Ospiti



5
luglio

ROMA FICTION FEST AL VIA OGGI: TANTE LE ANTEPRIME, OMAGGIO A PIETRO TARICONE

Claire Daines, Kevin McKidd, Raul Bova, Gabriel Garko, Alessia Marcuzzi, Michael Vartan, Naveen Andrew, Marg Helgenberg, Jason Priestley, Giulio Scarpati, sono solo alcuni degli ospiti (maggiori info qui) della quarta edizione del Roma Fiction Fest, al via quest’oggi. Tutto pronto, dunque, nella Capitale per ospitare la kermesse, che si svolgerà fino a sabato 10 luglio, tra l’Auditorium Conciliazione, il Multisala Adriano, la Sala Tesi Lumsa e il Villaggio della Fiction.

Saranno le proiezioni esclusive ad incuriosire i “malati di fiction”, ai quali il festival è dedicato. Ne segnaliamo una per ogni giorno della settimana: quest’oggi sarà proiettata alle 21.30 l’anteprima mondiale di “Body of proof” un pilota inedito negli stessi Stati Uniti con Dana Delany. Seguiranno Il sorteggio (martedi alle ore 18), con Giuseppe Fiorello, Agata e Ulisse (mercoledi ore 18) per la regia di Maurizio Nichetti, Le Ragazze dello Swing con Andrea Osvart (giovedi ore 21), Il Peccato e la Vergogna (venerdi alle ore 21) con Manuela Arcuri.

Il RomaFictionFest, inoltre, non poteva non ricordare Pietro Taricone, recentemente scomparso. Oggi alle 18 in occasione della proiezione di Tutti pazzi per amore 2, alla presenza di tutto il cast artistico capitanato da Emilio Solfrizzi, il produttore Carlo Bixio e il regista Riccardo Milani, insieme alla direzione del Festival, saliranno sul palco per salutare ancora una volta l’attore. Sarà presentato, poi, prima della proiezione, un video in cui Taricone canta una canzone di Eros Ramazzotti. Ancora per la sezione “Lavori in corso” sarà presentato un trailer della nuova fiction di Mediaset, Una bella famiglia Baciati dall’amore, in cui l’ex protagonista del Grande Fratello interpreta Antonio, un cantante neo-melodico fratello di Paolo Gambardella (Giampaolo Morelli). Per la serata di chiusura, infine, è previsto un omaggio video per ripercorrere la carriera dell’attore tragicamente interrotta.




29
giugno

ROMA FICTION FEST 2010: BRANDON E SAYID TRA GLI OSPITI INTERNAZIONALI

Roma Fiction Fest

E’ stato l’idolo delle teenager di tutto il mondo, icona degli anni ’90 e, ora, Jason Priestley è pronto a sbarcare in Italia. L’attore di Beverly Hills 90210 e True Calling sarà nella Capitale l’8 luglio, ospite del RomaFictionFest, per presentare la nuova serie canadese Call me Fitz, di cui è protagonista.

Si va a delinerare così la nutrita schiera di ospiti internazionali che prenderà parte alla kermesse romana. Non solo Brandon, sono stati annunciati altresì gli arrivi nella Città Eterna di Naveen Andrews, interprete dell’ex torturatore iracheno Sayid Jarrah in Lost, e di Kevin McKidd, protagonista di Grey’s Anatomy. Entrambi saranno presenti, il 7 luglio, in occasione del Focus dedicato ad ABC Studios.

I tre attori vanno ad aggiungersi alle altre guest maschili rese note: Andy Garcia e Jim Caviezel, protagonista di The Prisoner ma noto al pubblico per aver interpretato Gesù ne La Passione di Cristo. Il gentil sesso sarà, invece, rappresentato da Marg Helgenberger, che presenterà l’ultimo episodio della decima stagione di CSI, e da Stana Katic, interprete di Castle che presenzierà all’anteprima di due episodi della seconda stagione della serie.


9
aprile

A.A.A. CERCASI VIP DISPERATAMENTE

Ero fortemente in dubbio su come titolare questo articolo. Avrei voluto chiamarlo, parafrasando una canzone di Arbore, “La vita è tutta un Vip”. Tra quiz, talk show, programmi di infotainment c’è un disperato bisogno di produrre, in qualche modo, nuova linfa e nuovi vip. La tv sta diventando ogni giorno sempre più una sorta di grande forno a legna con un fuoco che deve essere giornalmente alimentato. E se codesto fuoco non trova “ciccia”, nuovi scoop o nuovi vip, il fuoco, ahimè, è destinato a spegnersi. Se poi ci aggiungiamo che ormai “là dentro” ( in tv) siamo stati invasi da orde di opinionisti, per lo più trombettieri – tuttologi, esperti di nulla cosmico che saltellano da una rete all’altra, da un programma all’altro come fossero canguri colti da un attacco di dissenteria acuta, capirete bene che senza drammatici outing da commentare, efferati omicidi da discutere, intrecci amorosi da sottolineare, orge e baci saffici da “opinionare”, non avrebbero ragione di esistere e quindi, a parte qualcuno, dovrebbero tornare mestamente ad esercitare professioni a loro più confacenti tipo ricercatori di quadrifogli, stappatori di tappi, accuditori di vespasiani pubblici, scrutatori di tramonti, guardiapiante ai giardini.

