Bruno Barbieri



21
settembre

MASTERCHEF, LA GRANDE SCOMMESSA DI CIELO. E DURANTE LA PRESENTAZIONE, LA PADELLA VA IN FIAMME!

MasterChef

Qual è la cucina più amata dagli italiani? Difficile dirlo tra proposte tele-gastronomiche che spuntano come funghi. Altrove invece non hanno dubbi: in Australia, per esempio, MasterChef è lo show più seguito degli ultimi dieci anni. Oggi il talent show culinario più venduto al mondo arriva in Italia in un momento di grande fermento per i programmi del suo genere. A credere fermamente in questo progetto ambizioso sono Cielo e Magnolia:

E’ un programma largo – ha detto Ilaria Dallatana, Amministratore Delegato di Magnolia – che richiede passione, disciplina e creatività. A MasterChef uniamo gli schemi del cooking a quelli del talent show. E’ una serie impegnativa dal punto di vista della produzione, ha richiesto tre mesi di lavoro e più di cento persone durante le registrazioni. La post-produzione è stata curata in ogni dettaglio: il programma è montato come un film con grande attenzione per le musiche“.

MasterChef sarà doppiamente innovativo: punterà sul montaggio, per dare ritmo al racconto, e sulle personalità dei giudici, per conquistare i telespettatori. Non è prevista invece la presenza di un conduttore. Il pubblico imparerà a familiarizzare con i tre giudici: Bruno Barbieri, Carlo Cracco e Joe Bastianich.

Per Cracco, MasterChef “è l’unico programma dedicato a chi veramente ha la passione per la cucina e vuole fare questo mestiere“. Joe è stato uno dei giudici dell’edizione americana di MasterChef al fianco di Gordon Ramsay e quando gli chiedono di lui, alza gli occhi al cielo: “Arrivare dagli Stati Uniti era una sfida interessante. All’inizio ero perplesso, mi chiedevo perchè un cuoco italiano che cucina italiano deve essere giudicato da un americano. Poi è cambiata la mia prospettiva. Il programma creato da Cielo e Magnolia è il top nel mondo, dietro c’è un’ambizione impressionante“.




19
luglio

MASTERCHEF ARRIVA IN ITALIA, SU CIELO DAL 21 SETTEMBRE. TRA I GIUDICI ANCHE JOE BASTIANICH

I giudici di MasterChef Italia

Dopo La Notte degli Chef su Canale 5, anche Sky Italia sta per aprire in grande stile al pubblico le porte della sua cucina. Lo farà con uno dei format più esportati degli ultimi anni: si tratta di MasterChef, un talent show culinario, originariamente trasmesso dalla BBC nel 1990, che ha trovato un nuovo successo dal 2005 grazie ad un meccanismo più competitivo che ha permesso di vendere il format in oltre dieci paesi.

La versione italiana, prodotta da Magnolia, sarà la produzione di punta di Cielo della prossima stagione, e si ispira alla fortunata edizione americana trasmessa dalla Fox e condotta dal temibile Gordon Ramsay. I concorrenti (il numero dovrebbe essere intorno a 15) si sfideranno sul tavolo da cucina al cospetto di tre esperti giurati. Per MasterChef Italia saranno Carlo Cracco, proprietario del Cracco-Peck, un ristorante milanese che è tra i 50 migliori al mondo, il pluristellato chef Bruno Barbieri, già un volto di Gambero Rosso Channel, e direttamente dalla versione a stelle e strisce, Joe Bastianich.

Diversamente dal programma di Alfonso Signorini, in MasterChef non sono previste solo sfide in studio, ma anche in esterne e di ogni tipo: dal piatto raffinato per ambasciatori alla grigliata per camionisti. Per ogni piatto è prevista anche una prova specifica: ad esempio la sfida della Mistery Box, in cui i concorrenti hanno a disposizione 50 minuti per preparare una ricetta utilizzando gli ingredienti a sorpresa contenuti, appunto, nella scatola segreta, oppure l’Invention Test in cui i cuochi devono cucinare un piatto sulla base di un tema prestabilito.