Claire Danes



27
dicembre

HOMELAND 5 CI SARA’. I DIPLOMATICI PAKISTANI CONTRO LA SERIE

homeland 5 ci sarà

Homeland

Il 2014 è stato un anno ricco di grandi conferme e attese novità per gli appassionati di serie tv. E nonostante sia ormai agli sgoccioli non ha ancora esaurito tutte le sue cartucce: proprio ieri sera, infatti, si è conclusa su Fox la quarta stagione di Homeland, con la messa in onda degli ultimi due episodi che spianano la strada alla quinta stagione prevista per il 2015.

Homeland 4×12: il finale di stagione

Abbandonata la suspense e la tensione narrativa tipica della serie, è andato in scena un finale in cui i personaggi principali si sono trovati a fare un bilancio dei loro percorsi personali e delle scelte che fin qui hanno condizionato le loro vite. La protagonista Carrie Mathison (Claire Danes) torna a casa dopo la missione in Pakistan e ritrova la sorella e la figlioletta Frannie. L’inaspettato ritorno della madre Ellen, scomparsa da ben 15 anni, sconvolge gli equilibri dell’intera famiglia e la destabilizza. In seguito al funerale del padre Frank, Carrie ha uno slancio verso Peter Quinn, fermato poi dalla sua insicurezza verso l’idea di intraprendere una nuova relazione. Il giorno dopo decide quindi di confrontarsi con la madre, cercando un chiarimento con lei per chiudere una ferita del suo passato. Intanto Saul Berenson punta alla direzione della CIA al posto di Lockhart ma il video della sua prigionia in Pakistan potrebbe essere un ostacolo al suo piano. Dar Adal però lo rassicura, garantendogli che la CIA non darà più la caccia al leader terrorista Haissam Haqqani in seguito ad un accordo con lui. Accordo di cui Carrie verrà a conoscenza, insieme alla notizia che Dar Adal è in partenza per la Siria.

Pakistan vs Homeland

Lo sguardo lanciato a Saul Berenson che chiude la stagione è un epilogo che lascia intravedere una serie di possibili interessanti sviluppi nella trama che, probabilmente, in Homeland 5 vedrà scoppiare come delle bombe ad orologeria molti punti lasciati in sospeso. Insomma, si prospettano nuovi colpi di scena per una delle serie americane più acclamate degli ultimi anni, che vanta tra l’altro fan illustri quali Jennifer Lawrence e lo stesso Barack Obama. Non si sono fatte attendere però neanche le critiche, come quelle avanzate dai diplomatici pakistani che avrebbero voluto un ritratto più edificante del loro paese che, a loro dire, da questa serie sarebbe presentato come “un inferno, brutto, sporco e pieno di terroristi“, protestando direttamente contro i produttori (come scrive  il New York Post).

Homeland 5 ci sarà




17
ottobre

HOMELAND 4: C’E’ UNA NUOVA MINACCIA IN MEDIO ORIENTE. DA STASERA SU FOX AL VIA L’ERA POST BRODY

Homeland 4

C’è una nuova minaccia in Medio Oriente“. Recita così il promo Fox che annuncia il ritorno di Homeland, da stasera alle 21 con gli episodi inediti della quarta stagione. E, invero, ci troveremo di fronte ad un nuovo inizio. Il finale shock della terza stagione, con la morte di Brody, comporta un inevitabile rimescolamento delle carte e accende la curiosità sul futuro di Homeland, privato del personaggio e di una storyline chiave. Se da un lato i cambiamenti potrebbero dar linfa ad una serie che deve mantenere alta l’asticella della tensione (la terza stagione si salva solo grazie all’epico finale), dall’altro il rischio è quello di allontanare il pubblico che di fatto si ritrova con una sorta di spin off dell’originale Caccia alla spia o che semplicemente non riesce ad elaborare il lutto per l’addio del marine interpretato da Damian Lewis.

Homeland 4: trama e anticipazioni. Tra Carrie e Quinn sarà amore?

Homeland 4 riprende la narrazione sei mesi dopo la fine della precedente: Carrie Mathison (Claire Danes) è stata assegnata a una base della CIA in Asia meridionale per svolgere un pericoloso incarico a cavallo tra Afghanistan e Pakistan. Soffre ancora per la morte di Brody e ha deciso di lasciare la figlia nata dalla relazione con Brody alle cure della sorella Maggie.

Nella quarta stagione ritroveremo Saul Berenson (Mandy Patinkin) e Peter Quinn (Rupert Friend). Il primo, dopo aver abbandonato la CIA nel finale della scorsa annata, lavora nell’intelligence privata “abbracciando la causa” di un’importante compagnia con base a New York; mentre il secondo si sta velocemente trasformando in una mina vagante fuori controllo. Anni di omicidi a sangue freddo lo hanno infatti portato a chiedersi per la prima volta se sia davvero dalla parte dei buoni. Fortunatamente per Quinn, tra lui e Carrie potrebbe nascere un rapporto in grado di aiutare entrambi. Nuovo amore in vista?

Homeland 4: nuovi personaggi


14
ottobre

HOMELAND 3: LA LATITANZA STA PER FINIRE

Homeland 3

Claire Danes

E’ un film lungo 12 puntate, straordinaria metafora dell’America contemporanea che continua a oscillare tra gli eccessi. Esaltazioni e gogne pubbliche in un paese che, per rimarginare le ferite dell’11 settembre, è alla perenne ricerca di un colpevole; un capro espiatorio di errori che hanno ben più profonde e diramate radici.

Homeland 3 al via su Fox

Tutto questo, e non solo, è Homeland – Caccia alla Spia, serie cult dove la tensione narrativa ed emotiva va di pari passo con una sceneggiatura-capolavoro e interpretazioni da brivido. Tra gli artefici del successo della spy story, impossibile non annoverare Claire Danes (vincitrice di 3 Emmy e di 4 Golden Globe), nei panni dell’agente dei servizi segreti Carrie Mathison, e Damian Lewis (vincitore di un Golden Globe e un Emmy) in quelli di Nicholas Brody, ex prigioniero di guerra ora braccato dalle forze dell’ordine con l’accusa di terrorismo. Homeland 3 prenderà il via stasera – 14 ottobre 2013 – con un doppio episodio in prima visione assoluta e in prime time su Fox (canale 111 di Sky) a poche settimane dalla messa in onda in USA. In America il terzo ciclo di episodi ha debuttato su Showtime lo scorso 29 settembre con la premiere più vista di sempre. Tuttavia la serie pluripremiata non ha mai potuto godere di ascolti plebiscitari nè in patria nè Italia dove è confinata su Fox.

Homeland – dove eravamo rimasti

La seconda stagione di Homeland si era chiusa con un attentato (l’esplosione della macchina di Brody) che, perpetrato durante la commemorazione del vice presidente Walden, aveva ucciso centinaia di persone, tra cui numerosi vertici dell’Agenzia. Brody  - che diventa il principale sospettato della strage – e Carrie si salvano per puro caso mentre Saul se la cava perché in quel momento si trova su una nave in alto mare, intento a presidiare il funerale di Abu Nazir. Aiutato da Carrie, Brody è costretto a fuggire e diventa il ricercato numero uno; Saul, suo malgrado, deve prendere il posto di Estes a capo della CIA.

Homeland 3 – Anticipazioni e Trama