In effetti sembra un paradosso, ma quando si decidono gli ospiti di una puntata, è fondamentale prima di tutto che l’ospite “funzioni”, che sia originale nella scelta ma soprattutto che sia libero da impegni. E vi assicuro che la cosa non è così facile come sembra per vari motivi: c’è quello reduce da un successo recente che ormai si sente arrivato e si ritiene ormai al di sopra della massa, c’è quell’altro che andrebbe bene ma, non essendo in promozione, per venire chiede un “gettone di presenza” troppo alto (di solito chi è in promozione, per contratto, è in qualche modo costretto a “promuovere” gratis il prodotto), un altro ancora potrebbe venire, ma non per quella puntata, un’altra poi ha appena partorito e non vuole mostrarsi alle telecamere col pancione. Insomma, come si dice, ci si mette di buzzo buono e si “fa la spunta” fino ad arrivare ai “Nomoni”, artisti con la A maiuscola che vengono solo per amicizia personale o in caso differente subentra il manager che chiede il solito cachet esorbitante completamente fuori budget. In altri casi invece i “Nomoni” vengono considerati “necessari alla causa”, una sorta di salvavita Beghelli: quando, per esempio, un programma su una rete importante sta subendo cali di ascolto preoccupanti sono chiamati per tentare di risollevarne le sorti. Ma di solito è un dato quasi matematico: quando un programma nasce male forse solo un omicidio in diretta, un rutto sparato senza ritegno da un ospite in diretta nel primo blocco del programma o lo svenimento di un concorrente senza venire soccorso (è già successo), potrebbero risollevare gli ascolti.

Prima di proseguire nella stesura dell’articolo permettetemi una breve personale digressione. Nella mia carriera d’autore ho avuto la fortuna di collaborare a più di 50 programmi, tutti di discreto successo meno uno, il tanto vituperato “Superboll” di Fiorello. Cercherò di descrivervi quello che accade solitamente quando un programma alla prima puntata “va male”: interminabili e sfiancanti riunioni coi direttori di rete, regista, autori, nelle quali vengono lette e sviscerate concitatamente le analisi di “Quelli del marketing”, veri detentori della Sacra verità catodica; atmosfera tesa ed elettrica, tiepide critiche alla collocazione in palinsesto e alla scenografia, primi tentativi sostanziali di cambiamenti strutturali, poi i primi leggeri scaricabarile del tipo “Io l’ avevo detto prima” fino a terminare con quello che chiosando dice: “Suvvia ancora nulla è perduto, rimbocchiamoci le maniche e vediamo come va la seconda puntata”. Se poi anche la seconda puntata va male, vi consiglio di non trovarvi nei paraggi o se doveste passare nelle vicinanze, camminate rasente i muri perchè sentirete volare moccoli, coltelli, urla, strepiti e quant’ altro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





17
novembre

IL TELECOMANDO, LA GUIDA TV DI DM: 17 NOVEMBRE 2009 [GRAN FINALE PER LE IENE CON LO SCHERZO A 007 CORONA]

Prime time

Raiuno, ore 21.10 Un medico in famiglia 6, dodicesima puntata – 1^TV

Compleanno a sorpresa: Vedendo Guido con sua sorella Albina, Maria si è convinta che suo marito abbia una relazione con un’altra donna. Quando l’equivoco si svela la giovane dottoressa tira un sospiro di sollievo, ma non sa che Guido l’ha veramente tradita! Il compleanno di Lele è alle porte e quando si compiono cinquant’anni si fanno dei bilanci: Lele ha costruito molto nella sua vita, ha una bella famiglia, ma l’amore? Ha davvero voglia di invecchiare da solo? E poi perché nessuno gli fa gli auguri? Si sono forse dimenticati di lui? Ciccio è tutto preso dai preparativi del suo matrimonio con Miranda ma quando viene a sapere che Tracy è tornata a Roma, non resiste e va a trovarla al maneggio. Zia Pasquina è ancora ricoverata in clinica e Dante e Melina si godono la loro casetta, ma per quanto?. Questo matrimonio non s’ha da fare: Scoperto il tradimento di Guido, Maria ha sbattuto il marito a dormire sul divano. I due sposini non vorrebbero dire niente alla famiglia del loro litigio, ma è difficile nascondere qualcosa quando si abita in una casa così affollata. E così una mattina Maria fa le valige e se ne va a vivere da sola con Palù. Lele e i gemellini tra un mese ripartiranno definitivamente per Parigi ma nessuno dei tre ne ha molta voglia. e poi a Lele manca Bianca: non può credere che sia finito tutto così. E allora fa una pazzia: prende un aereo e vola da lei. Alla vigilia del matrimonio con Miranda, Ciccio si sente sempre più confuso.

Raidue, ore 21.05   Senza Traccia - 6×010 Babbo Natale cercasi - 1^ TV

Babbo Natale cercasi (Titolo originale: Clause and effect): Glen Beckett, giovane prodigio della matematica, ha scelto di lavorare come Babbo Natale in un Centro Commerciale. Quando scompare, i sospetti si concentrano su una donna insistente, il vecchio Babbo Natale a cui ha soffiato il posto, un usuraio o un professore con cui Glen aveva collaborato.

Raidue, ore 21.50 Criminal Minds – 4×15 Quando non c’è un perchè - 1^ TV

Quando non c’è un perchè (titolo originale: Zoe’s reprise): A Cleveland, le autorità locali chiedono l’aiuto della squadra investigativa per dare la caccia ad un serial killer: sembra che quest’ultimo utilizzi per i suoi omicidi alcuni modus operandi creati da famosi killer del passato.


25
ottobre

X FACTOR PUNTA SULL’EX FACTOR: ASIA ARGENTO OSPITE D’ECCEZIONE NELLA PROSSIMA PUNTATA

Asia Argento e Morgan (XFactor)Ci hanno provato con le solite liti, le urla e persino minacciando clamorose defezioni. Ma niente. Hanno ripiegato, allora, sulla super ospite internazionale e il risultato è stato ancora peggiore. Risollevare gli ascolti di XFactor è diventata una missione impossibile. E così non è rimasto che puntare sul caro vecchio gossip che difficimente delude. A farne le spese sarà, manco a dirlo, il beniamino del pubblico Marco Castoldi, in arte Morgan. Il giudice, infatti, nella puntata di mercoledì prossimo, secondo quanto riportato dal quotidiano Libero, come un novello Albano Carrisi, si troverà fianco a fianco con la sua ex fidanzata storica, nonchè madre della piccola AnnaLou, alias Asia Argento.

La figlia del re dell’horror succederà a Daria Bignardi, Skin, Samuele Bersani & co, nelle vesti di quarto giudice d’eccezione della trasmissione. Ebbene, cari cultori del pettegolezzo finalmente avrete modo di vederci chiaro su una coppia che tanto ha fatto parlare di sè e che definire eccentrica sarebbe certamente riduttivo. Una lunga storia d’amore, la loro, tra trasgressione, tira e molla e, soprattutto, tante dichiarazioni contrastanti a mezzo stampa.

Succedeva, infatti, che a distanza di pochi giorni si poteva leggere, su un giornale, Morgan dichiarare tutto il suo amore per quella che considerava la sua anima gemella; su un altro, invece, la Argento raccontare degli ultimi sei uomini con cui aveva avuto a che fare, e che avevano fatto cilecca. Ma non solo: come non ricordare l’invito “a fare da madre” che il povero Morgan rivolgeva ad Asia, dopo “una sparizione” di sette giorni? Un valzer di frecciatine e dichiarazioni d’amore che si è protratto fino alla rottura definitiva avvenuta nell’agosto 2007, anche qui non senza incongruenze: un tradimento di Asia, secondo Morgan (Asia mi ha ucciso” avrebbe poi dichiarato il Castoldi); l’aver cominciato una storia troppo giovani e l’esser troppo simili, secondo l’attrice.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,





17
ottobre

LA PARIETTI SENZA LE SUE OSPITATE: L’ALBA DI UN NON RITORNO

Alba PariettiO ci è o ci fa. Ovvero: o l’essere opinionista è la sua vera natura oppure fa l’opinionista pe’ campà, in attesa di nuove proposte lavorative. Parliamo di Alba Parietti e del suo cambio di scuderia: dai corridoi di Mamma Rai fino ad arrivare, questa stagione 2009/2010, alla corte (e dentro i programmi) della Bislacca di Cologno.  Un affarone? Non diremmo proprio.

Il pregio e insieme il difetto di Pomeriggio Cinque e Domenica Cinque è quello di sembrare un unico, grande contenitore settimanale, senza soluzione di continuità tra giorni feriali e dì festivo. La cosa fidelizza il pubblico, ma, a volte, risulta ridondante nei temi da trattare e degli ospiti che intervengono.

