Anticipazioni



22
ottobre

GRANDE FRATELLO: ALBERTO BAIOCCO E’ IL PRIMO CONCORRENTE UFFICIALE

ALBERTO BAIOCCO NUOVO CONCORRENTE GRANDE FRATELLO 10

Sale sempre di più l’attesa per le novità che saranno al centro della decima edizione del Grande Fratello; il reality di Canale 5, in partenza il prossimo lunedì, è ormai alle porte.

E fra stanze “invisibili o delle scelte“, ospitate di vecchie glorie e rumors circa i nomi dei nuovi concorrenti, le voci si rincorrono e non fanno altro che aumentare l’interesse dei telespettatori più affezionati al padre di tutti i reality, che quest’anno avrà una durata, e stando quanto dichiarato da Alessia Marcuzzi anche un regolamento, no limits. A mettere un punto fermo su tutti i pettegolezzi che si rincorrono nel web è arrivato il Tg5, che nell’edizione serale appena andata in onda ha svelato il nome del primo concorrente ufficiale della nuova edizione del Grande Fratello.

Lui è Alberto Baiocco, un ragazzo 25enne che ai provini si è mostrato come il classico “bravo ragazzo“. Alberto va in chiesa tutte le settimane, e nonostante sia corteggiatissimo, pare sia ancora illibato. Nei fotogrammi mostrati dal Tg della rete ammiraglia Mediaset abbiamo visto l’aspirante concorrente parlare del suo rapporto con le donne, discutendo di quanto oggi siano veloci e troppo facili gli approcci con l’altro sesso. C’è da specificare, infatti, che cinque anni fa, il bel moro Alberto, ha intrapreso un cammino di fede e di castità. E chissà che non sia stato scelto proprio per mettere alla prova questa sua scelta, oggi sempre più inusuale e rara.




21
ottobre

ANTEPRIMA DM. AMICI: GABRIELE MANZO NUOVO ALLIEVO DELLA SCUOLA. STEFANO DI MARTINO IN PARTENZA PER LOS ANGELES

Gabriele Manzo (Amici)

E’ durata poco la vacanza del banco di hip hop nella scuola di Amici. Giorgio Miceli, allievo probabilmente già dimenticato dai telespettatori, ha già trovato un degno sostituto. Possiamo, infatti, anticiparvi che il prof. Kris è riuscito a portare il proprio preferito tra i titolari degli Amici di Maria. 

Ecco così che la classe acquista un tono più black arruolando Gabriele Manzo (in basso il suo primo provino andato in onda a maggio), ballerino di colore che con la sua presenza continua una tradizione iniziata con Augusto da Graca (per gli Amici Gugu) nella seconda edizione fino ad arrivare al ballerino Leonardo Monteiro dell’ultima annata.

La puntata di oggi, però, non presenta solo questa novità. Siamo infatti in grado di anticiparvi che un allievo sarà destinatario di un ”premio speciale“, di cui finora né la De FilippiZanforlin avevano parlato: Stefano Di Martino, già molto apprezzato da Marco Garofalo che gli ha promesso un posto nella sua compagnia, potrà togliersi infatti lo sfizio di vedere in anteprima a Los Angeles il film su Michael Jackson e, in veste di inviato di Amici, potrà allegramente “lanciarsi” sul red carpet tra divi ben più navigati.

[Dopo il salto il risultato delle sfide di danza]


20
ottobre

GRANDE FRATELLO 10: UN CONCORRENTE UOMO CHE UN TEMPO ERA UNA DONNA, E UNA STANZA DELLE SCELTE. LA MARCUZZI ANTICIPA: “QUESTO GF NON SAPPIAMO ANCORA QUANDO FINIRA’”…

GRANDE FRATELLO 10 CONCORRENTE TRANS

Il Grande Fratello come specchio della società? Probabilmente si. E se la società è fatta di tante piccole realtà molto spesso ignorate dai più, si potrebbe pensare che la casa di Cinecittà sia il posto ideale per ospitarle e farle conoscere.

La prima concorrente transessuale a varcare la celeberrima porta rossa del reality è stata Silvia Burgio, che partecipò all’ottava edizione del GF non senza clamore. Eppure quel polverone sollevato ancor prima del suo ingresso fu subito messo a tacere dalla stessa Silvia, che raccontando la sua storia con enorme naturalezza e tranquillità, catalizzò l’attenzione più sulla sua persona che sul cambiamento di cui era stata protagonista. L’anno scorso, invece, rappresentare la comunità GLBT (Gay, Lesbiche, Bisessuali, Transessuali) è toccato a Siria De Fazio, che durante la nona edizione del GF ha fatto un tranquilissimo coming out già nei primi giorni di permanenza nella casa.

