Breaking Bad



3
marzo

Uzo Aduba (Orange is the New Black) e Bob Odenkirk (Breaking Bad e Better Call Saul): ‘Dovevamo partecipare solo a pochi episodi…’

Uzo Aduba e Kate Mulgrew

Uzo Aduba e Kate Mulgrew

A volte il successo non lo si pianifica, lo si raggiunge quasi per caso guidati da un destino che con il senno di poi appare segnato. Uzo Aduba (qui la video intervista quando ci è venuta a trovare a Milano), ad esempio, cinque anni fa ignorava che la sua carriera d’attrice avrebbe spiccato il volo grazie a “qualche puntata” di Orange is the New Black. E’ lei stessa a rivelarlo ai media, giunti a Berlino per l’appuntamento Netflix See What’s Next.




26
agosto

EMMY AWARDS 2014: TUTTI I VINCITORI. BREAKING BAD FA INCETTA DI PREMI TRA I DRAMA! MODERN FAMILY MIGLIOR COMEDY. JESSICA LANGE E KATHY BATES VINCONO PER AHS COVEN. EXPLOIT DI SHERLOCK

Julia Louis Drefyus e Bryan Cranston

E’ stata la notte di Breaking Bad. L’ultima stagione della serie capolavoro di AMC trionfa agli Emmy Awards 2014 portandosi a casa i premi – nella macro categoria delle Serie Drammatiche – come miglior serie, miglior attore protagonista, miglior attore e attrice non protagonista e miglior sceneggiatura.

Emmy Awards 2014 vincitori (drama): delusione True Detective

La serie con Bryan Cranston surclassa la rivelazione di questa stagione televisiva, True Detective, che deve accontentarsi del premio per la miglior regia. Non è riuscita, dunque, a Matthew McConaughey l’impresa di conquistare in uno stesso anno Oscar ed Emmy Awards. Nella categoria drama spicca altresì il secondo Emmy come miglior attrice protagonista di Julianna Margulies, premiata per la sua interpretazione in The Good Wife.

Emmy Awards 2014 vincitori (comedy): Jim Parsons miglior attore

Miglior comedy è per l’ennesimo anno Modern Family, che batte Orange is The New Black e porta, altresì, a casa il premio per miglior attore non protagonista, andato a Ty Burrel. Migliore attore protagonista di una comedy è, invece, Jim Parsons, inconfondibile Sheldon Cooper di The Big Bang Theory (ruolo che gli vale anche il titolo di attore tv più pagato d’America) mentre Julia Louis Drefyus è la miglior attrice femminile in una sitcom. La protagonista di Veep, a sorpresa, prima di salire sul palco ha ricevuto un bacio appassionato (e organizzatissimo) da Bryan Cranston.

Emmy Awards 2014 vincitori (miniserie): Kathy Bates batte Julia Roberts

Miglior miniserie è Fargo mentre il miglior tv movie, come prevedibile, è The Normal Heart, con Mark Ruffalo e Julia Roberts. Quest’ultima – che ha annunciato la vittoria di Cranston – perde il confronto nella categoria miglior attrice non protagonista di una miniserie o tv movie, vinta da Kathy Bates per American Horror Story: Coven. La saga del terrore porta nuovamente un Emmy anche nelle mani della migliore attrice protagonista Jessica Lange.

Emmy Awards 2014: bocciato il commento di Gene Gnocchi

Se la serata americana è apparsa piacevole, snella e veloce nonostante i numerosi break pubblicitari, le ben 26 categorie e la durata 3 ore e mezza, lo stesso non può dirsi per il commento offerto da Rai4. La rete che, con merito, ha riportato in tv gli Emmy (e per di più in chiaro) non ha saputo scegliere le “voci” giuste per il commento della serata. Tralasciando il “povero” esperto Andrea Fornasiero (interpellato poche volte nel corso della serata), Joe Violanti è apparso volenteroso ma non abbastanza da risultare idoneo al contesto e Gene Gnocchi è stata una vera e propria nota dolente. Il comico si è lasciato andare a commenti inoppotuni e gaffes che denotavano una scarsa conoscenza dell’argomento seriale; se tra queste ultime c’è da annoverare American Horror Show, versione gnocchesca di American Horror Story, tra i commenti inopportuni c’è sicuramente l’ironica celebrazione della morte del leone della Metro Goldwin Mayer per alopecia, avvenuta dopo l’omaggio dedicato dall’Academy ai celebri attori scomparsi (Robin Williams su tutti). Vista la trasmissione su Rai4 e l’argomento seriale, non sarebbe stato più interessante affidarsi a giovani conduttori e comici?

Di seguito l’elenco di tutti i vincitori (indicati in grassetto).

Emmy Awards 2014: tutti i vincitori (elenco completo)


15
gennaio

BREAKING BAD: LA SERIE DEI RECORD TORNA SU RAI4 CON L’ULTIMA STAGIONE

breaking bad 5

Breaking Bad

Da vittima a carnefice. La discesa agli inferi di Walter White sta per arrivare all’epilogo. Da piccolo e virtuoso borghese a criminale efferato, il passaggio è durato il tempo di cinque stagioni e ora per il chimico che ha rotto le regole è arrivata la resa dei conti. Walter sta per essere scoperto e dopo aver tentato di rimanere a galla, l’unica via di uscita sarà la fuga. Ce la farà ad essere libero e a salvaguardare la sua famiglia?

Breaking Bad torna su Rai 4 (anticipazioni)

Gli spettatori di Rai4 lo scopriranno a partire da stasera nella quinta e ultima stagione di Breaking Bad, in onda in prima visione free nell’inglorioso slot di terza serata. La serie più premiata al mondo - fresca di due Golden Globes rispettivamente come miglior serie drama e come miglior interprete (Bryan Cranston) – torna sul canale lanciato da Carlo Freccero per sedici episodi ad alto tasso di adrenalina. Nuove puntate in cui scopriremo quale sarà il destino di Walter White che ancora una volta si intreccerà a quello di Jesse Pinkman. Tra i due si rinnoverà il “sodalizio professionale” ma l’”idillio” sarà interrotto da una clamorosa scoperta di Jesse. Nell’ultima stagione assisteremo altresì alla scomparsa di due importanti personaggi. Chi saranno?

Breaking Bad in arrivo il prequel

Chi non ci lascerà, invece, è Saul Goodman, l’avvocato tuttofare sarà protagonista di uno spin off dal titolo Better Call Saul, in onda in America a partire da novembre 2014. Si tratterà di un prequel che narrerà le avventure lavorative di Saul prima di entrare a contatto con Walter.

Breaking Bad 5 anticipazioni primi due episodi





25
settembre

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (16-22/09/2013). PROMOSSI BREAKING BAD E PECHINO EXPRESS, BOCCIATI LA7 SENZA CROZZA E SKY SENZA EMMY

Matrimonio Belen Rodriguez e Stefano De Martino

Stefano De Martino e Belen Rodriguez (dal fb di Belen)

Promossi

10 a Breaking Bad. La serie capolavoro con Aaron Paul è tornata sul piccolo schermo italiano, con la seconda parte dell’ultima stagione inedita e, contemporaneamente, tiene banco agli Emmy Awards 2013 dove si è imposta come miglior serie drammatica.

9 a Pechino Express. Il reality show di Rai2 si conferma tra le novità più belle e interessanti degli ultimi anni. Bel montaggio, cast ben assortito e ambientazioni suggestive: l’unico neo – ascolti a parte – è la durata, eccessiva per un factual.

8 a Belen Rodriguez. Su di lei ne potremmo dire di ogni, e in effetti la showgirl non è propriamente quello che si può definire un ‘modello di vita’. Eppure il suo appeal è innegabile: nel bene e nel male la neo signora De Martino sa come calamitare l’attenzione e la dimostrazione sono gli ascolti record registrati dalle trasmissioni che hanno parlato delle sue nozze (che a differenza di quelle di Valeria Marini potevano contare su ben pochi vip) e l’edizione straordinaria di Chi dedicata all’evento (per una fotogallery completa clicca qui).

