Rosalinda Celentano



1
dicembre

DM LIVE24: 1 DICEMBRE 2011. LA DE FILIPPI DIVENTA UN LIBRO, LA CELENTANO E LA BELLUCCI SI AMAVANO, SKY SI RITIRA DAL BEAUTY CONTEST

Diario della Televisione Italiana del 1 Dicembre 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • Divertimento a Forum

lauretta ha scritto alle 12:58

A Forum, dopo una prima causa di adozione mancata per via di una separazione, la seconda vede due gemelli identici, che, se pur usandono un linguaggio un pò colorito, fanno divertire tutto lo studio e la Dalla Chiesa in primis. Ma quando questa nota che l’assistente di studio lo è un pò meno, si spazientisce e commenta: “Per una volta che ci stiamo divertendo… E basta sempre co stà pesantezza”.

  • Iconicamente Maria De Filippi

Alessandro ha scritto alle 15:55

Si intitola iconicamente “Maria De Filippi” ed è un libro molto particolare – come si può immaginare – scritto da Emanuele Kraushaar (romano, 34 anni, cui un pomeriggio gli è capitato di vedere il programma Uomini e Donne e ha deciso di scrivere questo libro, come confessa nella quarta di copertina). Si tratta di un romanzo «ambientato» dentro la famosa trasmissione di Maria De Filippi, e costruito sulla base delle situazioni e dei personaggi reali che passano dal video: battute, conflitti, dialoghi surreali, litigate furibonde, di scene al limite della commedia. (Il Giornale)

  • Celentano e Bellucci in love (un tempo)

lauretta ha scritto alle 16:26

“Ci siamo amate in gioventù”, una relazione in “tenera età” quella fra Rosalinda Celentano, figlia di Adriano e Claudia Mori, e Monica Bellucci: “Io mi sono sottratta – ha dichiarato a “Diva e donna” – ho penato molto per lei. Le ho chiesto di fermarci al bacio. Ma è stato meglio così, quando ci vediamo ancora oggi abbiamo il magone”. Nell’intervista rinascita alla rivista l’attrice ha confessato anche una “passione per gioco” con Asia Argento (“Con lei limoniamo. Lei mi mette la lingua in bocca e la gente passa e ci guarda schifate. Si spaventa di queste cose perché ha paura dell’amore”), oltre a smentire la relazione con la collega Simona Boroni, con cui era stata paparazzata in macchina mentre si scambiavano caldi baci: “Noi ci amiamo da vent’anni, ma non siamo fidanzate per il momento, lei ha un compagno e un figlio. Mi andava di baciarla sulle labbra e allora?”. Si professa ancora vergine (“Sono vergine ma sono più cortigiana di tante altre che fanno sesso con uomini e donne. Tre anni fa mi hanno tolto l’utero, vivendo da asessuata si era ammalato”) e confessa problemi passati con l’alcol: “Non mi drogo ma ogni tanto ripiombo in questo problema alcolico orrendo. Se ho un amore, una felicità o un dolore che non reggo allora comincio a digiunare e a bere. Ad agosto mi sono chiusa in una clinica per cinque settimane in una comunità. Sono anni che sto sul filo, nel 2003 dopo aver incontrato la vodka ho cominciato a mischiare. Sono uscita da un coma etilico, non volevo stare più su questa terra. Sono brava a combinare i farmaci”. ( fonte Leggo)

  • Sky si ritira dal beauty contest

lauretta ha scritto alle 18:34




16
luglio

DAI CELENTANO AI D’ALESSIO: DUE CLAN CON UN COMUNE DESTINO MEDIATICO

Gigi D’Alessio Anna Tatangelo Claudia Mori e Adriano Celentano

L’uno risale ai primissimi anni 60; l’altro, invece, ha storia recente. Il primo ha origine come etichetta discografica e ha assunto, col tempo, una dimensione più intima, prettamente casalinga; l’altro, invece, si autorigenera sulle pagine dei rotocalchi. Nell’uno non sono mancate voci di presunti tradimenti; nell’altro, invece, le corna sono state fondamentali per la sua stessa nascita. Di cosa stiamo parlando? Dei due clan familiari più attivi della nostra televisione: il clan Celentano ed il clan D’Alessio.

Tante, quindi, le differenze che li separano; molti, però, anche i punti in comune. Su tutti, i progenitori della stirpe: Adriano Celentano e Claudia Mori, da un lato; Gigi D’Alessio ed Anna Tatangelo, dall’altro. Gli uomini sono due famosi cantanti, con ampio seguito di fans, disseminati in ogni angolo del globo. Le donne sono due belle (e normo-dotate) cantanti di belle speranze, che sembrano vederci molto lungo, più dei loro stessi compagni.

Intendiamoci: la storia del clan Celentano affonda le sue radici molto lontano, addirittura durante gli anni della Dolcevita, e, pertanto, soprattutto per ragioni anagrafiche, è meglio ramificato nei nostri palinsesti. La Gigi-family, però, seppur più giovane ed inesperta, sembra sulla buona strada per imperversare in ogni buon talk, talent o reality show che si rispetti.