Mark Harmon



22
agosto

I PIU’ PAGATI DELLA TV AMERICANA: SVETTA IL TRIO DI THE BIG BANG THEORY, HARMON (525.000$) BATTE KEVIN SPACEY (500.000$)

Jim Parsons, Kaley Cuoco e Johnny Galecki

E poi c’è chi dice che studiare non serve a nulla! Sono, infatti, una giudice e dei secchioni i paperoni della tv a stelle e strisce. Come ogni anno, Tv Guide ha reso noti i compensi delle star catodiche, e al vertice dello speciale ranking troviamo ancora una volta Judy Sheindlin (protagonista di un seguitissimo court show), con 47 milioni di dollari a stagione. Sul fronte serie tv, invece, i più pagati della tv americana sono Jim Parsons, Kaley Cuoco e Johnny Galecki, protagonisti di The Big Bang Theory, freschi di un rinnovo contrattuale che li ha portati quasi a triplicare i compensi rispetto all’ultima stagione. Per loro 1 milione di dollari ad episodio più una percentuale sui profitti della serie.

I più pagati della tv americana: Mark Harmon primo nei drama

Se in ascolti The Big Bang Theory riesce di poco a superare NCIS, per i compensi c’è un abisso. Mark Harmon, anima della serie crime, porta, infatti, a casa poco più della metà dei protagonisti della sitcom preferita dai nerd. Per lui 525.000 dollari ad episodio e la soddisfazione di essere l’attore di drama più pagato. L’agente speciale Gibbs batte anche Kevin Spacey, che per il suo ruolo in House of Cards intasca 500.000 dollari ad episodio.

Ha dovuto rinunciare al titolo di donna più pagata in assoluto per accontentarsi di quello di “regina dei drama”, Mariska Hargitay che, per dare il volto ad Olivia Benton in Law and Order: Unità Speciale, riceve 400.000 dollari ad episodio. Stabili i compensi di Patrick Dempsey e Ellen Pompeo, a quota 350.000 euro, pari al doppio della cifra che l’ex di Grey’s Anatomy, Kate Walsh, intascherà per la nuova comedy Bad Judge.




21
agosto

I PIU’ PAGATI DELLA TV AMERICANA: ASHTON KUTCHER (750.000 $ A PUNTATA) BATTE ANCORA MARK HARMON (525.000$). MA LA PAPERONA E’ LA GIUDICE JUDY

Ashton Kutcher in Due Uomini e Mezzo

La classifica completa verrà pubblicata domani – 22 agosto – su Tv Guide Magazine, ma intanto vi diamo alcune anticipazioni su chi sono i personaggi televisivi americani più pagati. Tra i protagonisti delle serie, il salario più alto va a Ashton Kutcher. L’ex marito di Demi Moore, che si è guadagnato all’altare il titolo di prototipo dei “toy boy”, si conferma, per il secondo anno consecutivo, l’attore più pagato per la sua interpretazione in Due Uomini e Mezzo. Diciamo che con quello che guadagna lui per una puntata, parecchi di noi ci estinguerebbero il mutuo per un appartamento di 100 metri quadrati in zona residenziale romana con posto auto e cantina. Vi risparmiamo di farvi i conti. Il ragazzo guadagna ben 750.000 dollari a puntata. 50.000 in più rispetto allo scorso anno. Giustamente, l’inflazione. 100.00 dollari in meno a puntata per Jon Cryer, con cui Kutcher divide il set della serie. Anche lui però siamo sicuri non ha problemi con il mutuo.

Al terzo posto, nella classifica generale, troviamo Mark Harmon storico e perfetto interprete di Ncis. L’attore, che comunque mantiene il titolo di più pagato in una serie drammatica, non ha comunque difficoltà ad arrivare a fine mese. Per lui il compenso è di 525.000 dollari a puntata a cui però bisogna aggiungere una parte dei profitti dello show. Nella classifica è presente anche il suo collega di serie Michael Weatherly, che conosciamo come l’agente Di Nozzo, che, “parisalario” con l’apprezzatissima Claire Danes di Homeland, porta a casa 250.000 dollari per episodio (come anche Damian Lewis, altro protagonista di Homeland). Attrice pagatissima è poi Mariska Hargitay di Law & Order SVU, che guadagna 400.000 dollari a puntata. La metà li spende probabilmente in sonniferi per dormire, visti i temi affrontati dalla serie.

Tornando alle serie comedy, presenti naturalmente gli attori di The Big Bang Theory, serie ormai diventata cult per gli appassionati di genere. Kaley Cuoco, Johnny Galecki, and Jim Parsons guadagnano 350.000 a episodio, ma i loro contratti sono in scadenza ed è presumibile che verranno ritoccati nettamente al rialzo. 350.000 dollari a puntata anche per i protagonisti storici di Grey’s Anatomy, Patrick Dempsey, Ellen Pompeo e Sandra Oh, al suo ultimo anno nel cast. Parità di cachet per vampiri e pubblicitari. Jon Hamm di Mad Men e i tre protagonisti di True Blood, Stephen Moyer, Anna Paquin e Alexander Skarsgard guadagnano infatti 275.000 dollari per episodio. A 225.000 dollari per puntata troviamo invece i protagonisti di How I Met Your Mother.


3
ottobre

DM LIVE24: 3 OTTOBRE 2012. BONCOMPAGNI: “LA SANTANCHE’ LA BRUCEREI VIVA”, NICOLE MINETTI RESTA IN REGIONE

Daniela Santanchè

Daniela Santanchè

>>> Dal Diario di ieri…

  • Mark Harmon sulla Walk of Fame

PierVivaCanale5 ha scritto alle 16:01

La lunga e prestigiosa carriera di Mark Harmon ha ottenuto oggi il riconoscimento della stella sulla Walk Of Fame di Hollywood. .La stella di Harmon è stata posizionata al numero 6253 di Hollywood Boulevard e ha coinciso con l’inizio della decima stagione della popolare serie televisiva americana. “Sono fiero di essere un attore che lavora – ha detto Harmon – durante la cerimonia, alla quale ha partecipato l’intero cast di NCIS – E’ qualcosa che ho tentato di fare per lungo tempo, quando ho iniziato, qui, molti anni fa.(fonte Ansa)

  • Nicole Minetti resta in regione

“Resto in Regione fino al 2015, alla fine della legislatura. Resisto, ci mancherebbe altro”. Così Nicole Minetti, consigliere regionale del Pdl, a La Zanzara su Radio24, programma condotto da Giuseppe Cruciani e David Parenzo con Gabriele Parpiglia. “Non mi sono pentita di aver sfilato alla settimana della moda – dice ancora la Minetti – perchè io non mi pento mai di quello che faccio. Anzi, lo rifarei. Gli attacchi? Andare contro di me ormai è una moda e finisci anche sui giornali”.  Le piace l’imitazione di ‘Quelli che il calcio’? “Ho riso dall’inizio alla fine – dice ancora la Minetti – lei ha un grande talento, è molto simpatica. Mi fa divertire tantissimo”.

  • Boncompagni scatenato contro il Pdl “La Santanchè la brucerei viva in piazza”

Critico Tritatutto ha scritto alle 00:36

Botta e risposta tra Gianni Boncompagni e Daniela Santanchè. L’autore televisivo, ieri, è stato intervistato a La Zanzara, il programma su Radio24 condotto da Giuseppe Cruciani. E a una domanda sulle prossime elezione politiche del 2013, non ha certo usato giri di parole per pronosticare il risultato del Pdl. Da elettore confesso del Pd (“alle primarie sceglierò Renzi” ha detto), Boncompagni ha detto che il partito di Berlusconi “non prenderà voti, perchè ormai la gente ha capito. Chi vota ancora Berlusconi è un ignorante e un analfabeta, certo non una persona informata”. A quel punto Cruciani, annusando l’odore del sangue, ha chiesto a Boncompagni un’opinione su Daniela Santanchè, che in questo perdiodo sta godendo di particolare visibilità all’interno del Popolo della libertà. E lui: “La Santanchè io la brucerei viva in piazza”.





17
agosto

I PIU’ PAGATI DELLA TV AMERICANA: LA PAPERONA E’ ‘JUDGE JUDY’. NELLE SERIE ASHTON KUTCHER BATTE TUTTI CON 700.000 DOLLARI AD EPISODIO. 350.000 PER I BIG DI GREY’S ANATOMY, 75.000 PER LEA MICHELE

Ashton Kutcher in Due Uomini e Mezzo

Chissà come commenteranno nella nuova stagione di Forum la sorprendente notizia che emerge dalla consueta classifica annuale di Tv Guide sulle celebrità più pagate della tv americana. Al primo posto, infatti, tra i Paperoni, non ci sono nè Jay Leno o David Letterman – che si portano a casa rispettivamente 25 e 28 milioni di euro l’anno –  ma svetta una giudice di un “court show” quotidiano, tale Judy Shendlin. La protagonista assoluta di Judge Judy incassa ben 45 milioni di dollari più del doppio del collega Joe Brown che intasca 20 milioni. Una cifra quest’ultima di tutto rispetto se si pensa che la popstar Mariah Carey, giurata più pagata di sempre in un talent show (dietro di lei Howard Stern di America’s Got Talent), percepisce 17 milioni. Principesco anche il salario di 21,5 milioni di dollari corrisposto al giornalista Matt Lauer, co-conduttore di Today, morning show della Nbc.

In una tv dominata da fiction dunque, si nota che paradossalmente non sono gli attori a guadagnare di più. Nel mondo della serialità a stelle e strisce si aggiudica la medaglia d’oro Ashton Kutcher. Per la sua interpretazione nella sitcom Due Uomini e Mezzo, l’ex di Demi Moore porta a casa ben 700 mila dollari ad episodio (il suo predecessore Charlie Sheen superava il milione) staccando il collega di set Jon Cryer, al secondo posto della speciale classifica con 600 mila dollari, e Mark Harmon, protagonista di NCIS che intasca mezzo milione ad episodio. A quest’ultimo, però, va il titolo di attore di drama più pagato.

