Cristina Parodi Live



31
ottobre

ROSARIO CROCETTA SHOCK A CRISTINA PARODI LIVE: LA MAFIA MI HA CONDANNATO A MORTE

Rosario Crocetta

Nel giorno dopo la vittoria, Rosario Crocetta sente il fiato della mafia sul collo. E lo dice chiaramente in tv. Il nuovo Governatore della Regione Sicilia, eletto lunedì scorso con il 30,4% delle preferenze, ha denunciato di sentirsi un obiettivo sensibile della criminalità organizzata, che già in passato tentò di farlo fuori dispiegando i propri mezzi. Ospite quest’oggi di Cristina Parodi Live, su La7, il politico di centrosinistra ha dichiarato:

Ho già subito tre attentati alla mia vita negli ultimi dieci anni, fortunatamente tutti sventati. Ma sono consapevole che non morirò in un letto come chiunque altro, su di me la Mafia ha emesso una condanna di morte

Nella sua storia personale, del resto, Crocetta è sempre apparso in trincea nella lotta alla criminalità organizzata, e questa presa di posizione gli avrebbe procurato una serie di nemici. Dopo l’elezione, il neo Governatore siciliano ha inoltre dichiarato che la sua Regione sarà parte civile in tutti processi di mafia aperti, con l’obbligo agli enti locali di fare la stessa cosa.




30
settembre

19 AUTORI 19

Cristina Parodi

Cristina Parodi

Beh, io ve lo dico. Non so se a causa di qualche defezione, ma per il Cristina Parodi Live/Cover (lun-ven, dalle 14 alle 15.45 e dalle 17.50 alle 18.20 su La7) pare stiano contattando altri autori. In effetti ne hanno pochi:

  1. Cristina Parodi
  2. Chicco Sfondrini
  3. Aldo Dalla Vecchia
  4. Claudia Antinoro
  5. Francesca Barra
  6. Luca Bonaccorsi
  7. Claudio Centimeri
  8. Pietro Comper
  9. Matteo Corfiati
  10. Eleonora Cristina
  11. Elisa Dossena
  12. Francesca Filiasi
  13. Elisabetta Francia
  14. Federica Pezzali
  15. Manuela Procaccia
  16. Giuseppe Scognamiglio
  17. Piera Sorrentino
  18. Sara Spreafico
  19. Roberta Virduzzo

Pare, inoltre, che si stia pensando a qualche modifica per il programma. C’è chi parla di un’unione tra i due segmenti, chi di uno spostamento.


25
settembre

CRISTINA PARODI LIVE NON PUO’ PIU’ (GIA’) FARE A MENO DELLA FICO?

Raffaella Fico

Che prima o poi le lezioni di buon gusto di infotainment di Cristina Parodi dovessero ‘inciampare’ in qualche affaruccio di cronaca rosa locale più da Studio Aperto che da La 7 ce lo aveva fatto presagire in qualche modo quel dato che di giorno in giorno non riesce a schiodarsi dalla bassa quota del 2%, nonostante l’alibi che neanche i competitors di genere stiano facendo sfraceli.

Peraltro non si tratta nemmeno di gossip regale, di poppe al vento proibite o roba da indiscrezione di Caprarica. Il Cristina Parodi Live per tingersi un po’ di pop – o, se vogliamo, per cercare di conquistare qualche casalinga che sgrassa i fornelli – attinge alla più casareccia delle tradizioni del chiacchiericcio italiano: il filone dei figli innumerevoli dei reality. Se poi l’ospite in questione si chiama Fico di cognome e Raffaella di nome il conto è servito.

I riflettori di Hollywood possono aspettare, così come le cornamuse delle residenze estive di Buckingham Palace: a tenere compagnia a Cristina Parodi, questo pomeriggio, ci sarà la soubrette napoletana, fresca di defilè con pancione, per una storia di maternità che entra di diritto tra le più chiacchierate della storia del costume italiano.





18
settembre

LA NICCHIA DELLA PARODI

Cristina Parodi

Cristina Parodi

Qualche anno fa nella rete televisiva che, se avete avuto fortuna con il passaggio al digitale terrestre, corrisponde al tasto 7 del vostro telecomando è nato il gruppo dei “conduttori maledetti”, quelli che superare il 6% di share è roba da cafoni e che “nel mio programma solo pubblicità di onlus, alimenti macrobiotici e prodotti biodegradabili”. Quando verrà ufficializzato il cambio di accento, “lasettè” diventerà a tutti gli effetti la rive gauche della televisione italiana.

