimondo

Il graffio satirico di Saverio Raimondo arriva a poche ore dall’inizio del Festival di Sanremo 2016. Prima ancora che il sipario del teatro Ariston si apra, lo stand up comedian italiano più irriverente ha riservato un personalissimo commento sanremese ai lettori di Davidemaggio.it. Se l’anno scorso il comico fu protagonista al DopoFestival (in diretta web), quest’anno le sue battute al vetriolo sono concentrate nel pre-festival che potete vedere in esclusiva su queste pagine.


8
giugno

CCN: SAVERIO RAIMONDO STRIZZA L’OCCHIO AI NIGHT SHOW SATIRICI AMERICANI CON LE SUE PILLOLE QUOTIDIANE

Saverio Raimondo - CCN

Saverio Raimondo - CCN

CCN, una striscia quotidiana di 10 minuti in onda dal lunedì al venerdì, condotta dal comico Saverio Raimondo. E’ questa la novità che oggi, dalle ore 20.50 al canale 124 di Sky, Comedy Central proporrà al suo pubblico.

CCN (acronimo di Comedy Central News) è un commento satirico quotidiano a temi d’attualità che si propone di portare anche in Italia lo stile dei night show satirici americani.

Oggetto delle puntate saranno, dunque, temi contemporanei d’attualità: dall’immigrazione ai cambiamenti climatici, dalle nuove tecnologie all’alimentazione, fino alle tensioni internazionali, solo per citare alcuni esempi. Il programma sarà un mix di politicamente scorretto, provocazioni, trovate demenziali e paradossi surreali. Saverio Raimondo, alla guida dello show, sarà un perfetto anchorman satirico: caustico, malizioso, impertinente e molto auto-ironico.

Raimondo sarà affiancato da un cast di comici di nuova generazione: Edoardo Ferrario, Simone Salis, Alice Mangione e Francesco De Carlo, che ricopriranno i ruoli degli inviati e rubrichisti declinandoli in modo molto originale. Si segnalano nel cast anche Michela Giraud e Fulvio Maura, e la partecipazione di Veronica Gentili e Gabriele Linari. E’ prevista inoltre una special guest in una delle puntate dello show.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





16
febbraio

SAVERIO RAIMONDO A DM: VOGLIO RIFARE IL DOPOFESTIVAL SUL WEB, NON IN TV. ORA TORNO A COMEDY CENTRAL

Saverio Raimondo

Saverio Raimondo

Da Sanremo a Comedy Central. Archiviato con successo il #Dopofestival, Saverio Raimondo si prepara a tornare nel gruppo dei comedian di Stand Up Comedy, in onda ogni lunedì alle 23 sul canale 124 di Sky. Toccherà proprio al collega sanremese di Sabrina Nobile condurre la terza puntata dello show. Di Sanremo e dell’ascesa della stand up comedy in Italia, Saverio Raimondo parla nella nostra intervista.

Com’è andata l’esperienza sanremese?

Sono molto ma molto contento del risultato che abbiamo ottenuto “involontariamente”. Credevamo di fare una cosa divertente ma non ci aspettavamo un successo così, sia a livello di numeri sia a livello di gradimento.

L’anno prossimo si bissa in tv?

Io credo proprio di no. Ringrazio tutti coloro che in rete hanno chiesto il passaggio in televisione, ma io rivendico il #Dopofestival sul web perchè è stato proprio l’essere sul web che ha reso possibile al #Dopofestival di essere così, forte, libero, disinvolto. Questa forza sulla tv generalista non è possibile, io non vivo la tv come una promozione e sono dell’idea che le cose che funzionano sul web, funzionano sul web ed è lì che bisogna investire. Avrei voglia e piacere di rifare il #Dopofestival ma sul web dove è nato e cresciuto e dove ci sono le condizioni per farlo.

Però è un peccato non averlo in tv…

Peccato è quando la diretta streaming non funzionava, o che in Italia non sia arrivata una banda larga degna del nome. E’ una questione a monte, nella tv generalista anche a tarda ora vigono le stesse regole del pomeriggio tant’è che andava in onda Marzullo. Io ne prendo atto.


Ma se si facesse in tv, che faresti? Rifiuteresti?


1
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2015: SAVERIO RAIMONDO CONDURRA’ IL DOPO FESTIVAL

Saverio Raimondo

Saverio Raimondo

Carlo Conti ci ha provato ma alla fine ha dovuto arrendersi. Il celebre conduttore televisivo non ce l’ha fatta a riportare su Raiuno il Dopofestivalche manca sul primo canale della TV di Stato oramai da qualche anno. E quindi anche per il Festival di Sanremo 2015, così come accadde con la scorsa edizione della kermesse, dovremmo accontentarci di un post-gara sul web, in diretta in streaming sul sito della Rai.

A condurlo questa volta è stato chiamato Saverio Raimondo, comico di Comedy Central, fino a qualche settimana fa nel cast fisso de La Gabbia su La7. Il personaggio in questione non è nuovo nemmeno agli schermi Rai: lo ricordiamo infatti come autore di Serena Dandini, poi come monologhista dello show “Stiamo tutti bene” su Raidue e come editorialista satirico di “Glob” (con Enrico Bertolino) su Raitre. Da domani sarà anche protagonista di “Stand Up Comedy” su Comedy Central (Sky) ed ha collaborato con Sabina Guzzanti (su La7) e la sorella Caterina (su Mtv). Adesso lo attende questa nuova avventura.

Dopo Festival: Pippo Baudo, “l’ha inventato lui”

Era il 1992 quando Pippo Baudo, mente del Festival di Sanremo, decide di dar spazio ai commenti sullo spettacolo con un Dopo Festival che seguiva immediatamente le puntate della kermesse. La Rai accolse bene la proposta del celebre conduttore televisivo: in questo modo si riuscivano a fare ascolti record in seconda serata senza una concorrenza reale. L’occasione era ghiotta per riuscire ad avere commenti a caldo sulla serata dai diretti protagonisti; in studio erano attese anche le principali testate giornalistiche pronte a creare “dissing”, scoop e dichiarazioni speciali. Tutto questo in un clima a metà strada tra il comico, il trash ed il solenne che fece ben presto del Dopo Festival un appuntamento imperdibile.