Gialappa’s Band



24
ottobre

GRANDE FRATELLO 11: LA GIALAPPA’S SI SDOPPIA E DEBUTTA SU MEDIASET PREMIUM.

Giuliano Cimetti probabile bersaglio di Mai Dire Grande Fratello

Ecco cosa significa massimizzare le risorse interne: era uno spreco tenere a libro paga i “monellacci” della Gialappa’s Band e sfruttare la loro verve esclusivamente in quella scarna (ma seguitissima) mezz’oretta di Mai dire Grande Fratello. Così da questo lunedì la Gialappa raddoppia su Mediaset Premium Extra 1 con Mai dire Grande Fratello Premium, un programma nel quale il trio commenterà in modo ironico e sarcastico – e rigorosamente in diretta – tutto ciò che accade nella tradizionale puntata del lunedì sera.

Siamo sicuri che il trio milanese non lesinerà divertenti e graffianti riferimenti ai vestitini della Marcuzzi ed ai sermoni del Signor Signorini ovvero si concentrerà sulle dinamiche che si svilupperanno tra i coinquilini, magari nei momenti immediatamente successivi ai collegamenti con la conduttrice. Infatti, i Gialappi potranno scegliere se porre l’attenzione, a seconda delle situazioni, sulle vicende in studio o in Casa.

Confermatissimo l’appuntamento con il “tradizionale” Mai dire GF, quello in onda su Canale 5 alle 00.15 circa: programma che vince (l’anno scorso arrivò a superare il 38% di share) non si cambia ed anche in questa undicesima edizione vedremo quale sarà il personaggio maggiormente preso di mira, i provini più improbabili, le vicende più segrete e piccanti (l’orario permette di approfondire anche questi aspetti). Tra i tanti candidati al dileggio, noi scommetteremmo sull’improbabile gigolò Giuliano, il poco alfabetizzato Nando e l’eccentrico David.




2
giugno

MONDIALI 2010, LA GIALAPPA’S C’E’. MA TRASLOCA SU RADIO DEEJAY.

Bandiere, berretti, sciarpe e vuvuzelas. A meno di due settimane dall’inizio dei Mondiali 2010 i calciofili di tutta Italia sono pronti a vivere le azzurre “notti magiche”, che hanno lo straordinario potere di far rivivere il patriottismo nel cuore di tutti gli italiani. Almeno una volta ogni 4 anni!

E con i Mondiali alle porte arriva una gradita “convocazione” last minute: la Gialappa’s ci sarà. Ad ufficializzare la notizia è stato Linus, stamattina, ai microfoni di Deejay Chiama Italia: quest’anno le ironiche voci del tubo catodico regaleranno i loro divertenti commenti in diretta delle partite agli ascoltatori di Radio Deejay. E pensare che poco più di un mese fa, Rai Radio Due aveva snobbato i “gialappi” cancellando improvvisamente dal palinsesto Rai dire Gol, dopo ben 16 anni d’ “amore”. Un’inaspettata esclusione per Giorgio Gerarducci, Carlo Taranto e Marco Santin che bruciava come un vero e proprio cartellino rosso. Senza contare il grande rammarico dei tanti fans del Trio.

Acqua passata, dunque, visto che i “fantastici 3” sembra siano già in riscaldamento “pre-partita”.


25
aprile

MAI DIRE PUPA: LA GIALAPPA’S BAND TORNA SU ITALIA1 TRA LE POLEMICHE

Gialappa's Band

Dopo il successo riscosso con Mai dire Grande Fratello, appendice comica del Grande Fratello che ha certamente aiutato la decima edizione a decollare dopo un inizio non proprio esaltante, la Gialappa’s Band ritorna sugli schermi di Italia1 da questa sera, domenica 25 aprile, alle 00.45 con Mai dire Pupa per commentare, a modo suo ovviamente, le gesta dei prodi concorrenti de La Pupa e il Secchione. Un ritorno tra le polemiche visto che i tre fino a pochi giorni fa non sapevano della cancellazione da Radio2 di Rai Dire Gol, irriverente programma radiofonico che ha seguito fino al 2006 tutte le partite dei Mondiali di Calcio. In un’intervista a Luca Dondoni per La Stampa (da noi ripresa), Marco Santin ha espresso tutto il proprio rammarico per la decisione di Flavio Mucciante, reo di averli epurati e sostituiti (con Simona Ventura) senza avviso. Non si è fatta attendere la risposta del Direttore di Radio2:

“Fino a poco tempo fa pareva quasi certo che la Gialappa’s avesse concluso un accordo con Sky per commentare le partite dei Mondiali di calcio. Per noi l’unica possibilità sarebbe stata quella di ritrasmettere su radio il segnale televisivo, cosa che è impensabile. Non corrisponde affatto alle nostre linee editoriali, noi vogliamo una radio con una forza propria.”

Mucciante ha tenuto inoltre a precisare che Simona Ventura seguirà sì i Mondiali su Radio Rai, ma non su Radio2:





23
aprile

RAI DIRE GOL, STAVOLTA LA GIALAPPA’S NON E’ STATA CONVOCATA AI MONDIALI

Gialappa's Band

I Mondiali li seguiranno dalla panchina o, peggio ancora, dalla poltrona di casa. I comici Marco Santin, Carlo Taranto e Giorgio Gherarducci, storici componenti dell’irresistibile “Gialappa’s band”, oggi non hanno voglia di ridere. Pare che il direttore di Rai Radio 2 Flavio Mucciante  abbia cancellato dal palinsesto Rai Dire Gol, la loro trasmissione di commento ironico  alle partite di calcio. Espulsi. Un cartellino rosso estratto dai piani alti in modo del tutto inaspettato visto che il programma, a partire dal 1994, era diventato una irrinunciabile e seguitissima alternativa alle tradizionali radiocronache.

Ora i “Gialappi” sono furiosi, non ci stanno. Questa decisione non sembrano proprio mandarla giù. E’ Marco Santin a fare da portavoce alla band comica e a raccontare con tono  risentito come sono andate le cose, in un’intervista a La Stampa.

Siamo stati completamente tenuti all’oscuro di tutto. Cancellati, senza sapere neanche perché. Ora, il mio telefono è sempre stato acceso, così come quello dei miei soci e anche il cellulare del mio avvocato funziona benissimo. Tra l’altro, lo scriva, attualmente sono singolarmente in forza a Radio 2 con il programma mattutino Grazie per avermi scelto e il direttore Mucciante poteva farmi sapere qualcosa visto che sono un uomo della sua squadra”. 

Santin racconta poi di aver chiamato, a sua volta, il direttore Mucciante senza mai aver trovato risposta. Un atteggiamento che ha lasciato stupita l’intera “Gialappa’s band”, da sempre trattata con i guanti di velluto in Rai visto che garantiva ascolti ed incassava le simpatie di un vasto pubblico di calciofili e non.


10
febbraio

RAI DIRE SANREMO SALUTA IL FESTIVAL: LA GIALAPPA’S FUORI DALL’ARISTON DOPO NOVE ANNI

Dopo nove anni di intensa collaborazione, sembra essere arrivata la crisi. Il riferimento è al binomio Gialappa’s e Rai che ha dato origine dal 2001 ad programma radiofonico diventato un piccolo cult. Con Rai Dire Sanremo, questo il titolo del programma, si commentava, nel classico modo irriverente che contraddistingue il trio, tutto ciò che avveniva davanti e dietro il palco dell’Ariston. Ma quest’anno non si farà.

