cancellazione



7
marzo

TERRA NOVA: FOX CANCELLA LA SERIE TV DI SPIELBERG. TROPPO COSTOSA

Terra Nova

Troppo costosa continuare la produzione. La reazione del pubblico più tiepida di quanto prevedesse la prospettiva d’investimento ha definitivamente convinto la Fox a mollare l’osso. La serie tv Terra Nova, partita con l’onore della cronaca di portare la firma di Steven Spielberg, chiude prima di ogni previsione i propri battenti.

La media di 7 milioni e mezzo di telespettatori registrata negli States ha fatto ritenere già maturi i tempi per non accanirsi su questo progetto. Meglio concentrare le energie su scommesse nuove, dato che solo per la puntata pilota pare che si fosse arrivato ad un esborso di cifre vicine ai 20 milioni di dollari.

Sembra che si sia già valutato un piano di ritorno economico per ammortizzare la spesa attraverso la vendita dei diritti dei primi 13 episodi, già trasmessi in Italia su Fox. Del resto i presagi, alla faccia della scaramanzia, erano stati già abbastanza tetri sin dall’inizio, quando causa alluvioni era stato necessario sospendere le riprese in Australia.




15
aprile

BOOM! CANCELLATO “NON E’ MAI TROPPO TARDI”.

Federica Panicucci

Dietrofront. Non è mai troppo tardi, show di Canale 5 che si riprometteva di far tornare i vip sui banchi di scuola, non rientra più nei piani dell’ammiraglia Mediaset. Lo show, inizialmente previsto per maggio, è stato soppresso. Una decisione presa solo qualche minuto fa e che DM vi rivela in anteprima assoluta.

Non si conoscono ancora i motivi della drastica cancellazione, avvenuta malgrado i promo per il recruiting dei concorrenti-professori fossero in onda già da qualche settimana. Allo stesso modo, pronta era la squadra di autori, capitanata da Cristiana Farina (per leggere la sua intervista clicca qui), e definiti i due conduttori Federica Panicucci e Alfonso Signorini.

A pesare sulla cancellazione probabilmente le polemiche scatenatesi negli ultimi giorni per la presenza di professori precari all’interno dello show, con tanto di premio finale di dieci anni di stipendio (per maggiori info clicca qui). I disoccupati erano addirittura scesi in piazza denunciando la spettacolarizzazione del precariato. In quell’occasione ci aveva pensato Massimo Donelli a gettare acqua sul fuoco: “Trovo quantomeno singolare che si faccia il processo a un programma non ancora andato in onda e che fin qui è solo uno fra i tanti progetti sperimentali ai quali stiamo lavorando”, così aveva replicato alle accuse il direttore di Canale 5.


8
marzo

CANCELLATA NOTTE CINQUE

Nemmeno il tempo di gustare i promo che promettevano una notte infuocata su Canale5 che arriva una repentina cancellazione.

Notte Cinque, l’esperimento previsto per mercoledi notte alle 23.20 su Canale5, non ci sarà. Non è dato conoscere i motivi, ma fatto sta che il Grande Fratello Proibito (qui tutti i contenuti della puntata anticipati da DM) non troverà più spazio nel palinsesto notturno dell’ammiraglia di Cologno Monzese.

Al suo posto è prevista una replica di Due Imbroglioni e Mezzo. E Simona Ventura se la ride di gusto!





25
settembre

LA TRIBU’ NON SI FA PIU’, L’ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA!

Paola Perego (corna)

La Tribù non si fa più, l’avete appreso ieri sera su queste pagine. E quasi unanime è stata la solidarietà espressa nei confronti di Mediaset e della conduttrice dello show, Paola Perego, viste le motivazioni addotte per la chiusura anticipata del reality show mai partito.

Una situazione paradossale, quest’ultima, dovuta, stando a quanto si è appreso dalla Direzione Comunicazione del Biscione, a motivi tecnico-produttivi indipendenti dalla volontà di Mediaset e attribuiti dal broadcaster al produttore indipendente Triangle Production. La società di Silvio Testi, infatti, stando all’ultimo comunicato stampa rilasciato dal Gruppo di Cologno, avrebbe dovuto comunicare il “rientro” dei problemi riscontrati entro la giornata di ieri, termine ultimo entro il quale la produzione avrebbe dovuto mettere Mediaset in condizione di mandare in onda la trasmissione.

Comunicazione non arrivata, limite ragionevole superato… reality cassato! Ma per dovere di cronaca, è opportuno sapere che qualcuno, a torto o a ragione forse non lo sapremo mai, parla di una comunicazione che, seppur tardiva, sarebbe arrivata in Italia tramite vie non propriamente “ufficiali” (si parla di email). Ed in effetti pare che la produzione fosse pronta a partire ed i concorrenti avrebbero potuto spiccare il volo per l’India durante il week end. Una conferma arriverebbe da alcune dichiarazioni, rilasciate proprio ieri sera, mentre giungeva agli organi di informazione il comunicato di Mediaset, da Lorenzo Amoruso. Ecco quello che leggiamo nei commenti di questo post:


2
aprile

SENTIERI: SI SPENGONO DEFINITIVAMENTE LE LUCI DOPO 72 ANNI

Guiding Light - Sentieri

Dopo 72 anni di messa in onda tra radio e televisione e circa 15.700 puntate, la soap Sentieri, la più longeva della storia, chiude i battenti. Cbs il network americano che trasmette la soap sin dal 1952 ha annunciato, infatti, che Guiding Light, questo il titolo originale, non sarà inserita nel palinsesto 2009/10. Alla base della decisione epocale, oltre ad un declino degli ascolti, ci sarebbero i cambiamenti delle abitudini dei telespettatori (che hanno cominciato a preferire generi differenti come il talk show) nonchè la crisi economica. Il 18 settembre è la data fissata per la conclusione della saga di Springfield che ha tenuto a battesimo vere e proprie star della televisione e del cinema come Calista Flockhart, Kevin Bacon e Christhoper Walken.

Una notizia che lascia con l’amaro in bocca i milioni di fan che, nel mondo, seguono quotidianamente la soap e che, adesso, non possono far altro che appigliarsi alle dichiarazioni dei produttori della soap che lasciano intendere che la decisione potrebbe non essere definitiva (“Stiamo lavorando duramente per trovare una nuova casa alla show, stiamo vagliando tutte le opzioni  per continuare a portare agli ammiratori fedeli i personaggi e le storie che amano”). Qualunque sia il destino di Sentieri, una cosa sembra essere certa: come dichiarato anche dagli stessi vertici Cbs che ne hanno decretato la chiusura, seppur non più in onda, Sentieri continuerà a vivere nel cuore delle generazioni di telespettatori che negli anni l’hanno seguita e amata.

Possono stare tranquilli, almeno per ora, i fan italiani. La soap, nonostante il trattamento poco rispettoso riservatole da Rete 4, continuerà ancora per circa quattro anni dato lo sfasamento temporale di messa in onda delle puntate tra l’Italia e l’America.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,





11
marzo

BOOM! SOPPRESSO L’INCREDIBILE FLOP DI VERONICA MAYA

Veronica Maya - Incredibile, soppressione

Il primo, sonoro, inappellabile flop dell’anno è servito. L’”Incredibile“ programma di Veronica Maya è stato cancellato dai palinsesti Rai per un ascolto incredibilmente basso: poco più di 3 milioni e il 12.54% di share. Un risultato decisamente sotto le aspettative (10 punti in meno rispetto alla media di Raiuno) che non ha lasciato scampo ai vertici Rai, che in accordo col direttore di rete Del Noce hanno scelto di cancellare il varietà che avrebbe dovuto lanciare in prima serata una delle quattro grazie del direttore.

Non è bastato un sostanziale ripensamento del format, testato con risultati non brillanti la scorsa estate (19% di share contro il nulla della programmazione estiva), così come non è bastata la presenza dell’elemento comico di Gabriele Cirilli (che rivive l’esperienza del flop dopo l’Uomo e Gentiluomo della Carlucci) nè quella dei 6 magnifici boys, tra cui si annovera il fratello di Manuela Arcuri. L’idea delle performance di personaggi curiosi e fuori dal comune non è piaciuta al pubblico tradizionalista di Raiuno.

Un 12% di share difficile da digerire che riporta la mente ai risultati della recente Serata d’Onore baudiana e soprattutto alla fiction Giorni da Leone 2,  quando Fabrizio Del Noce di fronte al risultato ottenuto da Barbareschi (di poco distante da quello della Maya) parlò chiaramente di chiaro segno di rifiuto totale da parte del pubblico. E coerentemente con le scelte adottate in precedenza, la stessa sorte è toccata al programma della Maya, di cui restavano tre puntate da mandare in onda. Puntate che verrano sostituite, da martedì prossimo, dalla nuova serie di Rex con Kaspar Capparoni.