Massimiliano Rosolino



5
maggio

Giro d’Italia 2017: diretta tv e radio dal 5 al 28 maggio. Ecco dove e quando seguire la 100° corsa rosa

Giro d'Italia 2017

Giro d'Italia 2017

Il Giro d’Italia arriva alla 100° edizione e riparte da Alghero per una corsa storica. Come ogni anno, si rinnova lo sforzo della Rai con un’offerta televisiva di circa 170 ore, tra programmi e dirette. Le sette tappe di montagna, inoltre, per la prima volta saranno trasmesse live integralmente. Ma il Giro, oltre che sui canali Rai (Rai 2 e RaiSport+ HD), sarà anche su Eurosport e in radio.




26
aprile

Piccoli Giganti al via su Real Time con Gabriele Corsi. In contemporanea su La5 le repliche di Pequenos Gigantes

piccoli giganti corsi e giorgino

Piccoli Giganti: Corsi e Giorgino

Tutto pronto per il debutto di Piccoli Giganti. L’adattamento made in Discovery del Pequeños Gigantes di Canale 5 farà il suo esordio stasera alle 21.10 su Real Time (canale 31). Nuova rete, nuova veste. Sei gli appuntamenti in prime time previsti per il baby talent in questione, il cui cast è stato completamente rinnovato.


7
marzo

BOOM! Piccoli Giganti sbarca su Real Time con la conduzione di Gabriele Corsi. Brescia e Rosolino capisquadra

gabriele corsi

Gabriele Corsi

Sarà il primo show di prime time, nel senso canonico del termine, di Real Time. Da metà aprile (probabilmente mercoledì 19) il canale 31 ospiterà Piccoli Giganti, versione made in Discovery del Pequeños Gigantes di Canale 5. Se, infatti, a Cologno hanno deciso di affidare a Gerry Scotti e a Little Big Show la quota baby, il gruppo guidato da Marinella Soldi ha scelto di ripescare il formato di origine messicana. Inevitabili alcune modifiche.





29
dicembre

IL RICCO E IL POVERO: CHEF RUBIO TORNA SUL NOVE CON MASSIMILIANO ROSOLINO, ARISA E FRANCESCO PANNOFINO

Chef Rubio

Chef Rubio

Da Dubai a Copenaghen passando per altre affascinanti mete. No, non si tratta del nuovo singolo di Giusy Ferreri, ma dell’itinerario previsto per la nuova edizione de “Il ricco e il povero” in onda da gennaio sul canale Nove. Prodotto da Magnolia, l’adventure game ha già fatto proseliti grazie ad una puntata pilota che ha visto come protagonisti chef Rubio e Costantino della Gherardesca. Due personaggi ai poli opposti tra loro, due grandi città da scoprire attraverso due modi parecchio differenti di affrontare il viaggio e la sua filosofia.


16
ottobre

NINJA WARRIOR: 200 GUERRIERI PER UNA FORTEZZA DI 24 METRI DA SCALARE NEL ‘GIOCHI SENZA FRONTIERE’ DEL NOVE

Rosolino, Russo, Di Domenico, Corsi

Che la sfida tra i palinsesti tv fosse agguerrita s’era capito chiaramente. E adesso l’ultimo acquisto di casa Discovery  decide di puntare su “aspiranti guerrieri” per affrontare la concorrenza. Stasera, ore 21.15, canale NOVE (simulcast per la prima puntata su Real Time, Dmax, K2 e Frisbee): queste le coordinate per assistere a Ninja Warrior, format nato in Giappone che sbarca in Italia reduce dai successi registrati in terra francese, tedesca e statunitense.





13
novembre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (4-10/11/2013). PROMOSSI GLI #EMA2013 E ROSOLINO, BOCCIATI SCHERI E D’EUSANIO

pagelle Miley Cyrs

Miley Cyrus (getty images)

Promossi

9 agli MTV EMA 2013. Ancora una volta il network che fa capo a Viacom riesce ad organizzare un evento coi fiocchi, capace di unire star della musica e grande spettacolo. La premiazione si conferma un successo per l’auditel del canale 8 raggiungendo l’1.5% di share pari a 418.000 spettatori.

8 a Massimiliano Rosolino. Forte, competitivo e caparbio, l’ex nuotatore, in coppia con Marco Maddaloni, si aggiudica con merito la seconda edizione di Pechino Express. Voto 0 alla mega “gaffe” del programma che ha concesso a Sorrisi di intervistare i vincitori prima della messa in onda della finale senza considerare l’eventuale rischio spoiler, che puntualmente si è trasformato in realtà.

7 alle “imitazioni impossibili” di Gabriele Cirilli a Tale e Quale Show. Il comico romano e la sua missione si inseriscono perfettamente nella sapiente orchestra diretta da Carlo Conti.

6 a Miley Cyrus. Una canna accesa ad Amsterdam, in fondo, non è una cosa così rivoluzionaria, eppure basta all’ex Hanna Montana per tener fede al suo (nuovo) personaggio. Astutamente, nel corso degli EMA 2013, la cantante si esibisce anche senza ballare nel tentativo (vano?) di dimostrare di poter dominare il palco con la sola voce. Voto 1 alla censura dell’”intervento fumoso” di Mtv America (per maggiori info clicca qui).