7 a Michelle Bonev. La produttrice e regista bulgara, candidata come Peggior Attrice dell’Anno e – con Donne in Gioco – per la Peggior Fiction dell’Anno, si presenta sul palco dei TeleRatti 2013 dove, stupendo tutti per autoironia e simpatia, pronuncia il discorso che aveva preparato in caso di vittoria, dedicando la statuetta a Silvio Berlusconi. “E’ il momento di ricambiare”, ha detto. Maggiori info qui.

6 a Geppi Cucciari che, a proposito del flop di G’Day, a Otto e Mezzo commenta: “quando Peppa Pig fa più ascolti di te ti rassegni”. Carina la battuta, ma a rassegnarsi, dopo anni, non è stata La7?

Bocciati


21
settembre

DM CONSIGLIA BREAKING BAD. DA STASERA L’ULTIMO ATTO DELLA SERIE PIU’ PREMIATA DI SEMPRE

Breaking Bad

Breaking Bad

“In ogni episodio c’è un colpo di scena e gli spettatori si arrabbiano, si sorprendono e ne diventano dipendenti. Proprio come fosse una droga”, ha dichiarato Bryan Cranston alias Walter White. Walter White è il protagonista di Breaking Bad, la serie di culto, nata dalla penna di Vince Gilligan, che segue la trasformazione di Walt, da frustrato professore di chimica in un liceo del New Messico, in Heisenberg, produttore di metanfetamine prima, criminale senza scrupoli poi ed infine signore della droga.

Oggi – sabato 21 settembre alle 22.00 – in prima visione assoluta, AXN trasmetterà gli ultimi otto episodi della serie, un finale che sta tenendo con il fiato sospeso milioni di appassionati in tutto il mondo. “Breaking Bad è un prodotto a cui teniamo molto e che siamo fieri di avere portato in Italia fin dalla prima stagione. E’ la serie che più rappresenta la grande qualità della nuova stagione del network  AXN, mai come quest’anno ricca di prime visioni assolute in HD. Continueremo ad investire su grandi esclusive per garantire sempre più valore aggiunto al nostro pubblico e ai nostri partner pubblicitari” commenta Kate Marsh, SVP Western Europe, International Networks, Sony Pictures Television.

Breaking Bad entrerà nel libro dei Guiness dei Primati 2014 come la serie più premiata di sempre, amata non solo dalla critica, ma anche dal pubblico che fa sentire il proprio calore online mediante innumerevoli tributi. La serie ha inoltre ricevuto 13 candidature agli Emmy Awards che si terranno domani al Nokia Theatre di Los Angeles. I motivi di questo successo sono tanti, uno tra tutti è la cura maniacale del dettaglio e l’originalità degli scripts, sempre sorprendenti, che rendono divorante l’attesa della conclusione dello show. Come andrà a finire? Perché le conclusioni possibili sono ancora tante e le scelte definitive da prendere ancora tutte da decidersi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,





24
luglio

DMLIVE24: 24 LUGLIO 2013. BREAKING BAD IN CONTEMPORANEA CON GLI USA, WOMEN’S MURDER CLUB ARRIVA SU GIALLO

Women's Murder Club

Women's Murder Club

>>> Dal Diario di ieri…

  • Breaking Bad in contemporanea con gli USA

In contemporanea con gli Stati Uniti, la seconda parte della quinta e ultima stagione di Breaking Bad su AXN dal 21 settembre alle 22.00.

  • Women’s Murder Club su Giallo

Dal 24 luglio, ogni mercoledì alle 21:10, in prima tv su Giallo (canale 38 digitale terrestre free) arriva “Women’s Murder Club” l’appassionante serie tratta dai romanzi “Le donne del club omicidi” di James Patterson.


28
agosto

EMMY AWARDS 2012: QUAL E’ LA MIGLIOR SERIE DRAMA?

Mad Men

Oltre alla miglior comedy del 2012, altra fondamentale categoria degli Emmy Awards 2012 è quella legata alla miglior serie drammatica dell’anno. Dopo aver scandagliato le sei serie comiche in lizza per l’ambita statuetta, vediamo da vicino le sei serie drammatiche più votate che si contenderanno il premio il prossimo 23 settembre a Los Angeles.

Iniziamo con Boardwalk Empire – L’impero del crimine, serie dell’HBO ambientata negli anni 20′ il cui protagonista indiscusso è il tenebroso Nucky Thompson (Steve Buscemi). Siamo nel periodo del Proibizionismo e Thompson, tesoriere corrotto di Capital City e boss malavitoso, è intenzionato ad arricchire se stesso e i suoi scagnozzi grazie allo spaccio illegale di alcolici, attività che gli costerà l’inimicizia di gangster rivali e dei federali. La serie, il cui primo episodio è stato diretto da Martin Scorsese, è stata trasmessa in chiaro in Italia su Rai4, dopo la messa in onda di Sky Cinema 1. Proseguiamo con Breaking Bad – Reazioni Collaterali che narra le disavventure del professore di chimica Walter White e dei suoi folli esperimenti con le metanfetamine, una volta diagnosticatogli un cancro ai polmoni non operabile. L’attore protagonista, Bryan Cranston, ha ottenuto per ben due anni consecutivi – nel 2008 e nel 2009 – l’Emmy per il miglior attore in una serie drammatica: riuscirà ad aggiudicarselo anche quest’anno?

In corsa per l’ambito titolo di miglior prodotto seriale drammatico ci sono anche Downton Abbey Game of Thrones. La prima è una serie britannica in costume ambientata nell’era edoardiana nella fittizia dimora di Downton Abbey, nello Yorkshire. Lo show segue le vicende degli aristocratici proprietari della tenuta, i Crawley, a partire dal 15 aprile 1912, data dell’affondamento del Titanic. La serie vanta quest’anno ben 16 nomination agli Emmy fra cui miglior attrice non protagonista a Maggie Smith.


21
settembre

EMMY AWARDS 2009: L’AMERICA SNOB PREMIA MAD MEN E 30 ROCK. DELUSIONE ITALIANA PER COCO CHANEL

Emmy awards-vincitori 30rock cast

Mad Men e 30 Rock. Un gruppo di pubblicitari a Madison Avenue negli anni ‘60 e il dietro le quinte di un immaginario programma televisivo, sono le due facce della sessantunesima edizione degli Emmy Awards, i massimi riconoscimenti della televisione statunitense, assegnati nella notte al Nokia Theatre di Los Angeles. Al bando, dunque, i premi per i blasonati, Dr House e Grey’s Anatomy vari, gli americani, con fare snob, preferiscono la nicchia.

30 Rock (7.5 milioni di spettatori in media sulla Nbc) e Mad Men (1.5 milioni sulla cable minore Amc) vincono, forti di 38 nominations complessive, per il secondo anno consecutivo, nelle categorie più prestigiose di, rispettivamente, Miglior Serie Comica (per 30 Rock è la terza volta consecutiva) e Miglior Serie Drammatica (e anche Miglior Sceneggiatura Comica e Drammatica).

La serie prodotta da Tina Fey, in onda in Italia su Lei, si aggiudica, per la seconda volta consecutiva, altresì, il riconoscimento per il Miglior Attore Protagonista in una commedia, Alec Baldwin (già vincitore a gennaio di un Golden Globe per lo stesso ruolo). A vincere, nella versione al femminile della stessa categoria, è l’australiana Toni Collette per il suo ruolo in United States of Tara, in onda su Showtime. Miglior Attori in un drama sono, invece, Glenn Close, interprete del perfido avvocato Patty Hewes in Damages, e Brayn Cranston per Breaking Bad.