Mario Monti



19
gennaio

MARIO MONTI OSPITE AD OTTO E MEZZO. AL PREMIER PIACE LA TV

Mario Monti

Marietto nostro sarà anche sobrio ed elegante, ma quanto gli piace andare in tv? Domani sera nuova performance televisiva per il Premier Monti, che sarà ospite in diretta a Otto e mezzo, in onda su La7. Il Presidente del Consiglio siederà nello studio di Lilli Gruber e per la prima volta parteciperà ad una trasmissione che non sia prodotta dal servizio pubblico Rai.

Nelle sue precedenti comparsate a favore di telecamera, lo abbiamo visto a Porta a Porta di Bruno Vespa, dove ha esposto le prime misure adottate dal suo governo. Poi, di recente, Monti si è recato nel salottino buono di Fabio Fazio, a Che tempo che fa. In quell’occasione, il pubblico ha assistito ad un’intervista surreale, priva di domande che si potessero definire tali.

Stavolta, invece, il tour televisivo del premier continuerà a Otto e mezzo, da Lilli Gruber. Nei mesi scorsi la conduttrice aveva ospitato il professor Monti quando ancora il Governo era presieduto da Berlusconi e l’Italia subiva le vessazioni delle agenzie di rating. Ora è cambiato qualcosa e il factotum di Palazzo Chigi è lui, superMario.




10
gennaio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (1-8/01/2012). PROMOSSI FRANCESCA MICHIELIN E LIPPI, BOCCIATI INCONTRADA E BAUDO

Pippo Baudo e Antonella Clerici

10 a Francesca Michielin, degna vincitrice per un’edizione da ricordare di XFactor.

9 a Claudio Lippi. Al timone ‘per caso’ de La Prova del Cuoco, il conduttore se l’è cavata egregiamente. Non era facile entrare in un meccanismo ben rodato, eppure Lippi sfoggiando la sua proverbiale ironia ha saputo destreggiarsi con garbo e prontezza tra le varie rubriche del programma.

8 a Cielo che si aggiudica Michele Santoro e il suo Servizio Pubblico (per maggiori info clicca qui). Finito MasterChef, non c’era modo migliore per far restare acceso il canale 26 che accalappiarsi il teletribuno.

7 al #TwittaSerie (per maggiori info clicca qui). Un’idea semplice, come quella di riassumere un’intera serie tv nell’arco di un semplice tweet, ma altamente efficace. Sky conferma le buone sue abilità nel campo del marketing.

6 al Chiambretti Muzik Show che diventa Chiambretti Show. A mali estremi, estremi rimedi.


8
gennaio

MARIO MONTI A CHE TEMPO CHE FA: DAVANTI AL PREMIER FAZIO FA L’EVASORE

Mario Monti, Che tempo che fa

Et voilà, la lezioncina è servita. L’intervista a Mario Monti andata in onda stasera a Che tempo che fa è stata un esperienza surreale, accademica. Da una parte c’era l’attesa per la seconda ospitata televisiva del premier, dall’altra la speranza che la sua presenza negli studi Rai fosse l’occasione per metterlo alla prova. Dai che Fazio lo torchia, speravano in molti. E invece nisba, di domande incalzanti non se ne sono sentite e quella che era stata annunciata come una trasmissione “esclusiva” si è rivelata uno smaronamento galattico.

Più che un’intervista, nello studio di Che tempo che fa è andato in onda un monologo interrotto da considerazioni. Nel corso del suo intervento, il premier ha parlato della manovra anti-crisi annunciando l’intenzione di ammodernare il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali. Tante parole. Poi ha tenuto un seminario sulla solidità del sistema-euro, sul fisco, sulle banche, mentre Fazio annuiva convinto.

Monti ha inoltre mostrato di aver acquisito l’arte di parlare per minuti senza dire un fico secco. Nella sua prima apparizione televisiva a Porta a Porta era parso più impacciato. E pensare che all’inizio della trasmissione Fazio aveva annunciato l’intenzione di dar voce alle domande degli italiani: piano disatteso. Il politicamente corretto ha dettato i tempi della conversazione e il conduttore si trovato così ad evadere i buoni propositi.





5
gennaio

MARIO MONTI OSPITE A CHE TEMPO CHE FA

Mario Monti

E meno male che voleva stare lontano dalle telecamere… Dopo l’ospitata a Porta a Porta per presentare agli italiani la manovra anti-crisi, Mario Monti torna in tv. Domenica prossima, 8 gennaio, il premier sarà ospite di Che tempo che fa. Il programma condotto da Fabio Fazio inaugurerà l’anno nuovo con una trasmissione in diretta, assolutamente unica ed esclusiva: sulla poltroncina bianca dell’intervistato ci sarà il Presidente del Consiglio.

Dopo l’approvazione del decreto Salva Italia (leggasi stangata) e la conferenza stampa del 29 dicembre scorso per annunciare la successiva operazione Cresci Italia, Monti approderà su Rai3 per illustrare la situazione economica del Paese ma anche le prospettive di sviluppo. Una nuova lezioncina in diretta tv?

Al suo esordio televisivo, nella terza Camera di Porta a Porta, il premier si era presentato nelle vesti del tassator cortese e aveva spiegato la necessità dei sacrifici richiesti. “Gli italiani capiranno” aveva detto a Bruno Vespa con tono robotesco. Come si comporterà al cospetto di Fabio Fazio?


6
dicembre

PORTA A PORTA, MARIO MONTI TIRA LA MAZZATA ANCHE IN TV: “GLI ITALIANI CAPIRANNO”

Mario Monti, Porta a Porta

Alla fine c’è cascato pure lui, il tassator cortese dal piglio “sobrio” e deciso . Ed eccolo lì, accomodato sullo scranno candido della terza Camera televisiva proprio come i suoi predecessori. Il premier Mario Monti ha partecipato alla eccezionale anteprima di Porta a Porta andata in onda questa sera dalle 20.40 alle 21.10. Un’ospitata per raccontare ai cittadini i dettagli della mazzata anti-crisi del Governo attraverso le domande del cerimoniere Bruno Vespa.

Davvero eravamo a un passo dal tracollo come la Grecia? Quale è stata la misura che le è costata di più? Le famiglie potranno aspettarsi degli sgravi? Il conduttore di Porta a Porta interroga il Primo ministro, che risponde con fare accademico e robotesco. “Ho-chiesto-agli-italiani-molti-sacrifici” spiega, ”ma l’alternativa era che lo Stato non potesse più pagare gli stipendi e le pensioni (…) Sono sicuro che gli italiani capiranno“. Il Professore lascia intendere che la medicina amara sia stata necessaria, anche se dalle sue parole non traspaiono sentimenti: il tono è quello algido del dentista che ti spiega la devitalizzazione di un canino.

Vespa insiste sulle origini della crisi, sulle regole spietate delle agenzie di rating. “I mercati sono delle bestie feroci, utili ma sbilanciate (…) Dobbiamo domare i mercati non demonizzarli“commenta superMario senza scomporsi. Poi annuncia che l’Esecuitivo ha in programma di introdurre altre soluzioni per risollevare il Paese. Annamo bene, proprio bene. Momento cult quando il conduttore fa notare la buona tenuta del premier nei sondaggi. “Allora avrei dovuto intervenire di più nella manovra” chiosa Monti con cinica ironia.





2
dicembre

MARIO MONTI OSPITE A PORTA A PORTA PER SPIEGARE LA MANOVRA ANTI-CRISI. RAI1 MODIFICA IL PALINSESTO

Mario Monti

Il “sobrio ed elegante” premier Mario Monti è al lavoro e si appresta ad illustrare il suo decreto anti-crisi alla Camera. La Terza Camera, of course. Martedì prossimo il presidente del Consiglio sarà ospite di Porta a porta, per presentare agli italiani i contenuti della manovra (leggasi: maxi stangata) che il Consiglio dei Ministri discuterà lunedì in Aula. Riforma previdenziale, tagli, Irpef, Ici e chi più ne ha più ne metta… Al cospetto di Bruno Vespa, il Professore snocciolerà punto per punto le soluzioni pensate dal Governo per salvare l’Italia dal rischio default.

Qualcuno storce il naso di fronte a questa decisione, ma la scelta di andare in tv è una delle più azzeccate tra quelle che superMario ha preso sin ora. Sulla poltroncina candida di Porta a Porta, il premier potrà argomentare e giustificare al meglio le ‘mazzate’ che il nuovo Esecutivo di appresta a varare. Al suo fianco ci saranno anche i ministri dello Sviluppo economico, Corrado Passera e del Welfare, Elsa Fornero. L’auspicio è che Vespa inviti un parterre di giornalisti in grado di incalzare gli esponenti del Governo, mettendoli per la prima volta di fronte alle domande dei cronisti e al giudizio dell’opinione pubblica.

Per l’occasione si aprirà una finestra di 30 minuti in prima serata su Rai1, in sostituzione de I Soliti Ignoti, dalle 20.35 alle 21.05, per poi continuare la puntata nel tradizionale appuntamento in seconda serata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


20
novembre

#308 – I 6 GIORNI CHE HANNO CAMBIATO L’ITALIA: SU SKY UNO HD IL RACCONTO DELL’APOCALISSE (POLITICA)

Mario Monti, Silvio Berlusconi... per chi suona la campana

Il racconto dell’apocalisse in presa diretta, con le voci dei protagonisti e le scene più emblematiche del finimondo (politico). Saranno questi i contenuti di #308 – I 6 giorni che hanno cambiato l’Italia, l’esclusivo instant doc che verrà trasmesso questa sera su Sky Uno HD. Il reportage, realizzato da un gruppo di giovani autori e videomaker, ripercorrerà le recenti giornate di crisi sottoforma di diario. Il risultato sarà un mosaico suggestivo, capace di proporre in 30 minuti (e senza filtri) le notizie dello spread alle stelle, i commenti dei comuni cittadini e dei media internazionali alle dimissioni di Silvio Berlusconi e all’avvento del divino Mario Monti.

La storia dei “sei giorni che hanno cambiato l’Italia” inizierà da un ‘tweet’ del vicedirettore di Libero Franco Bechis, che annunciava agli internauti: “ora ho notizie certe. Berlusconi si dimette“. Da lì, le voci sul tracollo politico dell’ex premier si sarebbero rincorse all’impazzata, fino ad una effettiva conferma: Silviuccio molla! Dai Palazzi del potere alla strada, gli autori dell’instant doc di Sky Uno HD hanno catturato con una telecamera i momenti più significativi di quella che in molti hanno definito come la fine di un’epoca caratterizzata dalla presenza assoluta del Cavaliere.

Le riprese sono state realizzate giorno per giorno e contemporaneamente montate, con un lavoro sperimentale e allo stesso tempo innovativo, caratterizzato dal racconto della cronaca in tempo reale. Tale aspetto ha inciso molto sullo stile della narrazione, asciutto e immediato, scelto come leitmotiv del documentario. Così, lo sguardo dei videomaker proverà ad intrecciarsi con quello dei telespettatori, che in parte conoscono i fatti raccontati (ma non i retroscena cronachistici).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


16
novembre

LORENA BIANCHETTI FOLGORATA DAL “SOBRIO ED ELEGANTE” MARIO MONTI ALL’ITALIA SUL 2

Lorena Bianchetti

Adesso si, va già meglio. Molto meglio. Con l’incoronazione a premier di Mario Monti l’Italia è tornata a respirare: aria pura e profumata. Pensate, c’è chi giura di aver sentito addirittura le campane a festa quando stamane il Professore ha sciolto la riserva e dato avvio al nuovo Governo. Anche il piccolo schermo sta seguendo i primi passi dell’Esecutivo appena nominato, con una particolare venerazione per il cosiddetto “Montistyle“. Alla trasmissione pomeridiana L’Italia sul 2, ad esempio, ne vanno già pazzi.

Oggi il programma di Rai2 si è occupato dell’argomento nella sezione condotta da Lorenza Bianchetti, la quale è apparsa folgorata dal profilo “sobrio ed elegante del nuovo premier. Un amore a prima vista. La conduttrice, in particolare, si è riferita alla regolatezza che caratterizza Mario Monti, nel lavoro come negli affetti familiari. Il noto economista, infatti, è sposato da 40 anni con la signora Elsa, con la quale condivide “sobriamente” la vita privata. A proposito, la Bianchetti ha riportato una battuta fatta da Fiorello al piùgrandespettacolodopoilweekend: “per trovare un gossip Monti bisogna leggere Famiglia Cristiana…“.

La conduttrice dell’Italia sul 2 ha mostrato alcune foto dell’elegante premier al lavoro, mentre gli ospiti in studio dicevano la loro. Poi ha rincarato la lode, pardon la dose, raccontando al pubblico che in questi giorni il Professore ha alloggiato all’hotel Forum, un modesto quattro stelle. Una scelta sobria (aridaje) e morigerata, contro ogni spreco di denaro. Di certo – ha proseguito la Bianchetti – Monti non ha scelto un albergo “da 30mila euro a stanza. “E il riferimento non è a caso” ha aggiunto la conduttrice sibillina, dialogando con Sergio Rizzo del Corriere. Dunque, a chi si riferiva la stoccata?