Bocciati


5
novembre

MASSIMILIANO ROSOLINO A DM: AVREI PREFERITO I LAUREATI ALLE MODELLE. PENSO CHE AVREI VINTO ANCHE SE FOSSE RIMASTA ALESSANDRA SENSINI

Massimiliano Rosolino e Marco Maddaloni

Alla fine, la vittoria è finita nelle loro mani. Fin dall’inizio dell’avventura di Pechino Express 2 gli Sportivi erano dati per favoriti e, dopo un’infinità di prove e missioni da compiere, sono riusciti a primeggiare e ad avere la meglio sulle Modelle Francesca Fioretti e Ariadna Romero e sui Laureati Laura Coratelli e Daniel Moreno Mendoza. A parlare, al riparo dall’umidità dei Paesi mediorientali e dai passaggi miracolosamente intercettati, è Massimiliano Rosolino, un personaggio non certo estraneo alle sfide che, dopo essersi distinto nel nuoto e aver trovato l’amore a Ballando con le Stelle, è riuscito a portarsi a casa anche un’altra medaglia: quella di vincitore, assieme a Marco Maddaloni, della seconda edizione di Pechino Express.

Hai vinto Pechino Express: com’è stato?

Beh direi che è abbastanza figo (ride, ndDM). Ho vinto delle emozioni, perché quando fai questi reality non ti capita di poterli rifare e per uno sportivo è molto delicata come esperienza. Ci tenevo tanto ad arrivare fino in fondo, a divertirmi, a divertire e a far sì che valesse la pena arrivare così lontano. Ieri è stata una grande soddisfazione, poi non ho certo vinto da solo, ma prima con la Sensini che era bravissima e poi con Marco, che è stato il mio gemello. Con la Sensini era stancante aspettare ogni giorno che passassero le tappe, i checkpoint e le ospitate la sera, mentre dopo, con Marco, siamo diventati dei veri boy-scout.

Se Alessandra Sensini fosse rimasta in gioco, avresti vinto lo stesso?

Bella domanda! Io dico di si, perché sono positivo (ride, ndDM). Lei era molto forte, così come tutte le donne di quest’edizione, dalla Marchesa a Corinne. L’unione di due sportivi che hanno voglia di divertirsi, però, ha avuto la meglio…

Le vittorie sono però arrivate con Marco…

Con la Sensini avevamo già vinto due tappe e con Marco ne abbiamo vinte altre tre, per poi aggiudicarci l’ultima. Alcuni giorni eravamo bravi, altri un po’ meno. Partivamo come dei diesel all’interno di ciascuna tappa ed era importante cercare di mantenere quella resistenza e quella velocità…

Dato che Pechino è un reality abbastanza fisico, possibile che, nel corso del viaggio, non ti sia mai sentito la vittoria in tasca?

No, perché non era fisico. Eravamo più allenati degli altri, ma alla fine la Marchesa è arrivata fino alle quinta puntata e andava più forte di noi. Potevi prendere un pullman che ti portava a destinazione, andare a piedi, usare tre macchine: occorreva una strategia. Ci voleva un po’ di gavetta e l’ho fatta con Alessandra e, quando è arrivato Marco, io ero già forgiato e lui ha dato una grande mano. Siamo entrati subito in sintonia, eravamo un branco in due: riuscivamo a reclutare passaggi, a farci ospitare…

Dicci la verità: eri a tuo agio con quel costumino all’inizio della Finale?


4
novembre

PECHINO EXPRESS 2: VINCONO GLI SPORTIVI ROSOLINO E MADDALONI

Pechino Express 2 - Gli Sportivi vincono

Il viaggio partito lo scorso 8 settembre 2013 da Hanoi, nel Vietnam, è stato lungo, difficile e faticoso per le nove coppie che si sono sfidate nelle dieci tappe della seconda edizione di Pechino Express. Scalate, gare di alta resistenza fisica, colazione a base di tarantole fritte, esercizi di logica e soprattutto capacità di adattarsi alla realtà locale sono state solo alcune delle sfide che Ariadna Romero, Francesca Fioretti, Massimiliano Rosolino, Alessandra Sensini, Marco Maddaloni, Massimo Ciavarro, Paolo Ciavarro, Daniela del Secco D’Aragona, Gregory Jayasena Sangapala Arachchinge Don, Corinne Clery, Angelo Costabile, Alessio Sakara, Stefano Venturini, Niccolò Centioni, Micol Olivieri, Daniel Moreno Mendoza, Laura Caratelli, Giovanni Teodori e Costantino “Costia” Teodori hanno dovuto affrontare per arrivare in Thailandia e raggiungere l’obiettivo Bangkok.

Pechino Express 2: i vincitori sono gli Sportivi, seconde le Modelle

Le tre coppie arrivate sul podio si sono sfidate questa sera nella finalissima che ha consacrato i campioni di Pechino Express 2: gli Sportivi Rosolino e Maddaloni hanno vinto meritatamente raccogliendo l’eredità degli attori Alessandro Sampaoli e Debora Villa che trionfarono nella prima edizione del programma. La loro avventura è stata lineare fin dall’inizio e sempre segnata da successi, anche se la formazione iniziale composta da Rosolino e Alessandra Sensini, definiti in origine gli Olimpionici, è stata modificata in corso d’opera per cause di forza maggiore: la campionessa di windsurf si infortunò e Maddaloni arrivò a sostituirla. Leali, concentrati e coraggiosi, i due scugnizzi napoletani hanno dimostrato che vincere qualche volta è un’attitudine.

Al secondo posto si sono classificate Ariadna e Francesca, le Modelle che all’inizio piangevano per qualsiasi cosa e sembravano fragili e totalmente impreparate all’avventura e invece alla fine si sono rivelate due guerriere, che non hanno mai smesso di combattere sempre con il sorriso sulle labbra e cercando di non calpestare i piedi a nessuno. A parte l’attacco di panico della Romero dinanzi agli scarafaggi da mangiare, ovviamente. Le due, grandi amiche anche nella vita, fino alla scorsa tappa non avevano vinto nulla, ma sono poi riuscite a trionfare nella semifinale.