Alle sue spalle troviamo Mariska Hargitay (Law and order: Unità speciale) con 385 mila dollari e tre attori principali di Grey’s Anatomy. Patrick Dempsey, Ellen Pompeo e a sorpresa Sandra Oh percepiscono compensi pari a 350 mila dollari ad episodio. Seguono Simon Baker che, per il ruolo di Patrick Jane in The Mentalist, guadagna 300 mila dollari a puntata, Michael C. Hall alias Dexter che, con 295 mila dollari, stacca Jon Hamm, a quota  250 mila. Il Don Draper di Mad Men guadagna 25 mila dollari in più rispetto a David Boreanaz (Bones), Ted Danson (CSI) e Kiefer Sutherland (Touch).


21
marzo

NCIS LOS ANGELES: IN ACCOPPIATA CON LA SETTIMA STAGIONE DI NCIS DEBUTTA LA SERIE PIU’ ATTESA PER IL PUBBLICO DI RAIDUE

Un successo straordinario, costruito anno dopo anno, quello raggiunto da NCIS e che non poteva non “prolificare”. Da una costola del terzo show più seguito d’America è nato NCIS Los Angeles, serie pronta a debuttare stasera alle 21.50 su Raidue, in accoppiata con gli episodi inediti della serie madre. Per la prima volta, infatti, la seconda rete della TV di Stato viaggia a ridosso della programmazione telefilmica statunitense. Tra poche ore vedremo, dunque, la prima parte della settima stagione di NCIS e della prima stagione di NCIS Los Angeles che hanno debuttato Oltreoceano nel settembre 2009 con successo (quasi 20 milioni di spettatori la media d’ascolto sinora per NCIS; quasi 18 milioni per la serie costola).

Di NCIS Los Angeles gli spettatori più fedeli del telefilm interpretato da Mark Harmon e Micheael Weatherly hanno avuto già un assaggio, il 21 e il 28 febbraio scorso, quando Raidue ha trasmesso l’episodio doppio “Leggenda”, un back door pilot della nuova serie. Nell’episodio, a seguito di una indagine, gli agenti speciali del NCIS di Washington operavano un caso speciale in collaborazione con l’ufficio NCIS di Los Angeles, quello il cui raggio d’azione va dalla baia di San Francisco a San Diego. Il pubblico italiano ha potuto constatare così i numerosi punti in comune tra le due serie crime. 

Il back door pilot ha introdotto i protagonisti, Chris O’Donnell (Batman & Robin, Max Payne) e LL Cool J. (Swat, nella mente del serial killer). Il primo veste i panni di G. Callen, capo agente operativo, misterioso e caparbio,  che torna dopo quattro mesi di convalescenza e ritrova tutti i suoi compagni e il suo amato lavoro. LL Cool J. dà il volto, invece, a Sam Hanna soldato modello, ex-membro della sezione elite dei SEAL, in continua sfida con Callen, suo partner, per risultare sempre il migliore.





6
settembre

NCIS: IL SEGRETO DEL SUCCESSO DEL SERIAL DI PUNTA DI RAIDUE. DA STASERA LA SESTA STAGIONE

NCIS SESTA STAGIONE CAST

Ci sono storie e personaggi che hanno un effetto dirompente sul pubblico ma che altrettanto dirompentemente fanno perdere le proprie tracce. Altre, invece, hanno bisogno della forza del tempo per imprimersi nella mente del telespettatore. Un successo che proprio perché costruito giorno per giorno diventa più che mai difficile da abbattere. E’ il caso di NCIS acronimo di Navy Criminal Investigative Service.

Nato come costola di Jag, NCIS non ha mai suscitato il clamore di Desperate Housewives o di Lost, ma col passare del tempo è diventato uno tra i telefilm più visti. Lo è sulla Cbs, dove la sesta stagione ha registrato oltre 17 milioni di telespettatori, seconda, in termini di audience, solo a CSI e dove a breve darà vita a uno spin off (NCIS Los Angeles); lo è su Raidue dove, nonostante la difficile collocazione domenicale, è riuscito spesso a oltrepassare la soglia dei 4 milioni di telespettatori. Proprio sulla seconda rete della Tv di Stato, da stasera alle 21, potremmo seguire i 25 episodi inediti della sesta stagione del telefilm prodotto da Donald Bellisario.

Il merito del successo di NCIS non è, dunque, da rintracciare nell’originalità del format (una squadra di agenti speciali che si occupa di tutti i crimini che ruotano intorno alla Marina Militare degli Stati Uniti) che appare come una sorta di incrocio tra CSI e Jag, ma nella bravura di chi ha saputo, all’interno del concept, architettare trame e personaggi. Sono proprio quest’ultimi il vero “marchio di fabbrica ” di NCIS: si va dal burbero capo, Gibbs (Mark Harmon), al playboy appassionato di cinema, Di Nozzo (Michael Weatherly), all’eccentrica tecnica di laboratorio con la battuta pronta, Abby (Pauley Perrette) o all’insicuro “pivello” McGee (Sean Murray).