Quest’anno è il turno di un uomo, che fa parlare di sè ancor prima di mettersi in gioco fra nomination ed eliminazioni, come anticipa il settimanale Oggi; un uomo che un tempo era una donna. L’acronimo inglese con cui si indica un uomo che ha subito un intervento di adeguamento di genere  è FTM, Female To Male, ovvero “da femmina a maschio“. Ed è proprio usando questa sigla che Fabiana Tozzi Daneri, presidentessa di Trans Genere, ha commentato la notizia.





14
ottobre

IL GRANDE FRATELLO 10 OSPITA UN ESERCITO DI 40 CONCORRENTI. FRA LORO GIORGIO RONCHINI, IL PRIMO PALESTRATO DI QUESTA NUOVA EDIZIONE.

GIORGIO RONCHINI ALESSIA MARCUZZI GRANDE FRATELLO 10

Ormai è cosa nota, entrare nella casa più spiata di Italia non significa necessariamente diventar famosi. Il nostro speciale sul GF ha confermato che sono in tanti a tornare alla vita di tutti i giorni dopo la parentesi del reality, e quest’anno “entrare nell’olimpo” potrebbe esser cosa assai più difficile.

Per poter  diventare prezzemolini tv o aspiranti attori, veline e presenzialisti dell’ultima ora, ogni concorrente della decima edizione del Grande Fratello dovrà fare i conti con un’agguerita e numerosissima concorrenza. Saranno quaranta, infatti, i concorrenti a varcare la porta rossa di quella che si preannuncia come un’edizione celebrativa e ricca di novità; un vero e proprio esercito di aspiranti al titolo che l’anno scorso fu del fortunatissimo, e tanto apprezzato dai telespettatori, Ferdi Berisa. Lo ha svelato a Sorrisi la conduttrice del reality, Alessia Marcuzzi, che sulla carica di inquilini ha aggiunto: “Difficile scovare persone coinvolte politicamente. I giovani hanno pochi punti di riferimento. Oltre che paura di esporsi. Spero che si parlera’ di integrazione, dell’Italia spaccata tra Nord e Sud. Ora si discute di dialetti a scuola. E a me viene da dire: ma perche’ il nostro Paese e’ cosi’ vecchio?“.

La speranza della bionda Alessia, per il quinto anno al timone del GF, è quella di “avere persone molto pulite d’animo. Nella speranza che pure il pubblico si soffermi su di loro e non solo sui personaggi piu’ appariscenti“. E se fra ben quaranta persone è stato difficile trovare qualcuno coinvolto e interessato alla politica, speriamo almeno che venga accontentato il desiderio della Marcuzzi, anche se sembra difficile immaginare questi animi così puri alle prese con nominations ed eliminazioni. Piuttosto, ad ipotizzare l’avanzata di una così nutrita schiera di novelli concorrenti, vien subito da pensare a quanto dovranno maggiormente sgomitare per assicurarsi il primo bacio, la prima lite, e l’eventuale primo lancio di oggetti, con prime relative punizioni e temutissime buste nere. Insomma, vien da pensare che assicurarsi un posto al sole sarà molto difficile. Dovrebbe saperne qualcosa Giorgio Ronchini, la cui presenza in casa sarebbe cosa certa.


13
ottobre

CENTOVETRINE TAGLIA IL NASTRO DELLE 2000 PUNTATE

CENTOVETRINE 2000 PUNTATE

Era l’8 gennaio 2001 quando Canale 5, con una scelta che poteva apparire azzardata e rischiosa, decideva di spostare al mattino la sua prima soap autoprodotta, Vivere, che pur riscuoteva un discreto successo, per lanciare un nuovo prodotto: Centovetrine. Sempre una soap opera, è vero, ma dai sapori e dall’ambientazione molto diversi.

Da quel ramo del lago di Como, tutto locande, lavoro in fabbrica e parrucchiere, il Biscione aveva pensato di cambiare per affiancare al blockbuster straniero, Beautiful, un soap più affine: sempre ambientata in provincia (Torino, in questo caso), ma con maggiore attenzione al glamour ed agli intrighi di potere, con personaggi più in chiaroscuro e meno “casa e Chiesa”.

Il risultato? Dopo quasi nove anni, Centovetrine ha consolidato il suo pubblico e, in un turbinio di nuove entrate e continui uscite di scena e famiglie avvicendatesi continuamente (i Ferri, i Della Rocca ed i Castelli), ha raggiunto un successo davvero notevole:  ”Dall’8 gennaio 2001 a oggi, la soap ha ottenuto una media del 28,18% di share con 4.129.000 spettatori con picchi che hanno raggiunto anche il 36% con 5.208.000. In onda dal lunedì al venerdì su Canale 5 nella fascia pomeridiana (ore 14.10) ha consolidato il suo successo superando in termini di share e di ascolti  la veterana Beautiful. Eccellenti – continua il comunicato stampa - i risultati registrati in questi anni nei target più ricercati dagli inserzionisti pubblicitari. In particolare, la soap ha conquistato una media di quasi il 37% (36,82%) nella fascia di pubblico 25-34 anni e di oltre il 30% nei 35-44 anni“. E, con questi numeri da capogiro, la soap opera italiana di maggiore successo, quest’oggi, martedì 13 ottobre, si appresta a raggiungere quota 2000 puntate.

