Classifica di Gradimento



17
ottobre

Grande Fratello Vip 2017: Bossari spodesta Giulia De Lellis nella classifica dei preferiti. Giù anche i Rodriguez

GFVip 2017 - Daniele Bossari

Anche durante la sesta puntata del Grande Fratello Vip 2017 (clicca qui per la diretta minuto per minuto) il pubblico ha potuto scegliere i suoi preferiti e questa volta il più televotato è stato Daniele Bossari. Giulia De Lellis perde il primo posto ma è comunque seconda. Agli ultimi due gradini Jeremias Rodriguez e Veronica Angeloni.




1
gennaio

SANREMO NUOVA GENERAZIONE: ANNULLATA LA CLASSIFICA DI GRADIMENTO. I PREFERITI DAI LETTORI DI DM SONO FINORA SILVIA OLARI, TONY E STEFANO SCANDALETTI

C’era una volta, sul sito internet del festival di Sanremo nella parte dedicata alla “Nuova Generazione“, una classifica di gradimento (basata sul numero di visualizzazioni e sui ratings ricevuti dal brano) dei quasi mille brani pervenuti per la competizione. Ad oggi questa classifica non c’è più, per mettere fine ai molti mormorii circolanti sul web che mettevano in luce il lavoro oscuro di alcuni fans (già) troppo accaniti e di uffici stampa (forse) un pò troppo solerti. Il regolamento in verità parla chiaro: la classifica non aveva alcuna influenza sulla scelta dei 6 cantanti finalisti che invece spetta alla “Sanremo Academy” formata dal direttore artistico Gianmarco Mazzi e da Massimo Cotto, Andrea Lo Vecchio, Gigio D’Ambrosio e Mariolina Simone; a scanso di equivoci la graduatoria è stata però eliminata e il piccolo giallo dei fans presenzialisti sul sito del Festival è stato così subito risolto.

Settimana scorsa noi di DM vi avevamo presentato alcuni nomi di ex partecipanti ai talent show  e attualmente in gara per i 6 posti festivalieri, e da questo articolo sono poi partiti numerosissimi commenti e segnalazioni, talmente numerosi che anche noi ci siamo permessi di fare un veloce conteggio e abbiamo provato a capire quanto (con le dovute proporzioni statistiche) gli apprezzamenti dei nostri lettori coincidessero con le visualizzazioni registrate sul sito ufficiale.

I più acclamati da parte dei lettori di DM, sono stati sicuramente Tony ( “X Factor” prima edizione) e Silvia Olari (finalista nel serale di “Amici” dello scorso anno), che più di tutti hanno raccolto consensi per lo loro doti vocali e di scrittura. Due brani, quelli di Tony e Silvia, entrambi molto sanremesi ma al contempo profondi e intensi nei testi (soprattutto quello di Maiello). Molto bene anche l’outsider Stefano Scandaletti che con la sua “Ballerina” ha incuriosito molti internauti colpiti dalla storia di questa ballerina che si concede ad un produttore, senza mancare di esaltare alcune sue doti fisiche (“il c*lo più bello è quello mio”: ballerina dixit).

Dopo il salto, il recap dei cantanti più nominati e commentati su davidemaggio.it:


8
ottobre

AMICI: NUOVA CLASSE TRA SINDACALISMO RIVOLUZIONARIO E GRADIMENTO ANOMALO

Amici 9, classe completa

Il profilo di Pierdavide Carone già ci aveva dato un piccolo segno di svolta nella scelta dei nuovi protagonisti di Amici, ma la conferma alla nostra intuizione non si è fatta attendere e in questi giorni il profluvio delle proteste balza prepotentemente in primo piano, complice il rimescolamento (da noi qui preventivato). Determinante forse un approccio più maturo dei ragazzi al mondo dello showbusiness o anche l’influenza dello spregiudicato Rapino-rock-pensiero, contro ogni scrupolo didattico.

Sta di fatto che mai tante agguerrite rivendicazioni erano state sfoderate così anzitempo: il cantautore capitano Enrico si è guadagnato già l’appellattivo, pungente ma eloquente, di sindacalista Cgil della scuola dopo un ostinato rifiuto a non tradire la ‘massa’ amica guadagnando rilievo a scapito degli altri cedendo alla richiesta di Loretta Martinez di cantare per intero il suo inedito dopo la “versione tagliata” della diretta di sabato.

Sempre per il festival dei piedi puntati, oltre a gli sbuffi della ‘piccola canaglia’ Flauto, poi sospeso dalla scuola, arrivano le continue rivendicazioni di parzialità delle scelte relative agli stili dei pezzi da cantare (proteste targate Yanuaria ed Arianna), le polemiche contro l’eccessivo peso del discografismo ai danni della didattica. Un continuo processo alle intenzioni che però ha un risvolto molto interessante per la maggiore maturità dei dialoghi, e soprattutto per i dibattiti sulla didattica che si vanno aprendo.