Maria Concetta Mattei



7
dicembre

PRIMA DELLA SCALA 2014: ASSENTI NAPOLITANO E RENZI MA NON MANCA VALERIA MARINI. LA DIRETTA SU RAI5

Teatro alla Scala

È l’evento culturali e mondano più celebre d’Italia. La Prima della Scala quest’anno vedrà protagonisti il direttore d’orchestra Daniel Barenboim e la regista Deborah Warner, ma soprattutto uno dei più grandi compositori di tutti i tempi: Ludwig van Beethoven con il suo “Fidelio”. L’evento sarà trasmesso in diretta e in esclusiva da Rai5 (oltre che su Rai HD canale 501 e Radio3), questo pomeriggio a partire dalle 17.30.

Prima della Scala 2014 senza Napolitano e Renzi ma con Valeria Marini

L’inaugurazione scaligera di quest’anno sarà orfana sia del Presidente della Repubblica che di quello del Consiglio, evento rarissimo che non si verificava dagli anni ‘60. Giorgio Napolitano aveva da tempo annunciato la sua assenza, mentre Matteo Renzi avrebbe rinunciato per sopravvenuti impegni dell’ultima ora. Sul fronte istituzionale ci si dovrà accontentare del Presidente del Senato Piero Grasso, del ministro della Cultura Dario Franceschini, del Governatore della Lombardia Roberto Maroni e del sindaco di Milano Giuliano Pisapia. In mezzo a tanti forfait, un’unica certezza: quella di vedere in teatro Valeria Marini. L’attrice, da anni presente alla prima della Scala, ha confermato anche per la prima del 2014 la sua presenza.

Prima della Scala in diretta –  Tutti i numeri della messa in onda su Rai5

Grande cura è stata riservata dalla Rai alla ripresa audio e video dello spettacolo – della durata di ben 3 ore – con 10 telecamere in alta definizione, due microcamere posizionate sulla scena e 60 microfoni che serviranno per la trasmissione stereofonica in radio e con audio HD 5.1 in tv. Più di un mese di preparazione per lo staff di regia, che segue la messa in scena dello spettacolo a partire dalle prime prove. L’intera squadra di ripresa, composta da circa 50 persone tra cameraman, microfonisti, tecnici audio e video, è  invece entrata in gioco progressivamente a partire da due settimane prima della prima.

Prima della Scala in diretta – Conducono Michele dall’Ongaro e Maria Concetta Mattei




31
gennaio

BALLANDO CON LE STELLE 6: GIURIA INCOERENTE E ASSENZA DI GARA FANNO PERDERE PUNTI ALLO SHOW. ELIMINATA MARIA CONCETTA MATTEI

Che Ballando con le Stelle stia diventando la fiera dell’ovvio, non crediamo ci siano dubbi (e la quarta puntata non ha fatto altro che confermarlo). Ma che volesse addirittura conquistare l’etichetta di “sagra di paese”, non eravamo riusciti ad immaginarlo.

Colpa del misfatto, di nuovo,  la “giuria tecnica“, che di tecnico sembra avere poco o nulla a dire il vero. Viene infatti da chiedersi cosa abbiano fatto i “Fantastici 5” (così li ha definiti, si spera ironicamente, Milly Carlucci) per meritarsi un posto così rilevante all’interno del talent di RaiUno. Tolto Guillermo Mariotto, che un perchè lo ha sempre avuto (o, quantomeno, se l’è costruito), tra i restanti giurati è guerra aperta sul giudizio più comico e insensato. Menzione d’onore per Carolyn Smith che, giunti alla quarta puntata, non ha ancora ben chiara la responsabilità di cui è stata investita. Poco tecnici e troppo emotivi, i giudizi della bionda scozzese, unica esperta di danza nel gruppo, risultano sempre più spesso amatoriali, perennemente influenzati da fattori esterni poco affini alla materia in questione.

Tornando alla “gara”, se così possiamo definirla, a fare le spese di questo clima è stata soprattutto Margherita Granbassi, portata nuovamente al ballottaggio per salvaguardare il tronchetto di turno (il tesoretto è infatti toccato a Cecilia Capriotti). Il pubblico, mosso probabilmente da compassione, ha però deciso di salvarla preferendola a Maria Concetta Mattei (eliminata con il 18% dei voti) e Raz Degan.


24
gennaio

BALLANDO CON LE STELLE: TANTE ESIBIZIONI NON FANNO UNA GARA. LA SFIDA TRA I GIURATI AFFOSSA LE COPPIE MIGLIORI. ELIMINATO STEFANO MASCIOLINI

Nella prima puntata abbiamo conosciuto i protagonisti, nella seconda abbiamo appuntato le loro capacità danzanti, nella terza, che ha visto l’eliminazione di Stefano Masciolini, ci si aspettava come minimo un po’ di sana competizione. Competizione che, purtroppo, è ancora solo superficiale.

Tolta la prova a sorpresa che ha visto sfidarsi due coppie per volta (come dai noi auspicato) e il torneo con i babyvip, gli autori di Ballando con le stelle continuano a puntare sulle peculiarità caratteriali dei singoli protagonisti piuttosto che sulla gara danzante tra gli stessi. Non ce ne voglia la padrona di casa, ma viene spontaneo chiedersi come sia possibile proporre per l’ennesima volta una carrellata infinita di esibizioni che, inevitabilmente, fa perdere ritmo al programma e alimenta dubbi sulla validità dello stesso.

Più che una gara tra ballerini, la sesta edizione di Ballando si sta rivelando una sfida comica tra giurati che, mossi da simpatie e antipatie, affossano ripetutamente le coppie obiettivamente migliori. Evidentemente non competente o, forse, inaffidabile, la commissione “tecnica” ha mostrato tutta la sua poca serietà con l’assegnazione a Maria Concetta Mattei dell’importante tesoretto (faticosamente conquistato dal divertito Maurizio Costanzo), salvata non perchè meritevole ma per tastare il livello di gradimento della collega Benedetta Valanzano. Ampiamente superato il test (la Valanzano ha vinto al ballottaggio con il 70% dei voti), si spera che, anche per una questione di rispetto nei confronti del pubblico e del cast, si ritorni presto alla normalità.

Dopo il salto le due coppie migliori e peggiori della terza puntata di Ballando con le stelle:





17
gennaio

BALLANDO CON LE STELLE: LA POLEMICA TRA VERONICA OLIVIER E LA GIURIA TOGLIE SPAZIO ALLA GARA E LO SHOW PERDE PUNTI (DI SHARE). ELIMINATO STEFANO PANTANO

“Mai adagiarsi sugli allori”: mai consiglio fu più profetico, verrebbe da dire. Con una differenza di mezzo milione di telespettatori, si accorciano nettamente le distanze tra Ballando con le stelle, vincitore della serata, e Io Canto.

Finito infatti l’effetto curiosità, la seconda puntata, che ha visto l’eliminazione di Stefano Pantano, è proseguita “liscia come l’olio”. Nulla di particolarmente emozionante, nulla di particolarmente nuovo, nulla che potesse incollare il pubblico al piccolo schermo. E cozza certamente con lo spirito dello show il fatto che il momento clou della puntata sia stato rappresentato dalla polemica tra l’infortunata Veronica Olivier e la giuria tecnica (rea di essere poco professionale) piuttosto che la gara in sè.

La speranza è che già dalla prossima settimana il gruppo di autori si dia da fare e inizi a puntare più sul torneo (magari proponendo delle sfide tra coppie e non la semplice carrellata di esibizioni) che sul, comunque gradito, contorno.

Dopo il salto le coppie migliori e i 5 momenti da ricordare della seconda puntata di Ballando con le stelle.

[nggallery id=21]


10
gennaio

BALLANDO CON LE STELLE: MILLY CARLUCCI PUNTA SULL’”USATO SICURO” E UMILIA GERRY SCOTTI. ELIMINATO MAURIZIO BATTISTA

Con il 29% di share e 6 milioni di telespettatori (qui i datiMilly Carlucci ha letteralmente stracciato la concorrenza e può continuare senza grattacapi l’avventura di Ballando con le stelle. Merito certamente di una formula ben collaudata nella precedente edizione e di uno show garbato ed educato dove la sana competizione, qualche battibecco tipico dei reality e la magica atmosfera danzante incollano facilmente allo schermo.

Ciò non vuol certo significare che il talent di RaiUno sia esente da difetti. Come da premesse, Milly Carlucci ha puntato sull’”usato sicuro” riproponendo (potenziandole) le stesse dinamiche (vincenti, per carità)  viste in passato. Oltre ai 12 concorrenti “fotocopia” della precedente edizione, è stato impossibile non notare anche gli stessi comportamenti da parte dei diretti interessati (se il tenebroso Lorenzo Crespi ha preparato il terreno per RVM ed esibizioni lacrimose, l’esuberante Benedetta Valanzano non è rimasta alla finestra e ha già messo in atto la lovestory con il “cuore di ghiaccio” Dima Pakhomov). E se è vero che gli aspiranti ballerini hanno letteralmente bruciato le tappe, è altrettanto vero che la giuria non è stata da meno scegliendo sin da subito i propri cavalli di razza e palesando pertanto tutta la sua inaffidabilità “tecnica”. D’altro canto non possiamo non sottolineare la (prevedibile) professionalità della conduttrice che è addirittura riuscita, alla faccia dei detrattori, a chiudere ad un orario “umano” (00.36) con l’eliminazione di Maurizio Battista.

