Marco Rossetti



4
aprile

LE MANI DENTRO LA CITTA’: MARCO ROSSETTI HA COSTRUITO BENE L’INCARNAZIONE DEL MALE

Le Mani dentro la città - Marco Rossetti

Se sapesse che i telespettatori italiani non sembrano apprezzare troppo Le Mani della cittàstasera in onda con la quarta puntata – tanto da preferirle perfino la scialba Pista di Rai 1, probabilmente Pinuccio Marruso non ci penserebbe due volte a sparare nel mucchio per punirli a modo suo. Il cattivissimo giovane boss in ascesa della fiction Taodue è infatti uno dal grilletto facile, una testa matta del tutto bruciata dalla droga che sta creando non pochi problemi al commissario Mantovani (Simona Cavallari) e all’ispettore Benevento (Giuseppe Zeno).

Le Mani dentro la città: Marco Rossetti interpreta Pinuccio Marruso

Con quella sigaretta perennemente ficcata in bocca e i movimenti a scatti, è l’immagine stessa dell’irrequietezza e risulta quanto mai credibile, potremmo dire uno degli elementi migliori di tutto il prodotto. Merito anche di Marco Rossetti, l’attore che lo interpreta e che è riuscito a donargli quell’ansia che lo divora, dettata dall’insicurezza: Pinuccio ha paura di non essere all’altezza del padre Carmine (Andrea Tidona) – un cattivo nudo e crudo, che ha fatto uccidere perfino la propria figlia – e vuole dimostrare più in fretta possibile il contrario.

Per Rossetti questo ruolo così difficile, ma di sicuro stimolante, arriva dopo undici anni di gavetta, nel corso della quale ha però già avuto modo di farsi conoscere dal pubblico televisivo. Nato a Roma nel 1985, appassionato di pallanuoto, ha esordito a teatro nel 2003 e, dopo dei piccoli ruoli nella quinta e settima stagione di Distretto di polizia, nel 2009 è arrivato sul grande schermo diretto da Guido Tortorella in Liberiamo qualcosa. Nel 2012 ha preso parte al videoclip del brano di Emis Killa Parole di ghiaccio, ma la sua grande occasione l’ha avuta con Ris Roma – Delitti Imperfetti, in cui ha interpretato l’esperto di esplosivi Bartolomeo “Bart” Dossena, un carabiniere tutto d’un pezzo e capace di grande autocontrollo. Ovvero, ciò di cui il “buon” Pinuccio è totalmente privo.

Le Mani dentro la città: che sarà di Pinuccio Marruso? (anticipazioni)




22
marzo

RIS ROMA 2: NUOVE INDAGINI E DELITTI IMPERFETTI DA QUESTA SERA SU CANALE 5

Ris Roma 2

Arriva questa sera alle 21.10 su Canale 5, Ris Roma 2, Delitti Imperfetti, la serie  targata Taodue, nata come spin off di Ris Delitti Imperfetti. La versione alla amatriciana di CSI, vedrà anche in questa seconda stagione nuovi casi e indagini da risolvere, grazie alle modernissime tecnologie che negli ultimi tempi hanno caratterizzano l’investigazione scientifica. Dopo il cambio di sede dello scorso anno, la squadra dei Ris si è stabilita definitivamente a Roma, con un cast confermato e qualche novità.

Guidato dal capitano Lucia Brancato (Euridice Axen), il gruppo ha ormai più di un anno di attività alle spalle, e dopo qualche incomprensione iniziale si è rivelato piuttosto affiatato e determinato nella quotidiana lotta contro la criminalità. Nella nuova serie diretta da Francesco Micciché, subentrato a Fabio Tagliavia, maggiore attenzione  verrà data ai sentimenti e alle emozioni dei protagonisti, a partire dal capitano  Brancato, protagonista di numerosi colpi di scena. L’immarcescibile capitano finirà per sottovalutare delle minacce di stalking, che si riveleranno pericolosissime.

Il Tenente Daniele Ghirelli “Ghiro” (Fabio Troiano), presente nei RIS ancor prima del trasferimento nella capitale, sarà invece promosso Capitano. Un salto di carriera e allo stesso tempo di responsabilità che lo metterà a dura prova. Il suo istinto per l’improvvisazione dovrà convivere con il senso del dovere di Bartolomeo Dossena per gli amici Bart (Marco Rossetti), il tenente dal fisico atletico, specializzato in balistica ed esperto di esplosivi.


18
marzo

RIS ROMA: I DELITTI IMPERFETTI SI SPOSTANO NELLA CAPITALE. DEL VECCHIO CAST SOLO TROIANO E ICHYIKAWA

Dopo gli ascolti non brillantissimi delle ultime serie riparte stasera RIS. Per il ritorno della fiction forse più avvincente e innovativa del panorama italiano una nuova formula per convincere il pubblico. La sede delle indagini si sposta infatti a Roma, da qui il nuovo titolo RIS Roma, con lo scopo di trovare nel calore delle ambientazioni più popolari della capitale una nuova chiave di interesse per stimolare gli spettatori.

Non ci sarà più a dirigere le trame il leggendario capitano Venturi, impersonato da Flaherty, ora  promosso a Maggiore dell’Arma, e questo potrebbe essere un handicap per il pubblico affezionato. Nella nuova squadra al comando di Euridice Axen, nei panni del tenente Brancato, solo due conferme del vecchio nucleo: Fabio Troiano e Jun Ichyikawa, ovvero il geniale informatico tenebroso e l’entomologa dalla vita sessuale molto segreta.

Molti i volti nuovi: a partire dal tenente Bartolomeo Dossena, interpretato da Marco Rossetti, specializzato in esplosivi, passando per la grande esperta di genetica, Costanza Moro, interpretata da Mary Petruolo, fino a Emiliano Cecchi, alias Primo Reggiani, che vestirà i panni di un giovane romano di borgata,  carabiniere sfrontato e spericolato, sempre pronto a cacciarsi nei sconta nei guai.