Linea Bianca



11
dicembre

Linea Bianca: Ossini torna in vetta (ma cambia orario) e si prepara al prime time

Massimiliano Ossini

Le vette più belle d’Italia, le emozioni ad alta quota e i segreti di chi vive la montagna saranno ancora i tratti distintivi di . Il programma condotto da Massimiliano Ossini rinnova oggi – sabato 11 dicembre – il proprio stagionale appuntamento con il pubblico di Rai1. Stavolta, però, con una novità di palinsesto: la messa in onda è slittata alle ore 15.20 (e non più alle 14), dopo Dedicato di Serena Autieri.




13
maggio

BOOM! Rai 1: Liorni anticipa e dimezza, le Linee posticipano e sbuca un nuovo show nel sabato pomeriggio

Marco Liorni

Marco Liorni

Se, cambiando l’ordine degli addendi, in matematica il risultato non cambia, in televisione sì. Il Direttore Coletta starebbe pensando per l’autunno 2021 ad uno scambio tra due programmi dell’ammiraglia Rai. Ad invertire la messa in onda sarebbero l’Italia Si di Marco Liorni e le Linee in onda qualche ora prima, sempre nel sabato pomeriggio di Rai 1.


13
dicembre

Rai 1 «si scusa per la disattenzione» di aver ospitato Mauro Corona

Mauro Corona

Mauro Corona

Il Codice Etico che vieta a Mauro Corona di apparire sulla TV del servizio pubblico dopo essere stato silurato da Cartabianca su Rai 3 ieri è stato inspiegabilmente violato da Rai 1, che ha ospitato il ‘vivace’ alpinista e scrittore friulano nella prima puntata della nuova stagione di Linea Bianca.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





12
dicembre

Rai1 accoglie Mauro Corona. Ma non era contro il Codice etico?

Mauro Corona, Linea Bianca

Ma non era «fuori dalla Rai»? Secondo il Codice Etico di Viale Mazzini, sì. Per quello che aveva detto e fatto in tv, in pratica no. Lo scrittore friulano è infatti apparso nella puntata odierna di Linea Bianca con un contributo registrato in cui ha parlato di montagna e pubblicizzato il proprio libro. Che contraddizione!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


30
novembre

Linea Bianca: la ’scalata’ di Massimiliano Ossini riparte dalla Valle d’Aosta

Massimiliano Ossini - Linea Bianca

Massimiliano Ossini - Linea Bianca

Nuove vette da esplorare e affascinanti paesaggi innevati stanno aspettando Massimiliano Ossini. Riprende oggi – dalle 14.00 su Rai1 – il viaggio di Linea Bianca, che porterà i telespettatori alla scoperta delle più belle località di montagna del nostro Paese. Orfano di Mezzogiorno in Famiglia, il presentatore – al timone del programma per la sesta volta – non sarà solo, ma accanto a lui ci saranno Giulia Capocchi e Lino Zani.





18
ottobre

Uno Mattina: arriva Massimiliano Ossini con uno spin-off di Linea Bianca

Massimiliano Ossini

La ’scalata’ di  verso le vette della nuova edizione di Linea Bianca inizia in anticipo. Già da domani! In attesa del debutto stagionale del suo programma ad alta quota, fissato per sabato 1 dicembre, possiamo anticiparvi che dal 19 ottobre l’esperto conduttore prenderà parte ad Uno Mattina con una nuova rubrica dedicata alla montagna e in onda ogni venerdì.


27
gennaio

Linea Bianca: stupore ad alta quota

Linea Bianca: Massimiliano Ossini, Lino Zani, Giulia Capocchi

Le discese ardite e le risalite. Su, fino ad alta quota, con un panorama mozzafiato attorno. C’è una «Linea Bianca» che unisce la divulgazione, l’approfondimento e lo stupore dell’escursionista sulle vette più belle d’Italia. Il programma di Rai1 in onda ogni sabato alle 14 coniuga in modo armonioso questi elementi, offrendo al pubblico un appuntamento piacevole nei contenuti e nella resa televisiva. Merito delle meraviglie montane documentate, senza dubbio, ma anche delle modalità con cui esse vengono raccontate.


17
dicembre

IL LEONE DA TASTIERA

(Giancarlo) Leone da tastiera

(Giancarlo) Leone da tastiera

Ora, che il direttore Giancarlo Leone si cimenti da tempo immemore con i cinguettii è cosa nota. Spesso e volentieri, Gianka ci regala alcune perle; perle che, in alcuni casi, rasentano la risibilità, in altri suscitano compassione. Ma ci siamo ben guardati dal ‘ricamarci’ su o, più semplicemente, dal riprenderle. Nel primo caso per questioni di uno stile che non ci appartiene; nel secondo per il rispetto che portiamo nei confronti di una persona âgé, soprattutto se questi si confronta col ‘nuovo’, a noi affine, come un bambino alle prese con barattoli di cioccolata.

Succede, però, che l’ultima Gianka-perla ci riguardi da vicino. “Questa volta @davidemaggio l’ha sparata più grossa del solito. Capita. Ma basterebbe verificare. Comunque buon lavoro. Meglio se informato.“, tuona twittando il direttore. E, a dire il vero, se non ci fosse stato quel comparativo – che ha tutto il sapore di una volontà screditatoria – avremmo probabilmente soprasseduto anche questa volta, sempre in nome di quel rispetto di qualche riga fa. D’altro canto abbiamo messo in conto sin da subito che l’essere poco governabili avrebbe potuto urtare la sensibilità di qualcuno.

Ma da una persona che ha giocato nei giardinetti del Quirinale ci saremmo aspettati un atteggiamento differente, foss’anche solo la diplomazia propria di quegli ambienti. Tuttavia, nel caso specifico, sarebbe bastata una semplicissima… lettura! Eh già, Gianka ci “accusa” di averla sparata grossa in relazione alla sostituzione di Veronica Maya alla guida di Linea Bianca. Attenzione, però: mica il direttore contesta la notizia (perchè quella è!). Contesta le motivazioni: ovvero che l’ex padrona di casa di Verdetto Finale sarebbe stata allontanata dalla tv pubblica a causa dell’incidente occorsole a Tale e Quale Show.

Bene. Volete ridere?! Non l’abbiamo mai scritto. A scriverlo, invece, sono state le numerosissime testate che hanno ripreso la nostra notizia ‘ricamandoci’ un po’ sopra e affibiandoci in alcuni casi la paternità della ‘correlazione’ scapezzolamento-epurazione. Bastava, dunque, che il direttore facesse un salto su davidemaggio.it e si informasse leggendo il pezzo piuttosto che affidarsi alla carta stampata, che evidentemente gli è tanto cara. Oppure, se proprio non sapeva come digitare d-a-v-i-d-e-m-a-g-g-i-o-.-i-t, poteva chiamare l’ottimo Fabrizio Casinelli della Comunicazione Rai per chiedergli lumi. Sicuramente si sarebbe illuminato seduta stante. Ma abbiamo il presentimento che un amorevole tweet come quello indirizzatoci ieri non sarebbe stato riservato ai ‘genitori’ dell’equivoco. In questo caso, forse, la diplomazia del Quirinale sarebbe stata rispolverata immantinente.


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »