maurizio casagrande



8
maggio

SULLE NOTE DEL “PIPER” TORNA SU CANALE 5 LA MAGIA DEGLI ANNI SESSANTA

Piper - Valeria Marini, Teo Mammucari, Anna Falchi

Arrivano da questa sera su Canale5, tra intrecci sentimentali, gag comiche e colpi di scena, i mitici anni 60, con la fiction “Piper“, seguito ideale del tv movie firmato da Carlo ed Enrico Vanzina andato in onda a maggio 2007.

A dare il titolo a questa nuova produzione è il celebre locale romano di via Tagliamento, simbolo di un’epoca e punto di riferimento dell’Italia che si affaccia alla modernità. La serie, in 6 puntate da 100 minuti, vuole essere un omaggio alla “commedia italiana”, in cui un pout pourri di personaggi ci invita ad entrare nella bella vita di un tempo, in quegli anni del boom economico e del cambiamento. Una fiction corale, sentimentale e un pò nostalgica, in cui la vita notturna del Piper si intreccia con l’alta società, la politica e il mondo del cinema dei celeberrimi B-movies. A fare da sfondo alle vicende dei personaggi che il pubblico imparerà a conoscere, grande protagonista sarà la musica. Le note delle canzoni che hanno trovato la loro fortuna all’interno del Piper, dal quale è partito il loro successo e la loro diffusione, cercheranno di restituire il sapore della magia degli anni Sessanta. E proprio le canzoni della serie tv saranno raccolte in “Back To Piper” un CD dal sapore amarcord.

Protagonista maschile è Teo Mammucari nei panni del trentacinquenne Flavio Fedele, un rampante e squattrinato rivenditore di automobili che tenta la scalata sociale e trova l’amore in Sabrina Amadori, interpretata da Anna Falchi. A causa dei pesanti debiti che ha contratto, però, Flavio deve chiedere aiuto all’onorevole De Vito (Gianni Ferreri), il quale riesce a ottenere una proroga dei suoi pagamenti. Quando il politico scopre che la moglie di Flavio è la sua ex amante, avranno luogo una serie di situazioni esilaranti. Al fine di rovinare il loro matrimonio, infatti, De Vito cerca di mandare sul lastrico Flavio e di aiutare Sabrina a riprendere la carriera di attrice, visto che conosce un influente produttore cinematografico, Ernesto Zappa (il comico Enzo Salvi), che sta facendo fare una carriera importante a Doretta Lee, un’attrice specializzata in B-movies i cui panni sono vestiti dalla bella Valeria Marini.




6
marzo

TORNANO I RACCOMANDATI DI PUPO. E CON LORO ANCHE IL MAESTRO PREGADIO, PRESENZA FISSA NEL CAST DEL PROGRAMMA

Questa sera, in prime time su Raiuno, tornano I Raccomandati. Il programma, giunto all’ottava edizione, passa nelle mani di Pupo che, in questa nuova avventura, potrà avvalersi della collaborazione di un nutrito gruppo di compagni di viaggio, fra i quali spicca, a sorpresa, il nome di Roberto Pregadio.

L’adorato direttore d’orchestra, ironico fustigatore di migliaia di bizzarri dilettanti allo sbaraglio, dopo il polemico abbandono de “La Corrida”, torna in tv, fortemente voluto da Gianni Ippoliti, con il quale vestirà gli inediti panni di nobile selezionatore di nuovi “padrini”, pronti a elargire raccomandazioni agli italici talenti. “Sono profondamente emozionato per questo ritorno, dal momento che in Rai ho vissuto gli anni professionali più belli della mia vita“: queste le parole, in conferenza stampa, di un commosso Pregadio. Parole che, certamente, risuoneranno nelle orecchie dei vertici Mediaset alle prese con una Corrida che, quest’anno, stenta a decollare.

Un frizzante Pupo ha, simpaticamente, fatto notare come, nonostante non sia una bella donna, egli, negli anni, non abbia mai saputo dire di no al direttore Fabrizio Del Noce e alle sue lusinghiere offerte professionali. Anche stavolta, un po’ come avvenne tempo fa, quando uscito dalla doccia, a sorpresa, ricevette un’inaspettata telefonata in cui gli veniva offerta la guida di “Affari tuoi“, Pupo ha detto sì accettando, immediatamente, di sostituire un impegnatissimo Carlo Conti. Obbediente al suo solo istinto, e mai a studiate strategie professionali, il cantante toscano raccoglie la proibitiva sfida di scontrarsi con la macchina cattura-ascolti dei Cesaroni e mostra, quasi fosse un fortunato presagio, una maglia, da lui realizzata anni fa, sulla quale campeggia il motto: “Viva Pupo, abbasso i pupazzi – per una televisione senza raccomandazione“.

Nella seconda parte del post il cast completo e i raccomandanti della prima puntata: