giampiero mughini



15
marzo

PIERO CHIAMBRETTI DAL PROSSIMO AUTUNNO IN PRIMA SERATA?

Piero Chiambretti

L’allungamento di sei serate per il Chiambretti Night, con chiusura il 9 aprile anziché il 19 marzo (pensate, chiusura il 19 marzo!) è notizia di qualche giorno fa, ma per Piero Chiambretti le novità sembrano non finire qui. “Pierino la peste” dalla prossima stagione potrebbe, infatti, approdare in prima  serata. La notizia, ancora non confermata ma neppure smentita, lanciata da Maurizio Caverzan rappresenterebbe una nuova sfida in casa Mediaset per Chiambretti e c’è già chi è pronto a parlare di promozione visto il successo del programma.

Sfuggono, in verità, i motivi di una ‘promozione sul campo’. Se infatti il Chiambretti Night è sicuramente un prodotto gradevole e ben confezionato, non si può parlare di successo guardando gli ascolti del programma. Il night show, partito nel 2009 su Italia 1 ed in seguito trasferito su Canale 5, dopo aver cambiato diversi giorni di messa in onda si è assestato, con esito alterno, nelle serate del venerdì e del sabato (nell’ultima puntata di sabato scorso è stato superato, seppur di poco in valori assoluti, dall’Italia Mia di Maurizio Costanzo, programma dai costi certamente imparagonabili).

Risultati in grado di far riflettere i vertici Mediaset decisi forse a sfruttare maggiornamente un personaggio istrionico come Chiambretti e ad archiviare, al tempo stesso (ci sembrano queste le reali ragioni), un format che non rende quanto dovrebbe. Pierino potrebbe quindi approdare in uno show in prime time, in onda su Italia 1 o su  Canale 5, che rappresenterebbe una scommessa importante per l’azienda e per lo stesso Chiambretti, abituato sin dai tempi di Chiambretti c’è, alla night line.

Per il conduttore valdostano, ma piemontese d’adozione, sarebbe un ritorno nello slot più prestigioso a distanza di oltre 3 anni dallo sfortunato Festival di Sanremo condotto in coppia con Pippo Baudo. Festival a parte, per trovare Chiambretti in prima serata, dobbiamo tornare indietro al 1999, quando alla domenica, in una Rai 2 diretta da Carlo Freccero,  insieme agli ”avvocati” Giampiero Mughini e Aldo Busi, era il padrone di casa  dello show  Fenomeni.




3
dicembre

THE CALL: TEO MAMMUCARI TORNA AL PRIMO AMORE (GLI SCHERZI TELEFONICI) PER IL VENERDI SERA DI ITALIA1

Teo Mammucari, conduttore di The Call

Grazie agli scherzi telefonici si è fatto conoscere al grande pubblico e, con “Libero”, ha regalato alla seconda serata di Rai2 ascolti record. Passato qualche anno, Teo Mammucari torna al suo grande amore e lo fa su Italia1 con un nuovo game show in onda da stasera per tre venerdì di fila. Stiamo parlando di The call – Chi ha paura di Teo Mammucari?, programma “low budget”, curato da Giovanni Benincasa e prodotto da Neonetwork per Rti.

Il game prevede che il concorrente effettui una serie di scherzi telefonici a tema ispirati ad alcune notizie particolarmente curiose riprese dalla stampa (la confessione on line introdotta in alcune diocesi; il marito che si gioca la moglie a poker, ecc…) sostenendo una scalata nella quale non dovrà rispondere a delle domande ma compiere delle “missioni”. Superati i primi due “livelli” di tre step ciascuno, potrà giocarsi con la prova più impegnativa, il Super Premio in palio. Teo Mammucari, non farà scherzi in prima persona, ma guiderà e  assisterà i concorrenti in gara.

Non solo gioco, ma anche momenti di show con le incursioni di Massimo Bagnato e del duo “Cor-Fiatone” alias Paola Minaccioni a Federica Cifola. Giudice della riuscita o meno della performance telefonica del concorrente, oltre al conduttore e al pubblico in studio, una coppia di “esperti” che nella prima puntata saranno Giampiero Mughini e Maddalena Corvaglia. Presenze femminili del programma saranno la valletta Maristelle Garcia Polanco e sei ballerine professioniste senza “diritto di parola”.


6
ottobre

LA TELERISSA E’ SEMPRE DIETRO L’ANGOLO: VITTORIO SGARBI CONTRO LE PETTEGOLE DI POMERIGGIO CINQUE!

TELERISSA A POMERIGGIO CINQUE VITTORIO SGARBI

Noi lo avevamo detto domenica scorsa, quando l’ex moglie di Zequila ha attentato all’incolumità del caro mutanda cercando di mollargli uno schiaffone nel salotto della bislacca: cara Barbara, il trash è dietro l’angolo e la tele-rissa è sempre molto difficile da evitare.

Ne è la prova quanto accaduto oggi a Pomeriggio Cinque, durante quello che sembrava essere un tranquillo e drammatico momento di talk dedicato ad un tema quanto mai scottante come quello della violenza sulle donne. Ospite in studio, a raccontare la sua drammatica esperienza, una pacatissima Irene Fargo, alla cui calma farà da contraltare qualche minuto più tardi l’esplosione d’ira del famigerato Vittorio Sgarbi. Questi i due fronti della battaglia mediatica consumatasi pochi minuti fa su Canale 5: da un lato Daniela Santanchè e Giampiero Mughini, laureati ad honorem in opinionologia, con le loro poltrone ormai prenotate per l’intera stagione, presenze fisse dello show della Bislacca di Cologno. Dall’altro, solo ma combattivo come sempre, Vittorio Sgarbi, pronto a schierare le armi dell’urlo inesauribile e della ripetizione dell’insulto ipnotizzante che tanti caduti hanno ormai provocato nei salotti  tv (ne sa qualcosa Cecchi Paone, vittima di un “capra, capra ignorante, capra, capra” ad libitum).

Tesi del giorno dell’inferocito Sgarbi, l’inutilità di parlare di certi temi delicatissimi, sciorinati in televisione soltanto per compiacere le telespettatrici più pettegole e per riempire di gioia la fetta più voyaur del pubblico, evidentemente a secco di reality da spiare e commentare. La scena è raccapricciante e si consuma in una telerissa a distanza (il caro Vittorio è in collegamento) in cui le voci si accavallano come nella migliore delle tradizioni, e il pubblico si ribella come nella più classica delle rivolte popolari; da registrare l’intervento di una signora del pubblico, novella Masaniello, che essendosi scagliata contro il critico d’arte, è poi rimasta vittima dell’insulto ipnotico di cui sopra “ridicola, ridicola, ridicola, mi fa ridere” ripetuto fino alla nausea.