Nel gruppo è arrivata quest’anno Cristina Parodi. I rumors che volevano il passaggio della giornalista da Canale 5 a La7 si rincorrevano da diverso tempo, ma solo dopo che il suo stato di Facebook è passato da nazional popolare a radical chic si è avuta la conferma definitiva. E così lunedi scorso è partito il Cristina Parodi live che avrebbe ricevuto più critiche solo se fosse stato condotto da Angela Merkel in lingua originale, senza sottotitoli e con Sarkozy e Carla Bruni a curare la rubrica “diventare genitori e traslocare dall’Eliseo. Tutto nello stesso anno e con la crisi”.

Il talk show, visti i risultati auditel, è destinato a diventare a breve un programma di nicchia. Questioni di giorni, più o meno quelli che mancano al termine della prima settimana della nuova stagione di Uomini e Donne su Canale 5, che andrà a sovrapporsi a una parte del “live”. Tecnicamente, infatti, il programma è diviso in due parti. Il live che va in onda dalle 14:05 alle 15:55 e la cover in onda alle 17:50. Nel frattempo, due reti indietro, va in onda Pomeriggio Cinque. Che Barbara D’Urso non la possiamo incolpare dell’omicidio del commissario Cattaneo, ma della presenza delle puntate del Commissario Cordier in mezzo al programma della Parodi, si.


11
settembre

CRISTINA PARODI LIVE: UN’INVASIONE BARBARICA MA IN PUNTA DI PIEDI

Cristina Parodi Live

Con la sua scenografia e la sua grafica molto vicina al bizzarro di Antonio Gaudì, con quel serpentone che fa tanto belvedere di Parc Guell, con quell’atmosfera da eleganza del riccio il Cristina Parodi Live si presenta al pubblico del pomeriggio con un infotainment di contenuto, più incline alla buona forchetta che alla brutta forca del populismo. L’eco delle Invasioni barbariche di Daria Bignardi è dietro l’angolo, anche se siamo solo all’ora del caffè e c’è una signora che rinuncia al tacco a spillo, solo in attesa di rimettersi in forma dopo la storta estiva.

La struttura è abbastanza modulare. C’è una versione più seriosa dell’intervista doppia, ottima per la nettezza con cui emergono i diaframmi tra idee e contenuti, per un’alternativa di stile al manicheismo urlato di voci in sovrapposizione. Una tv che punta sull’opinione senza esasperare il decibel è già una grande conquista, se ci guardiamo alle spalle e diamo un’occhiata a quello che è stato l’andazzo del piccolo schermo degli ultimi tempi.

E’ sulla cronaca che però appare meglio la svolta e il garbo della moglie di Giorgio Gori e del suo staff di autori. La scelta della storia delle teenager madri, oggi, e della ragazza calabrese, costretta ad emigrare per aver rivelato il volto profondo del suo paese e l’ipocrisia di alcuni concittadini violenti, ieri, fanno ben sperare: l’auspicio è che non si debba scendere a compromessi con l’appeal dei grandi casi che fanno rumore e con le tirate irrazionali e giustizialiste che spesso la cronaca nera induce nel grande pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes





11
settembre

PIPPO BAUDO OSPITE DI CRISTINA PARODI LIVE TUONA CONTRO LA RAI: “SE VOGLIONO CACCIARMI PRIMA DEL TEMPO, LO FACCIANO SUBITO”

Pippo Baudo con il camper de Il viaggio

E’ stata un’intervista al fulmicotone quella che Pippo Baudo ha rilasciato nel corso del nuovo programma di La7 Cristina Parodi Live. Di punto vestito, e non come va in giro in camper per il suo nuovo programma, Pippo non ha risparmiato frecciate alla Chiesa, alla politica, fino ad arrivare alla televisione, il suo grande amore (anche se un paio di mesi fa era la Parodi a punzecchiare Baudo). Al centro della questione il suo contratto atipico con la Rai per la sua nuova avventura, Il viaggio, in onda in queste settimane su Rai3.

La Rai, come dichiarato dal conduttore, ha la facoltà di sospendere il programma dopo dieci puntate se la media non risulta in linea con gli obiettivi di rete. Peccato che gli spostamenti delle ultime ore abbiano fatto infervorare il Pippo Nazionale. Il viaggio, infatti, dopo la prima puntata di lunedì 3 settembre, sarebbe dovuto andare in onda eccezionalmente di giovedì per non scontrarsi con la serata finale di Miss Italia.

La decisione, poi, di anticipare a giovedì il debutto di Pechino Express (Rai2), ha riportato in fretta e furia Il viaggio nella serata del lunedì (ieri sera) nell’indifferenza generale, causando un crollo degli ascolti (dal 7% della premiere a un misero 3.28%). La variazione improvvisa non è stata digerita da Pippo, che alla Parodi ha dichiarato:


10
settembre

SPECIALE DM LIVE24, NUOVA STAGIONE TV: COMMENTA IN DIRETTA I DEBUTTI DEL GIORNO

Antonella Clerici

Affilate le tastiere, amici di DM, perché quella di oggi – lunedì 10 settembre 2012 – è una giornata da vivere e commentare in diretta fin dalle prime ore del mattino. Una maratona che vede scendere in campo la squadra titolare del daytime di Rai 1, mentre su La7 si affaccia la nuova programmazione pomeridiana firmata sorelle Parodi e Geppi Cucciari. Bye bye, inoltre, al preserale bislacco: su Canale 5 avanza Bonolis.

In attesa dell’Auditel, toccano a voi i primi verdetti. Pronti? Tre, due, uno… si parte!

Ore 6.10: è Guido Barlozzetti con il magazine Uno Mattina Caffè di circa venti minuti a dare il buongiorno agli italiani e il via allo storico contenitore mattutino di Rai 1 – in onda dal lunedì al venerdì – che quest’anno si arricchisce di nuovi segmenti: Elisa Isoardi (qui la nostra intervista alla conduttrice) e Franco Di Mare presentano fino alle 10.00, per dare la linea a Uno Mattina Verde (l’Occhio alla Spesa di Alessandro Di Pietro) e riprenderla alle 10.25 con Uno Mattina Rosa. Confermati Georgia Luzi e Savino Zaba nello spazio Uno Mattina Storie Vere, in onda dalle 11.00 fino a trainare la Clerici ai fornelli.

Ore 12.00: riapre la cucina più famosa d’Italia con Antonella Clerici che torna a condurre La Prova del Cuoco, lo show culinario che accompagna il pranzo dei telespettatori – dal lunedì al sabato – fino al Tg1 delle 13.30. Cast confermato (al quale si aggiunge Luisanna Messeri), così come la rubrica Casa Clerici, con la conduttrice nei panni della “cuoca” più qualche altra novità (leggi qui). Il programma vanta per il secondo anno consecutivo l’abbinamento alla Lotteria Italia.


6
settembre

CRISTINA PARODI LIVE E COVER, LA NUOVA SFIDA DI LA7. LA CONDUTTRICE: “SARA’ UN PROGRAMMA CHE MI SOMIGLIA. E SE MENTANA MI CHIEDERA’ DI CONDURRE IL TG…”

Cristina Parodi

Il nuovo pomeriggio di La7 sarà a misura di telespettatore, senza dibattiti rissosi né speculazioni sulla cronaca nera. Su questo Cristina Parodi ci mette la firma: non a caso l’avventura televisiva che la vedrà protagonista porterà proprio il suo nome. Da lunedì prossimo, 10 settembre, l’ex giornalista del Tg5 debutterà sulla rete terzopolista con Cristina Parodi Live e Cristina Parodi Cover, un rotocalco di informazione diviso in due parti e dedicato all’attualità, al costume, allo spettacolo (maggiori info, qui). La trasmissione è stata presentata stamane a Milano, alla presenza della conduttrice e del direttore di rete Paolo Ruffini.

“Mi piace l’idea di fare un programma che ancora non c’è. Sarà una trasmissione che mi somiglia, un magazine nel quale i vari temi verranno raccontati in maniera elegante, pacata, speriamo intelligente. Parleremo di cronaca nera evitando che ai telespettatori rimanga solo il dolore, faremo un talk senza litigate, intervisteremo persone che non vanno spesso in tv. Vogliamo dare un’idea dell’Italia che non sia solo quella della crisi”

ha spiegato Cristina Parodi ai giornalisti. La conduttrice ha inoltre giurato che la sua separazione dall’azienda del Biscione è avvenuta senza strappi, in maniera pacifica. “Mi mancava di tornare a fare un programma mio, e questa possibilità Mediaset non l’aveva” ha raccontato. Ora, a La7, la attende una missione importante e non facile, quella di rivitalizzare la fascia pomeridiana dell’emittente, scontrandosi con dei colossi del daytime come La Vita in Diretta e Pomeriggio Cinque. Come ne uscirà Cristina nostra? Sul punto si è espresso Paolo Ruffini, il quale confida molto nelle potenzialità del nuovo programma.