Voci di corridoio dicono che la nuova dirigenza Rai non abbia trovato un accordo economico con il trio di mattatori, che in tutti questi anni aveva cercato di avvicinare il pubblico più giovane ad un contesto “aged” com’è quello di Sanremo. Sembra, poi, che la stessa dirigenza avesse tentato di sostituirli con Dose e Presta, offrendo loro un compenso molto basso, tanto da portarli a rinunciare. E il bello è che il format non potrà essere visto o ascoltato altrove in quanto di proprietà RAI.

Dopo la sparizione del DopoFestival, che forse era veramente il momento più interessante delle serate, un’altra parte memorabile della manifestazione è stata, dunque, soppressa. Molto probabilmente, a RadioDue hanno cercato uno scenario più tranquillo col quale seguire l’evento per eccellenza dell’azienda di Viale Mazzini. La scelta finale è ricaduta su Silvia Boschero e John Vignola (affiancati da Carlo Pastore e Brenda Lodigiani) e il loro “Moby dick più Traffic”.





6
novembre

TUTTI A L’ONDHON CON CICCIO BENZINA (VIDEO)

Grande Fratello 10 - L'ondhon e Ciccio Benzina

Ciccio Benzina e il suo vizietto quello di toccare le pudenda della morosa,  improbabili aspiranti imprenditori che dicono di voler entrare nel mondo del commercialismo anziché nel commercio, estrosi viaggiatori d’oltreceano che si autodefiniscono turisti incontinentali, cittadini italiani che oltre a non conoscere nemmeno il nome del presidente degli Usa non sanno distinguere Presidente della Repubblica e Presidente del Consiglio, ammesso che abbiano per caso sentito il loro cognome in tv. Mai dire Grande Fratello dimostra come capita persino che Piersilvio Berlusconi venga spacciato per abitante del Quirinale. Roba da non credere, realtà drammaticamente vera.

Per assurdo, a tener banco nella prima puntata dello show della Gialappa’s sono stati proprio i mancati concorrenti con i loro equivoci discorsi da brivido, gli strafalcioni che i linguisti definiscono malapropismi e, cosa peggiore di tutte, quel retrogusto di soddisfazione per aver dimostrato di essere gente che ce l’ ha fatta nella vita pur non avendo gli strumenti di conoscenza più elementari: è questo ciò che emerge dalla galleria di personaggi, giustamente derisi dalla Gialappa. Ricusatori di virtute e canoscenza, gli aspiranti gieffini sembrano autorevolissime espressioni della piaga dell’analfabetismo di ritorno che serpeggia tra le strade italiane.

Magari fosse l’ennesima finzione per creare shock emotivo in chi guarda la tv, saremmo tutti più felici. Questi casting superaffollati invece diventano un termometro spietato dello stagno in cui sguazza l’italiano medio. Altro che referendum e lodi vari: c’è una parte del paese che ignora l’abc della vita pubblica, nonostante ormai i media siano penetrati profondamente nella maggior parte delle case. Il quadro è inquietante. Disastri linguistici a parte, molti di questi esclusi eccellenti dimostrano una totale e preoccupante alienazione, con i mille risvolti che questo comporta nelle speranze di crescita di un paese.


2
novembre

MAI DIRE GRANDE FRATELLO: TORNA LA GIALAPPA’S SU CANALE 5 E MATRIX NE FA LE SPESE

Gialappa's Band (da sinistra: Carlo Taranto, Marco Santin e Giorgio Gherarducci)

E’ da una settimana che li scrutate. Sono 7 giorni che vi chiedete chi, tra di loro, sarà la prossima vittima sacrificale. Adesso l’attesa è finita: poche ore ancora, e sapremo chi, tra i concorrenti del Grande Fratello 10, sarà il nuovo bersaglio della Gialappa’s Band. Il trio composto da Marco Santin, Giorgio Gherarducci e Carlo Taranto ritorna, infatti, da stasera alle ore 24.20, con la decima edizione di Mai dire Grande Fratello.

Appena terminata la diretta del reality condotto da Alessia Marcuzzi, avremo modo di scoprire chi prenderà il posto dei vari Ottusangolo, Medioman, Orsacchio, Cummenda e tanti altri personaggi made in GF presi di mira dall’esilarante trio. In effetti, a prima vista, l’edizione numero dieci del padre di tutti i reality, di papabili eroi gialappiani ce ne regala diversi. A cominciare dall’effervescente Camila, passando per George, appassionato di uno sport estremo come lo squash, e finendo con Tullio, l’amico delle donne con look da Austin Powers. Ma non solo: scommettiamo infatti sulla religiosità di Alberto Baiocco e sui modi “ipersensibili” di Maicol, perennemente in compagnia di Pimpi, il suo maialino di peluche. Oltre alle immagini dei concorrenti della casa più spiata d’Italia, potremo leccarci i baffi con i provini più divertenti delle selezioni.

Ritorna, dunque, l’altra faccia del Grande Fratello, quella che ci ha offerto i momenti più spassosi della casa, riuscendo negli anni a guadagnarsi la stima di coloro i quali non gradivano il reality e persino quella della stessa Endemol, che non aveva ben accolto, all’inizio, la dissacrazione del programma. Mai dire Grande Fratello riprende su Canale5 dopo l’esperimento ampiamente riuscito della scorsa stagione, quando toccò lo share monstre del 40%. Un risultato che spinse i vertici Mediaset a mandare in onda alcune puntate in prima serata che, però, non ebbero brillanti risultati d’ascolto. A contribuire alla parziale debacle, oltre alla difficile collocazione domenicale, il fatto che i filmati mostrati fossero già andati in onda in seconda serata e che l’edizione di Grande Fratello fosse già conclusa.


31
marzo

GF9 ATTO XII: FUORI QUELLA SIMPATICA CANAGLIA DI VITTORIO. VANESSA, ALBERTO, FRANCESCA E ROBERTO IN NOMINATION. IL GF TORNA GIOVEDI CON GERRY SCOTTI

Grande Fratello 9 - Dodicesima puntata

Alle 21.20 una Marcuzzi di bianco vestita ci dà il benvenuto alla dodicesima puntata del Grande Fratello. L’intervento a sorpresa della Gialappa’s fa uscire fuori di “senno”, (con due enne purtroppo), la briosa Alessiona che si genuflette e improvvisa una originale rivisitazione della “morte del cigno”. Speriamo solo che il buon vecchio Iancu sia, come al solito, dal chirurgo plastico e non abbia avuto la disgrazia di assistere a quello scempio.

Ma veniamo al nuovo quadrilatero amoroso (Alberto, Vanessa, Francesca e Ferdi) e al dramma della gelosia consumatosi in settimana. Alberto ribadisce la sua convinzione che Ferdi nutra profonda invidia per lui. Francesca che, com’è noto, vuole bene a Ferdi tanto quanto un gruppo di bracconieri può avere a cuore la salvaguardia del nostro patrimonio faunistico, accusa la vispa Vanessa di essere affetta da una cronica e immotivata forma di gelosia. Basta, per pietà, Francesca! Porti avanti le tue deboli giustificazioni con la stessa verve e lo stesso entusiasmo con cui la De Filippi affronta una televendita!

A ulteriore conferma di quanto sospettavamo viene mostrato un filmato in cui la bella napoletana in compagnia di Vittorio, alias nostra signora dell’inciucio, parla, o per meglio dire sparla, alle spalle del povero cuoco montenegrino. Ma, ecco il giammai compianto Gerry, sorprendentemente privo del suo orrido pigiama da pensionato convalescente! Con la sua solita funerea espressione e il suo eloquio da curato di campagna, il nostro campione di vittimismo continua a perpetrare la sua opera di violenza psicologica ai danni di Siria. Vergogna, Gerry! La tua eliminazione non è stato frutto di una vendetta, o di un errore di valutazione della tua ex amica, ma, semmai, della tua straordinaria simpatia di cui anche stasera hai offerto un’evidente dimostrazione!