pfm



11
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2011: ECCO I DUETTI DEL VENERDI.

Festival di Sanremo 2011 - scenografia

Nata inizialmente come un’occasione per riempire le troppe serate festivaliere,  la serata dei duetti, nella quale reinterpretare il proprio brano in compagnia di altri artisti, si è trasformata nel tempo in uno degli appuntamenti più attesi e apprezzati dai telespettatori. Onori e meriti quindi a Paolo Bonolis, che nel 2005 fu il primo a studiare e proporre la nuova formula, in seguito ripresa da tutti i suoi successori. Tra questi c’e’ anche Gianni Morandi che dedicherà ai duetti la serata del 18 Febbraio, la quarta del 61° Festival della Canzone Italiana.

Tra artisti in gara e ospiti, particolarmente nutrito è l’elenco dei reduci dai talent show. Partiamo da Anna Tatangelo, che per la sua ennesima partecipazione al festival dovrebbe (e’ l’unica esibizione ancora incerta) duettare con Loredana Errore, ex allieva di Amici. Il giudice di X-Factor, contrariamente alle voci delle scorse settimane, non dividerà quindi il palco con Dorina Leka, protagonista dell’ultima edizione del talent di Rai 2, ma stringerà un simbolico armistizio con il talent concorrente. Per Loredana Errore, arriva seppur come ospite l’insperata possibilità di esibirsi sul palco dell’Ariston e di incontrare la sua storica rivale Emma, in gara insieme ai Modà. Quest’ultima per il duetto del venerdì gioverà della collaborazione di Francesco Renga.

Sempre in tema di talent, per il suo debutto sanremese Giusy Ferreri duetterà con il leader delle Vibrazioni Francesco Sarcina, mentre la vincitrice dell’ultima edizione di X-Factor, Nathalie Giannitrapani, dividerà il palco con la cantautrice L’Aura. Niente da fare invece per Davide Mogavero, inizialmente destinato a duettare con Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario che, invece, avranno al loro fianco l’attore Neri Marcorè. I comici Lillo & Greg affiancheranno invece Max Pezzali.




19
febbraio

SANREMO SI CONFERMA CAMPIONE D’ASCOLTI. MESSI FUORI GARA, ALMENO PER IL MOMENTO, NICKY NICOLAI E CONSORTE, ALBANO E SAL DA VINCI

Festival di Sanremo 2009 (Paolo Bonolis e Eleonora Abbagnato)

Orfano di Benigni, il Festival continua a veleggiare verso “magnifiche sorti e progressive”. Nonostante la sovrapposizione con la corazzata di Amici, Sanremo tiene e si accaparra uno share più che lusinghiero (41,6% nella prima parte e 44,78 nella seconda).

Chiamato a confermare gli ascolti boom della prima serata e dimostrare che essi non fossero frutto esclusivo degli attesissimi interventi di Mina e Roberto Benigni, Paolino ce la mette tutta e, da gran mattatore, confeziona una seconda serata piacevole e vincente.

Suggestiva l’apertura affidata a una toccante contaminazione fra Mozart e i Pink Floyd, affascinante, e non così spocchiosa come ci si attendeva, l’etoile Eleonora Abbagnato che ha vestito meravigliosi abiti dei conterranei Dolce & Gabbana, godibili i momenti comici con cui la rodata coppia Bonolis e Laurenti ha condito la lunga serata. Emozionante l’omaggio a De Andrè, nel giorno del suo compleanno, portato in scena dalla PFM, che accompagnata da Claudio Santamaria (bellissima voce) e Stefano Accorsi (apprezziamo le buone intenzioni, ma continui pure a fare l’attore), hanno eseguito due magiche “poesie” del mai troppo compianto autore genovese (Bocca di rosa e Il pescatore). Il pubblico dell’Ariston, tradizionalmente imbalsamato, ideali cavie per lo studio della crioconservazione post portem, ha, entusiasticamente, partecipato a quel toccante tributo.