Gino Paoli



14
febbraio

DM LIVE24: 14 FEBBRAIO 2011. GILETTI LO SMEMORATO, LA PANICUCCI TRAVOLTA, GINO PAOLI E LA NOBILTA’ DEL C…

Diario della Televisione Italiana del 14 Febbraio 2011

>>> Dal Diario di ieri…

  • Ricordate a Giletti…

mats ha scritto alle 15:12

Secondo Giletti, Signorini conduce su TELEmontecarlo. Peccato che l’emittente sia chiusa ormai da dieci anni! Voleva dire RADIOmontecarlo.

  • Capitombolo della Panicucci

mats ha scritto alle 16:40

Capitombolo della Panicucci a Domenica 5 ad opera di Alessia “Terminator” Gioffi, ex Non è la Rai che durante un’esibizione revival, dopo aver buttato in terra un leggio e il microfono, ha tentato di prendere in braccio la conduttrice non riuscendoci. A quanto pare è rimasta la stessa di vent’anni fa!

  • La Nobiltà del culo




15
maggio

TI LASCIO UNA CANZONE: GRAN FINALE CON MARCO MENGONI, GIUSY FERRERI E IL LANCIO NELLO SPAZIO DELLA CANZONE VINCITRICE

Antonella ClericiMentre su Canale5 andrà il “meglio” della nuova edizione dello Show dei record condotta da Paola Perego, Rai1 proporrà il Gran Finale della terza edizione di Ti lascio una Canzone che vedrà protagoniste le canzoni (e i bambini) rivelazione delle tre edizioni. Questa sera quindi, come sempre in diretta dall’Auditorium Rai di Napoli, il pubblico da casa tramite lo strumento del televoto potrà decretare la “canzone delle canzoni” che il prossimo novembre verrà diffusa nello spazio.

Oltre alle presenze fisse di Stefano D’Orazio e Barbara De Rossi – che commenteranno le esibizioni dei piccoli protagonisti -, ospite di questa ottava e ultima puntata sarà Paolo Nespoli, uno degli astronauti che a novembre partirà per la Stazione Spaziale Internazionale con la missione Expedition 26/27 e che avrà appunto il compito di diffondere nello spazio la canzone vincitrice (assieme agli altri segnali). Tornando invece sulla Terra, a traghettare i bambini verso la conclusione del programma ci saranno cinque grandi nomi della musica italiana: Marco Mengoni, Giusy Ferreri, Massimo Ranieri, Gino Paoli e i Dik Dik.

Nella prima fase della puntata il televoto al 50% e l’orchestra al 50% decideranno le tre canzoni che si giocheranno la finalissima tra le dieci votate nelle due puntate precedenti: Come saprei, Tanto pe’ cantà. Almeno tu nell’universo, Tu sì ‘na cosa grande, Vent’anni, A modo mio, Amor mio, Quando quando quando, Girotondo intorno al mondo e Uguale a lei. Nella seconda fase invece il solo pubblico da casa decreterà la “canzone delle canzoni” delle tre edizioni del baby varietà condotto da Antonella Clerici.


20
febbraio

L’ARISTON TORNA TEMPIO DELLA MUSICA, STRAORDINARIA LA TERZA. ANIA VINCE SANREMOFESTIVAL.59, RIPESCATI AL BANO E SAL DA VINCI

Paolo Bonolis e Kevin Spacey @ Davide Maggio .it

Terza serata del Festival e l’Ariston torna ad essere finalmente il tempio della musica attraverso una notte ricchissima, in cui l’evento torna a riaffacciarsi nella cittadina ligure e le canzoni sono state le reali protagoniste. Una festa che si è aperta degnamente con quella che è, volendo usare un termine caro a Paolo Bonolis, una vera eccellenza della musica italiana, Giovanni Allevi. E fra le note del tema de “Il Pianista sull’oceano” e un doveroso omaggio ad Oreste Lionello, la Kermesse è ripartita più in forma che mai.

Al centro dell’attenzione le giovani proposte (nella seconda parte del post le nostre pagelle), in parte oscurate dai loro stessi mentori, big della musica italiana prestati a questi inediti progetti discografici, di cui si sono fatti portavoce. Numerose le standing ovation, ormai degradate quasi al rango di una Ola qualunque, tributate dal pubblico dell’Ariston agli artisti. Dalla voce intensa di Riccardo Cocciante, alla magia di Pino Daniele, passando per la musica di Burt Bacharach, non sono mancati lunghi applausi e momenti all’insegna del puro divertimento. Lo stesso Bonolis ha esclamato “Non sembra nemmeno di essere all’Ariston”, quando il pubblico si è alzato per ballare sulle note di un medley proposto da Zucchero, Maurizio Vandelli, Dodi Battaglia e Fio Zanotti, chiamati ad accompagnare la giovane Irene Fornaciari, unica “privilegiata” insieme a Malika Ayane a poter cantare con gli artisti “accompagnatori” anche dopo l’esibizione del brano in gara. A coinvolgere il pubblico ci hanno pensato anche Lucio Dalla, che ha fatto cantare la platea, arrivando a far intonare qualche verso anche ad un imbarazzato Del Noce, e Massimo Ranieri con la sua intramontabile “Perdere L’amore”.

Momenti intensi anche quelli che hanno visto sul palco Roberto Vecchioni, che ha lanciato un messaggio ai giovani attraverso la sua “Sogna Ragazzo Sogna”, Lelio Luttazzi, per la prima volta a suonare sul palco di Sanremo ad 86 anni, e Gino Paoli che si è esibito in diversi successi accompagnato soltanto da una chitarra. Unica donna mentore la bravissima Ornella Vanoni, che ha omaggiato Luigi Tenco con una “Vedrai Vedrai” rivisitata in chiave Jazz e Mino Reitano con “Una Ragione di più”, pezzo bellissimo di cui l’artista recentemente scomparso ha scritto la musica. (Sabato, nella serata finale, la moglie di Reitano ritirerà un prestigioso premio per la carriera del marito).

Dopo il salto le pagelle delle Nuove Proposte: