Francesco Becchetti



16
novembre

AGON CHANNEL CHIUSO. SUL CANALE 33 TORNANO LE TELEVENDITE DI ABC

Agon Channel

Agon Channel Italia non c’è più. Sparito dall’onda. Da alcuni giorni, il canale fondato dall’imprenditore Francesco Becchetti ha terminato le proprie trasmissioni ed è stato chiuso. Al suo posto, al numero 33 del digitale terrestre, sono tornate le televendite di Abc, il canale che nel settembre 2014 fece posto all’emittente made in Albania.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




4
novembre

AGON CHANNEL, FRANCESCO BECCHETTI RILASCIATO SU CAUZIONE. RITIRATO IL PASSAPORTO

Francesco Becchetti

Aggiornamento: L’editore di Agon Channel, Francesco Becchetti, è stato rilasciato dietro cauzione. Nei giorni scorsi, l’imprenditore era stato sottoposto agli arresti domiciliari a Londra, a seguito di un mandato per riciclaggio e falso emesso dalla Procura albanese. Lo riferiscono le autorità consolari italiane, precisando che il rilascio è avvenuto in tempi brevi. In attesa della decisione sull’estradizione, gli è stato comunque ritirato il passaporto.

Agon Channel, Becchetti “fermato a Londra”. Possibile estradizione


11
ottobre

AGON CHANNEL CHIUDE: IL GOVERNO ALBANESE INTERROMPE LE TRASMISSIONI

Agon channel, Francesco Becchetti

Aggiornamento: in un comunicato stampa, Agon Channel Italia ha dichiarato quanto segue in riferimento allo spegnimento dell’emittente in Albania.

Nonostante l’interruzione dell’energia che ha oscurato le trasmissioni di Agon Albania, non si ferma la programmazione e la messa in onda di Agon Italia. I tg saranno trasmessi regolarmente e confezionati dalla redazione di Roma. L’intervento che il governo Rama ha effettuato è scattato esclusivamente come conseguenza del blocco illegittimo dei conti correnti bancari di Agon Channel a Tirana

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





8
giugno

AGON CHANNEL, MANDATO D’ARRESTO PER IL PATRON FRANCESCO BECCHETTI. IL CANALE ALBANESE SI DIFENDE IN DIRETTA

Francesco Becchetti

Per Francesco Becchetti, patron dell’emittente Agon Channel, è scattato un mandato d’arresto. Ad emetterlo è stata la procura albanese, per l’accusa di “riciclaggio” e “falso in documentazione”. La medesima accusa è stata rivolta anche alla madre dell’imprenditore romano, Liliana Condomitti, al suo collaboratore italiano Mauro de Renzis – nei cui confronti è stato emesso un ordine di arresto – e alla collaboratrice albanese Erjona Troplini, finita in manette.

Per Becchetti, che ha fondato Agon Channel (canale 33 del digitale terrestre) delocalizzando le produzioni in Albania, potrebbero esserci guai in vista. Su ordine di una corte di Tirana, infatti, è stato disposto il sequestro del pacchetto azionario dell’imprenditore in cinque società registrate in Albania, in cui Becchetti deteneva il 60%. Tra di esse, anche Agon Set, proprietaria di Agon Channel in Albania. Sotto sequestro sono finiti anche tutti i conti correnti intestati a lui e alle sue società.

Secondo quanto si apprende, l’inchiesta a carico dell’imprenditore è stata avviata lo scorso anno e riguarda la sua attività nel settore dell’energia, in particolare il progetto per la costruzione di una delle più grandi centrali idroelettriche dell’Albania, mai realizzata. Secondo le accuse – rispetto alle quali gli inquirenti indagano – nel periodo 2007-2013 Becchetti avrebbe messo in piedi “un gigantesco schema di riciclaggio” che, secondo la procura albanese, gli avrebbe fruttato alcuni milioni di euro. Al vaglio degli investigatori, anche una presunta evasione fiscale per oltre 5 milioni di euro.

Su iniziativa delle autorità albanesi, finisce così nella bufera l’imprenditore che lo scorso novembre lanciò in pompa magna Agon Channel Italia, emittente che ha offerto ospitalità a molti volti noti del piccolo schermo italico.

Di recente, Report di Milena Gabanelli aveva dedicato una puntata proprio agli affari dell’imprenditore romano, facendo riferimento anche all’inchiesta sulla gestione della discarica di Malagrotta di Roma, per la quale è imputato Manlio Cerroni, di cui Becchetti è nipote diretto.

Agon Channel difende Becchetti in diretta: attacco senza fondamento giuridico

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


4
gennaio

AGON CHANNEL, BECCHETTI: CAPRARICA? VOLEVA LE CIABATTINE SCENDILETTO. PUNTIAMO ALL’1% DI SHARE

Francesco Becchetti

La mia sensazione è che i primi risultati di Agon siano importanti. Per questo motivo picchiano duro e per questa stessa ragione ci attaccano“. Francesco Becchetti scioglie il silenzio ma sta sulla difensiva. A poco più di un mese dall’inizio delle trasmissioni, l’editore dell’emittente made in Albania parla della sua creatura sulle pagine del Fatto Quotidiano, ed ostenta sicurezza. “Ho osato immaginare una televisione diversa e dato molto fastidio a qualcuno” dice l’imprenditore, che per il canale 33 del digitale terrestre ha in mente un obiettivo ben chiaro: “puntiamo all’uno per cento di share“.

Ma, al di là delle ambizioni, Agon Channel sta muovendo i primi passi non senza difficoltà. Antonio Caprarica, designato direttore delle news, ha lasciato il suo incarico denunciando condizioni di lavoro inaccettabili e Lorenzo Petiziol, direttore di rete, ha fatto altrettanto per motivi familiari. A far rumore è stato soprattutto l’addio dell’ex corrispondente Rai, che aveva sbattuto la porta in faccia all’editore. Un capriccio, secondo lo stesso Becchetti:

Agon Channel, Becchetti vs Caprarica

Il dottor Caprarica, arrivando in Albania, aveva stilato una lista degli oggetti indispensabili allo svolgimento della sua professione. L’iPad di ultima generazione, lo scaldapane 2.0 e naturalmente le ciabattine scendiletto per lui e per sua moglie (…) Non sapevo che lo chiamassero ‘Capraricca’. Pensavo che il suo cursus internazionale fosse l’ideale per guidare un tg nuovo e delocalizzato. Mi sbagliavo” ha commentato l’imprenditore.

Agon Channel, Becchetti: nostra qualità è medio alta





16
dicembre

AGON CHANNEL, L’EDITORE BECCHETTI REPLICA A CAPRARICA: DICHIARAZIONI INACCETTABILI

Agon Channel, Francesco Becchetti

Antonio Caprarica ha lasciato Agon Channel facendo rumore.”Se questa è la tv del futuro, io non intendo starci” ha sbottato il giornalista, che non ha risparmiato critiche alla neonata emittente made in Albania. E a stretto giro è arrivata la replica di Francesco Becchetti, editore e patron del canale televisivo. “Trovo le dichiarazioni del dottor Caprarica assolutamente inaccettabili e gratuite e la sua decisione illegittima, se non anche strumentale” ha affermato l’imprenditore in merito alle parole rese dall’ormai ex responsabile delle news di Agon Channel.

Agon Channel: Becchetti replica a Caprarica

“Non corrisponde al vero che la struttura organizzativa e il personale della redazione giornalistica messi a disposizione del dottor Caprarica siano inadeguati. Sin dall’inizio del rapporto, il dottor Caprarica ha condiviso l’idoneità delle strutture e la qualifica del personale necessari all’espletamento del suo incarico nella fondamentale e delicata fase di start up di Agon Channel. Come editore, ho sempre manifestato la mia disponibilità a discutere eventuali proposte di integrazione delle risorse. Ma ribadisco che quanto riferito dal dottor Caprarica non corrisponde in alcun modo alla reale situazione lavorativa della redazione di Agon news”

ha puntualizzato Becchetti. Caprarica aveva denunciato la presenza di strutture non altezza (“mi sono ritrovato a montare i servizi nei container“), aggiungendo di aver esposto queste criticità all’editore. Secondo il giornalista, tuttavia, questi avrebbe risposto di “non credere in principio che chi lavora 12 ore al giorno debba necessariamente stare male“. Affermazioni che, tuttavia, l’imprenditore rigetta:


26
novembre

AGON CHANNEL, FRANCESCO BECCHETTI: “L’OBIETTIVO DELL’1% CI STA GIA’ STRETTO. 40 MILIONI INVESTITI”

Francesco Becchetti

Ci credono ad Agon Channel. Francesco Becchetti, imprenditore romano da anni presente in Albania (dove è partner di Deutsche Bank), ha investito ben 40 milioni (12 in tecnologia, 28 per la start up) in un progetto che – dichiara il patron -  “ridarà speranza a 500 giovani lavoratori” e che ai nastri di partenza si presenta con più di un’ambizione. L’obiettivo dell’1%, dice Becchetti, “sta già stretto ad un canale” che ha mire semigeneraliste (si rivolge ad una fascia d’età 18-55 anni) proponendo una programmazione (qui nel dettaglio) fondata su quattro punti cardine: informazione, talent show, game e, in generale, un nuovo modo di raccontare la gente.

Agon Channel: Sabrina Ferilli e Simona Ventura sono le star

Tutti i format saranno rigorosamente autoprodotti presso il centro di produzione di Tirana, dotato di studi e – pare – di tecnologie di ultima generazione. A guidare la schiera di star troviamo Sabrina Ferilli che se fosse nata in Usa avrebbe vinto un Oscar” e Simona Ventura, entrata last minute in squadra con il compito di condurre la serata inaugurale alla quale prenderanno parte Massimo Ghini e Nicole Kidman, con l’auspicio di lavorare a nuovi progetti: “siamo sicuri che dopo un po’ che sarai con noi avrai voglia di un contratto in esclusiva“, dice un entusiasta Becchetti alla Ventura.

Ultima arrivata tra le fila di Agon Channel anche Luisella Costamagna che sarà alla guida di Lei non sa chi sono io, faccia a faccia schietto con i protagonisti dell’attualità. L’informazione, però, avrà il volto di Antonio Caprarica che, orgoglioso della nuova avventura, promette di fare un tg nè di destra nè di sinistra, ma con persone perbene e aperte al mondo. Guai a fargli notare la distanza dell’headquarter dall’Italia: “Milano-Palermo è più distante di Roma-Tirana in aereo“, fa notare. Peccato, però, che i tg nostrani, pur avendo sedi centralizzate, abbiano anche altri appoggi sul suolo italico e che la frequenza dei voli Italia-Albania sia un tantino differente da quella dei voli nazionali.