Bellezze al Bagno



26
luglio

DA PREMIATISSIMA A IO CANTO, L’ETERNA GUERRA DEI CLONI IN TV

Cloni in tv

Che in tv nulla si crei e nulla si distrugga è ormai risaputo. Complice la mancanza d’idee e la costante necessità di conquistare il maggior numero di spettatori, in tanti, in maniera più o meno lecita, si sono spesso ritrovati a prendere ispirazione da format di successo, in onda sui canali concorrenti. Una guerra a colpi di programmi fotocopia, condita da accuse di plagio che ciclicamente invadono il piccolo schermo.

Se in questi giorni a tenere banco è la presa di posizione di Milly Carlucci, pronta a portare in tribunale il nuovo show di Canale 5 Baila! (in onda in autunno), apparentemente simile a Ballando con le stelle, in passato tanti altri personaggi hanno avuto a che fare con casi di clonazione catodica. La stessa Milly Carlucci nell’estate del 1989 non si fece particolari problemi nell’accettare la conduzione di Bellezze al bagno, show di Canale 5 palesemente ispirato al celebre Giochi senza Frontiere della Rai. Trasmissione peraltro condotta proprio dalla Carlucci dal 1978 al 1981.

I cloni veri o presunti nella tv italiana sono sempre stati numerosi. Nel 1982 la neonata Canale 5 riuscì a portare a casa per la prima volta degli ascolti record grazie a Premiatissima, show canoro del venerdì sera (in seguito promosso al sabato) ispirato sin dal titolo alla storica Canzonissima andata in onda per anni sulla tv di Stato. Era invece il 1985, quando sugli schermi di Canale 5 fece la sua prima comparsa all’interno di Pentatlon, quiz condotto da Mike Bongiorno, una versione embrionale de La Ruota della Fortuna. Lo stesso gioco, chiaramente ispirato al celebre format americano The Wheel of fortune, venne in seguito ripreso dal network Odeon Tv nel 1987 e nuovamente (ma con alcune varianti) da Bongiorno nel gioco a premi Parole d’oro. Soltanto nel 1989, dopo tanti scoppiazzamenti piuttosto maldestri, partì la versione ufficiale con tutti i diritti regolarmente pagati ai detentori del format originario.




8
luglio

AMARCORD, LA TV CHE APRIVA PER FERIE: BELLEZZE AL BAGNO

Oggi per la nostra rubrica Amarcord parliamo di Bellezze al bagno, la storica trasmissione estiva targata Mediaset andata in onda per cinque edizioni tra il 1989 e il 1993. Il programma, le cui prime tre stagioni furono trasmesse su Canale5 per poi trasferirsi su Rete4, fu la risposta del Biscione al rodatissimo Giochi senza frontiere, di cui abbiamo parlato in precedenza.

Come nella competizione in onda su Raiuno, infatti, anche in Bellezze al Bagno erano previsti dei giochi a squadre con prove di abilità in acqua. Nella prima edizione, condotta da Milly Carlucci coadiuvata dal trio comico formato da Carlo Pistarino, Enrico Beruschi ed Enzo Braschi, a sfidarsi erano tutte le regioni italiane mentre, dall’anno successivo e fino alla chiusura del programma, a concorrere al gioco furono squadre provenienti da quattro paesi europei.

Il secondo anno vide al timone del programma un inedito trio formato da Marco Columbro, Sabina Stilo, che diede un’impronta sexy alla competizione con i suoi sensualissimi balletti, e Francesco Salvi, all’epoca non ancora riciclatosi come attore di fiction. Fu proprio nell’edizione del 1990 che debuttarono due dei giochi più famosi, e tuttora ricordati, della competizione balneare: il Sirenone, dove i concorrenti dovevano indovinare una canzone dopo aver affrontato un percorso ad ostacoli, e soprattutto il Bacio mozzafiato, in cui due elementi della squadra, un uomo ed una donna, dovevano affrontare una prova di resistenza che consisteva in un bacio sul fondo della piscina.