Non che la nostra Alba a viale Mazzini avesse vita facile o migliore, ma, almeno, il padrone di casa cambiava e la seduta pure e la cara Parietti, come una Barbie con diritto di parola, riusciva a differenziare e a dare una cifra diversa ad ogni sua apparizione. Fino allo scorso anno, infatti, potevamo ammirarla in tutte le ore e in tutte le vesti: l’Alba (ex?) coscia lunga, nella terza Camera di Bruno Vespa; l’Alba da salotto, su uno sgabello di Lamberto Sposini; l’Alba passionaria, nell’Arena di Massimo Giletti. Ed ora? Ora ci è rimasta l’Alba impoltronata.


10
ottobre

LAMBERTO SPOSINI: IL “BELLO DELLA DIRETTA” CAMBIA FORMULA E SI UNIFORMA ALLA BISLACCA CONCORRENZA

Lamberto Sposini (La Vita in Diretta)Quest’anno non si è rimboccato le maniche e conduce, ormai, giacca sempre indosso ma senza sgabelli e gnocche di turno. Questa tutta la revolution attuata da Lamberto Sposini ne La Vita in Diretta. Poca cosa? Non diremmo.

Dopo un anno interlocutorio, per la stagione 2009/2010 il buon Lamberto ha deciso di rinnovarsi, in sordina ma con fare sornione, come suo solito. Via, quindi, i trespoli di Cucuzziana memoria con su appolaiata una De Grenet alle prese con le difficoltà di crescere solo il suo bambino (e trovare un altro grande amore) o una Prati libera – e chissà per quanto - dagli impegni del Bagaglino (e pronta, anche lei, a trovare un altro grande, giovane amore). E dentro, allora, qualche poltrona concessa in comodato d’uso dal buon Vespa, che tanto ci ricordano una certa bislacca dirimpettaia …

Il rotocalco del pomeriggio di Raiuno sembra aver, infatti, imboccato la strada di successo percorsa da circa un anno da Pomeriggio Cinque. Poco gossip, se non nostrano, ché costa meno. E tanti “tema del giorno” che infiammano ospiti, pubblico in studio e pubblico da casa, mentre il conduttore lascia correre per qualche minuto, giusto il tempo di prendere le distanze da urla imperanti e riprendere le fila del discorso lasciato (sempre) a metà, per ridare, poi,  l’appuntamento ad un altro giorno, stesse facce e stesse discussioni. A reti unificate, però!


25
maggio

BREVEMENTE: ARGOMENTI ED OSPITI DEI PRINCIPALI PROGRAMMI DEL 25 MAGGIO 2009

Scorie - Victoria Cabello (Brenda Lodigiani)
Brevemente

Lilli Gruber e Federico Guglia ospiteranno in studio gli eurocandidati Gabriele Albertini del PdL; Antonio Panzeri del PD e Mara Bizzotto della Lega. All’interno la rubrica “Il punto” a cura di Paolo Pagliaro.

Ad Annozero, in onda eccezionalmente di lunedì, si parlerà di Milano, la città capitale dell’industria italiana che cambia pelle. L’edilizia è la nuova frontiera produttiva, con interessi che riguardano gli imprenditori di diversi settori, i grandi consorzi e i costruttori. L’Expò di Milano del 2015, con un investimento di 15 miliardi di euro, è la grande occasione per rimettere in moto l’economia della capitale lombarda, ma con i rischi di grandi speculazioni. Come impedire le infiltrazioni criminali nei grandi appalti? Come reagisce la popolazione al grande progetto che ridisegnerà la città? I soldi per l’Expò, in un momento di crisi economica, dove si troveranno? Milano da mangiare è il titolo della puntata. Ospiti in studio il sindaco di Milano Letizia Moratti, l’ amministratore delegato della società Expò 2015 Lucio Stanca e il leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro.

Protagonisti dell’ottava puntata: Nicoletta Romanoff, la coppia comica Katia e Valeria, Pino Quartullo, Rolando Ravello e Lucia Vasini. Varcata la porta che divide lo “studio” dal “palco”, ognuno dovrà cimentarsi nella prova di immedesimazione e bluff andando “a braccio” senza aver avuto la possibilità di prepararsi alcunché ma affidandosi esclusivamente alla propria creatività e al talento. Ad attenderli nel “nuovo mondo” troveranno alcuni colleghi (attori professionisti ma non di fama) che avranno il vantaggio di muoversi su un copione ed una sceneggiatura già scritti. Un aspetto che differenzia il programma dal classico match d’improvvisazione e lo rende combinazione originale di show televisivo e sit-com.