roma



21
agosto

SABOTAGGIO PORNO SU LA7: RECORD DI FALLI PER L’INCONTRO DI EUROPA LEAGUE MFK KOSICE – ROMA

Europa League La7 Mfk Kosice Roma - Porno

Quando tempo fa si annunciava un anno di sport intenso nessuno aveva osato mai immaginare tanto. Il tubo catodico è sempre più travolto dall’onda anomala del mix esplosivo di calcio ed eros. L’ultimo caso però supera di gran lunga il nuovo progetto di Sky che prevede telecamere anche negli spogliatoi e si fa più audace del più piccante pacchetto Dahlia.

E’ successo ieri nel savonese: il normale turno preliminare di Europa League che vedeva impegnate Roma, Lazio e Genoa si è trasformato in un evento ai limiti dell’incredibile. I cittadini che si erano infatti comodamente adagiati in poltrona, con pathos di fantozziana memoria, per godersi l’incontro Mfk Kosice – Roma hanno assistito a un fuori programma, forse non troppo spiacevole, roba in cui verosimilmente nemmeno il tragico ragionier Fantocci poteva imbattersi.

Al posto del Pupone e compagni, infatti, i ‘poveri’ abitanti della Valbormida hanno fatto happy hour anticipato con delle pupe scatenate. Direte voi, calcio femminile? No, le ragazze non rincorrevano un pallone. E visto che non indossavano nemmeno i completini con i numeri i telespettatori, dopo aver alitato sugli occhiali per verificare che non fosse un’allucinazione, si sono resi conto che si trattava di un porno a regola d’arte.




21
luglio

CARLO PASTORE FA IL VERSO A CRISTINA DEL BASSO: IN DIRETTA CON DUE PALL…ONI COSI’

Carlo Pastore TRL

Abbiamo un nuovo personaggio da “idolatrare”.

Resa nota da DM la notizia dell’approdo di Cristina Del Basso ad MTV (leggi qui e qui le nostre esclusive), Carlo Pastore, attuale conduttore di Total Request Live, ha pensato bene di far sfoggio nella scorsa puntata del programma di due “Pongo e Peggy” da far invidia anche alla futura, popputa collega. La motivazione è stata resa nota dallo stesso VJ che nel corso dello show, mostrando orgoglioso l’attrezzatura artificiale, ha dichiarato: “mi adeguo ai tempi che corrono“, salvo poi tentare di esploderle in chiusura di puntata, quasi in segno di disapprovazione.

Ironico, esilarante e adorabilmente sarcastico, avrà voluto il nostro Carlo Pastore darci una conferma di quanto anticipato dalle pagine di questo blog? Godetevi il momento finale… 


15
giugno

RAIDUE E RETE4 PRONTE AL PASSAGGIO AL DIGITALE NEL LAZIO: VADEMECUM PER LA “RIVOLUZIONE”

Switch-Over Lazio

Questa notte, a Roma e in molti comuni del Lazio, Raidue e Rete4 passeranno al digitale terrestre e spegneranno definitivamente i loro segnali analogici.

Partiamo da RaiDue. Per quanto riguarda il secondo canale della tv di Stato, intorno alle 2.30 di stanotte verranno spenti i segnali analogici dei trasmettitori di Monte Cavo, Monte Mario e Velletri. Sulle frequenze liberate verrà subito acceso il multiplex (insieme di canali trasmessi su un’unica frequenza) Rai A che trasmette, ad oggi, oltre a RaiDue, anche RaiUno, RaiTre e Rai4. Per quanto riguarda Monte Cavo, dove è già attivo il multiplex Rai A, esso verrà, invece, sostituito con il multiplex Rai B che trasmette RaiStoria, RaiGulp, RaiSportpiù (che oggi hanno cambiato logo e si sono uniformati a RaiStoria e Rai4), RaiNews24 e le radio del gruppo Rai. In questo modo si garantirà copertura uniforme di tutta l’offerta Rai a Roma e a tutta la provincia romana.

Per quanto riguarda Rete4, lo switch-over interesserà i trasmettitori di Monte Cavo, Genazzano, Monte Mario (dal quale trasmette anche la Rai) e Monte Artemisio. Qui il segnale analogico della rete verrà sostituito dal multiplex Mediaset 4, disponibile solo nelle zone di switch-over e in Sardegna, che contiene oltre a Rete4 anche le altre reti generaliste Mediaset (Canale 5 e Italia 1) e le versioni +1 degli stessi canali.





14
giugno

ANCHE LA RAI HA IL PROPRIO “DAY” PER FESTEGGIARE LO SWITCH OVER LAZIALE

RaiDay - Switch Over LazioAnche se un po’ in ritardo rispetto alla concorrente Mediaset, anche la Rai organizza il suo “RaiDay” per salutare l’arrivo del digitale terrestre a Roma e in molti altri comuni del Lazio.

A chi chiedeva maggiore informazione sullo spegnimento al posto dell’assordante silenzio come avvenuto per i precedenti switch-over, la Rai risponde con una giornata di informazione sulla tv digitale e sulle sue novità.