Il successo ottenuto non si discute, ma rimane lecito chiedersi se il gruppo di autori non poteva osare di più, soprattutto in ottica concorrenziale, magari introducendo qualche succosa novità che il pubblico, anche quello dei “fedelissimi”, avrebbe senza dubbio apprezzato. Per il momento chapeau a Milly, ma è sempre bene ricordare che “adagiarsi sugli allori”.

Dopo il salto i dieci momenti da ricordare della prima puntata di Ballando con le stelle.





9
gennaio

BALLANDO CON LE STELLE 6, IL CAST: MARIA CONCETTA MATTEI, UNO SGUARDO DI GHIACCIO NEL TALENT DI RAIUNO

E’ pratica comune ingaggiare per i reality personaggi che necessitano più o meno urgentemente di una rinascita catodica. Viene da chiedersi quindi il motivo per cui  nel cast di Ballando con le stelle 6 figuri anche Maria Concetta Mattei, da anni giornalista alla guida del TG2 che non ha certo bisogno di “seconde opportunità” nella vita lavorativa.

Diplomata in maturità classica, laureata in Economia e Commercio all’Università di Trento, studentessa presso l’East Henderson High School del Nord Carolina, Maria Concetta Mattei, classe 1957, inizia negli anni ‘70 a collaborare per alcune televisioni e radio locali finchè, alla fine del decennio, entra in Rai vincendo un concorso per giornalisti.

Per anni alla redazione Rai di Trento (in cui si occupa principalmente di cronaca nera), Maria Concetta ottiene il tesserino da giornalista professionista nel 1981 e dieci anni dopo viene catapultata nella redazione del TG2, di cui tutt’ora fa parte e per cui conduce l’edizione serale.


22
dicembre

BALLANDO CON LE STELLE 6: IL CAST E’ COMPLETO. TRA GLI ALTRI: RAZ DEGAN, MARIA CONCETTA MATTEI E MARGHERITA GRANBASSI

BALLANDO CON LE STELLE 6

Ho voglia di ballare con te… soltanto io e te!” poi un accenno di coreografia, il sorriso smagliante e l’aplomb che si addice alle conduttrici istituzionali: dopo l’esperienza talentuosa e un po’ pasticciata di “Miss Italia 2009” e la parentesi di Telethon, Milly Carlucci torna al comando del suo “Ballando con le stelle e scende in pista per la sesta edizione del talent-show ballerino di Raiuno. Al suo fianco, come al solito, Paolo Belli e la sua “Big band” e una corte di aspiranti ballerini pronti a mettersi in gioco tra valzer, merengue e tango.

L’appuntamento è fissato per sabato 9 gennaio, ovviamente in prima serata, e, seppur il format rimanga sostanzialmente invariato nella riproposizione, anche quest’anno “Ballando con le stelle” punta a risollevare le sorti dei varietà di Raiuno grazie ad un cast variegato e magari a qualche “simpatica rivalità tra i concorrenti” che movimenti un pò la diretta.  Ornella Muti, Aldo Montano, Clotilde Courau (in Filiberto di Savoia), Alberto Tomba: sono stati molti i nomi ventilati per questo sesto galà e poi smentiti. Ora, a poche settimane dall’inizio, la “dozzina ballerina” è ufficiale e si può già provare a scommettere sui probabili “negati” per il ballo da sala.

Gli attori Ronn Moss, Raz Degan e Lorenzo Crespi, il comico Maurizio Battista, il surfista Stefano Masciolini e lo schermidore Stefano Pantano, dovranno vedersela contro un sestetto femminile agguerrito e variegato. Nella compagine gonnellata infatti troviamo: Barbara De Rossi, Cecilia Capriotti, la giornalista Maria Concetta Mattei, Veronica Olivier (appena vista al cinema nell’ultimo film di Federico Moccia), Benedetta Valanzano (già Valeria della soap “Un posto al sole”) e l’ex santorina Margherita Granbassi, sempre più sensibile alle sirene delle show-business.