Lunedì 15 giugno, a meno di 24 ore dallo spegnimento, in Piazza Farnese, nel cuore di Roma, la tv di stato porrà al centro della piazza un maxischermo con le immagini dei programmi Rai in onda intervallati dagli spot con i quali si spiega cos’è il digitale e come attrezzarsi per riceverlo. In una grande area coperta, il pubblico potrà ricevere informazioni e consigli e potrà, allo stesso tempo, vedere le immagini di Rai4, Rai Storia, RaiGulp, RaiSportpiù e di tutti gli altri canali che mamma Rai trasmette sul digitale terrestre.


11
giugno

ANCHE ROMA PASSA AL DIGITALE TERRESTRE ACCOMPAGNATA DAI “MEDIASET DAYS”

Mediaset Days Roma

Dopo il capoluogo piemontese, nella notte tra lunedì 15 e martedì 16, Roma e più di 100 comuni laziali spegneranno i segnali analogici di Rai2 e Retequattro e accenderanno i segnali digitali. 

Il gruppo Mediaset ha quindi deciso di riproporre anche a Roma il ”villaggio digitale” dedicato alle tv del gruppo nella versione digitale. Sabato 13 e domenica 14 in Piazza del Popolo due giorni di musica, spettacolo e informazione per festeggiare il passaggio al digitale terrestre.

Il villaggio digitale sarà aperto dalle 10 alle 20 di sabato 13 giugno e dalle 10 alle 13 di domenica 14 giugno e saranno presenti, come nello scorso appuntamento torinese, le star del Biscione che allieteranno il pubblico in visita al villaggio allestito per l’occasione.

Il villaggio digitale sarà suddiviso in 3 aree:

  • Area reti Mediaset digitali dedicata a Canale 5, Italia 1 e Retequattro, visibili nella nuova emissione digitale in 16:9, nella versione +1, con doppio audio e sottotitoli originali, e in HD, e alle nuove reti digitali Iris, Boing e Mediashopping, illustrate da pannelli informativi e da addetti del gruppo.
  • Area tecnologia/assistenza dove tecnici specializzati illustreranno al pubblico tutte le novità tecnologiche del digitale terrestre: da come funzionano e come si installano i decoder a come si usa il modulo Cam che, se inserito nelle tv di ultima generazione permette di seguire i programmi pay di Mediaset Premium, Dahlia e degli altri editori.
  • Nell’area pay tv Mediaset Premium, infine, sarà possibile vedere gratuitamente tutta la nuova offerta di Mediaset Premium e addetti specializzati della pay tv spiegheranno come funziona la tessera prepagata necessaria per vedere i servizi Premium e forniranno consigli utili per sintonizzare e godere al meglio i vari canali.

Dopo il salto il programma completo degli eventi programmati nel villaggio digitale:





2
gennaio

STUDIOMANIA: I CPTV ROMANI DI MEDIASET, DAL PALATINO AGLI STUDI ELIOS

StudioMania - CPTV Romani Mediaset @ Davide Maggio .it

Dopo aver analizzato i centri di produzione televisivi milanesi (rileggi le prime quattro puntate di StudioMania), quest’oggi ci spostiamo nella Capitale ed iniziamo a perlustrare virtualmente i CPTV Romani di Mediaset

Gli studi storici (e di proprietà) sono quelli del Centro Palatino in Piazza SS. Giovanni e Paolo 8. Comprati da Berlusconi dalla S.A.F.A. Palatino (stabilimento cinematografico utilizzato, tra gli altri, da Pier Paolo Pasolini), per anni sono stati il fulcro dei più grandi varietà Fininvest realizzati nella Capitale: La Corrida, Il principe Azzurro, Non è la Rai e molti altri.

Il centro, talmente bello, da essere costantemente fotografato dai turisti giapponesi convinti sia un monumento anche grazie all’assenza di qualsiasi insegna “Mediaset”, comprendeva inizialmente 3 studi: l’immenso studio 1 (che arrivava ad ospitare anche tre trasmissioni contemporaneamente senza smontare i diversi set. Esempio: Non è la Rai, Forum e Sgarbi quotidiani), lo studio 2 (utilizzato per programmi come “Il pranzo è servito” e da diversi anni studio del Tg5) e lo studio 3 (dove si girava nei primi anni ’80 “Forum” e poi primo studio del Tg5).


16
settembre

LA CHAMPIONS E’ IN HD SUL DIGITALE TERRESTRE RAI

Rai Test HD - Champions League @ davidemaggio.it

Guardare una partita di calcio è sempre bello ed emozionante. Soprattutto se la propria squadra del cuore gioca lontano da casa. Ma se le immagini sono di bassa qualità, l’emozione non è propriamente la stessa. La Rai lo sa bene e per questi motivi, per la terza volta in meno di un anno, porta l’alta definizione sui decoder digitali di molti italiani associandola al nostro sport nazionale: il calcio.

Dopo la trasmissione delle partite della Nazionale italiana ad Euro 2008 e di alcuni speciali in occasione delle Olimpiadi di Pechino, il 17 settembre il canale RaiTest HD trasmetterà nelle aree “sperimentali” di Roma, Milano, Torino, Sardegna e Valle d’Aosta, la partita di Champions League, Juventus – FC Zenit. Le trasmissioni avranno inizio intorno alle ore 20.45 in contemporanea con la trasmissione dell’incontro su RaiDue.

Ma non finisce qui. Saranno quasi certamente trasmessi in alta definizione sul Digitale Terrestre anche tutti gli altri incontri di Champions League di cui la Rai detiene i diritti per la trasmissione in chiaro in ambito terrestre.


11
agosto

HAVE YOU CONFESSED?

Madonna, Confessions Tous @ Davide Maggio .itAmici, lo so, è scandaloso. Mi sono svegliato soltanto un’oretta fa.

Cerchio alla testa…

Na tazzulell e cafè e una brioche è la prima “medicina” per riprendermi! :-)

Dedicherò il primo pomeriggio a postare un po’ di articoli tutti per Voi.

Nel frattempo, Vi riporto una bella cronaca della tappa romana del Confessions Tour di Madonna. Ad inviarmela è stata Mariagrazia, uno dei 70.000 fans in delirio all’Olimpico… A seguire un articolo di Repubblica con i numeri del Confessions Tour.

Enjoy!


di MariaGrazia

“Hello!” E’ bastata questa parola per mandare in delirio 70.000 persone: niente di strano, se a dirla è Madonna, ma vi lascio immaginare cosa è successo quando è uscita da una palla da discoteca anni ’70 vestita da cavallerizza con tanto di frustino. Evitiamo di parlare delle solite cose che avrete sicuramente sentito mille volte alla televisione, perché quello che rimane impresso dopo 2 ore di Confession tour non è la croce tanto criticata ma tutto il resto.

Eh si, Madonna ci ha confessato, e ci ha riconciliato con la disco music e con il colore viola. Perché credo che sia l’unica a non sembrare ridicola mentre balla Disco Inferno vestita come Tony Manero, e sicuramente è la sola a infischiarsene delle superstizioni e vestirsi di viola per metà dello spettacolo. A volte ha steccato, è vero, ma era tutto così perfetto che ti veniva da pensare che anche quello fosse stato previsto, solo per farla sembrare più umana. Una citazione dopo l’altra, tra un balletto stile Iggy Pop e un mantello illuminato con la scritta “Dancing Queen”, la chitarra elettrica e il giubbotto di pelle degni della migliore tradizione rock, lo show è volato via, accontentando tutti, i fan dell’ultimo cd e quelli di vecchia data, quelli che conoscevano solo Like a virgin e i più devoti, regalandoci la versione demo di Erotica del 1992. Madonna se ne va sulle note di Hung up, lasciandoci con una frase che è tutto un programma: “I’m tired of waiting for you”.

Dopo il concerto tutti e 70.000 siamo rimasti fuori dallo stadio aspettando un taxi o un autobus che non sarebbe mai arrivato, e così abbiamo deciso di invadere Roma e farcela a piedi, perché, come ci aveva insegnato la Regina, “I’m tired of waiting for you”!

Maria Grazia


ROMA – Il Confessions Tour di Madonna, che stasera va in scena allo Stadio Olimpico di Roma, è una delle maggiori produzioni mai realizzate. Secondo i promoter, è costato oltre 4 milioni di euro.Ecco alcuni numeri del tour:

  • 70.000 i biglietti venduti allo Stadio Olimpico

  • 400 gli abiti. A realizzarli Jean Paul Gaultier, che è tornato a vestire Madonna 16 anni dopo il Blond Ambition Tour

  • Ci saranno 15 linee di potenza da 400 ampere, e 4.500 chilowatt totali di consumo, l’equivalente dell’alimentazione elettrica di 1.500 appartamenti, per accendere le mille luci e gli schermi che trasmettono immagini senza sosta

  • La produzione avrà a disposizione 80 linee telefoniche e 130 computer, che lavoreranno in Internet contemporaneamente

  • 200 tonnellate di equipaggiamento

  • 86 tir per trasportare il materiale

  • 27 persone sul palco, compresa Madonna, i 22 ballerini e la band

  • Otto paia di scarpe e stivali (la maggior parte di Yves Saint Laurent) e sette costumi cambiati ogni sera dalla cantante

  • Tre acconciature

  • 4.000 cristalli Swarovsky per decorare il crocifisso sul quale Madonna canta ‘Live to Tell’

  • Una collana disegnata da Chopard

  • Per il camerino Madonna ha richiesto candele al profumo di rosa, rose bianche, bottiglie di acqua Kabbalah, una mini spa e una tazza del water nuova ogni sera, che poi verrà distrutta per evitare che finisca all’asta su EBay

  • 16 anni di assenza da Roma

  • 5 anni di assenza dall’Italia

  • Il Confessions Tour è partito da Los Angeles a maggio. Un tour con 34 date negli Usa, 20 in Europa (a Roma l’unica italiana) e 2 in Giappone

  • 48: sono gli anni che Madonna compirà il 16 agosto. Li festeggerà in concerto, sul palco della Wembley Arena di Londra.