Dopo il salto, tante anticipazioni su cosa ci aspetterà nelle prossime settimane a partire da una “infuocata” puntata celebrativa e due video che la rete sta iniziando a trasmettere da pochi giorni.





25
agosto

DEXTER: DAL 18 SETTEMBRE LA III STAGIONE SU FX. PER I FAN PIÙ AFFEZIONATI, IL PREAIR DELLA IV È SUL WEB

Dexter (Living the Dream, preair) Attenzione pericolo Spoiler: Aveva lasciato i suoi adepti con un bebè in cantiere, un trasloco a casa della mogliettina Rita e una vita da americano medio nel cassetto: così Dexter aveva salutato i suoi fan. Per gli addicted di una delle serie tv più amate, Dexter è tornato con un preair a dir poco rivoluzionario. Dotato della sua immancabile verve ironica, l’ematologo Morgan nella IV stagione si presenta come un provetto papà. Per evidenziare l’evoluzione del personaggio anche la sigla è stata leggermente rivisitata.

Il tema introduttivo in Dexter, infatti, ha sempre avuto la funzione di evidenziare il dualismo Dexter vs. Passeggero Oscuro: a livello tematico tale dualismo era marcato dall’opposizione Ordine vs. Disordine, a livello cromatico dal contrasto Bianco vs. Rosso. Proprio nel preair tale opposizione viene sconvolta su entrambi i livelli: una versione audacemente ironica della sigla viene riproposta poco dopo l’inizio dell’episodio, con il Dexter bravo paparino che cerca di ripetere il rituale dei suoi gesti quotidiani … con scarsi risultati.

Se la natura sociale e diurna di Dexter viene quanto mai accelerata, quella notturna e sociopatica non viene a morire: si riposa nel buio, anelando la soddisfazione del suo bisogno interiore. Indaga, verifica dati, analizza e con l’ausilio del suo amatissimo Mac, Dexter/Il Passeggero Oscuro pianifica il prossimo, purificante, omicidio. Il serial killer che è in lui non ha abbandonato i suoi fan.

Naturalmente nuove sfide lo attendono:


24
agosto

LOST: SU RAIDUE GLI EPISODI DELLA V STAGIONE. DAL WEB RUMORS SULLA SEASON FINALE

Lost

I fan italiani li seguono su Raidue dal 27 luglio scorso, tutti i lunedì sera, a partire dalle 21.05. Aspettavano ansiosamente la messa in onda della V stagione, per provare a risolvere quel rompicapo ben riuscito che J.J. Abrams &C. hanno battezzato sotto il nome di Lost. Se tali adepti di Mamma Rai, fino ad ora, hanno, dunque, potuto seguire a malapena una decina di episodi della penultima stagione, la rete già brulica di golosi rumors a proposito dell’attesissima stagione finale.

In primis, è necessario tranquillizzare gli addicted più ansiosi sull’accusa di plagio mossa dal 78 enne Anthony Spinner a J.J. Abrams, Damon Lindelof, Jeffrey Lieber e alla ABC. Circa un mese fa, infatti, sul web circolava la notizia secondo cui Lost sarebbe stato copiato da una idea originale di Anthony Spinner, ex produttore televisivo. O meglio, questa era l’accusa che Spinner sembrava aver mosso ai produttori di Lost: il 78 enne avrebbe sostenuto di aver scritto la sceneggiatura di Lost già nel 1977, di aver ricevuto un compenso di 30.000 $ ma di non disporre di alcuna documentazione attestante il deposito dell’opera. Col passare dei giorni, i fan più accaniti hanno iniziato a sospettare che dietro il J’accuse di Spinner non ci fosse altro che un’operazione di viral marketing goffamente riuscita.

La squadra di J.J. Abrams non è infatti nuova a questi episodi clamorosi di guerrilla marketing: l’anno scorso era stata la volta del portale “Dharma wants you”, tramite cui si poteva inviare il proprio cv per candidarsi come membro della Dharma Initiative. Le community meglio informate, anziché cadere nel tranello di Spinner, hanno preferito indagare sui personaggi che compariranno nella stagione finale. Sul podio della classifica degli addicted più informati, compare senz’altro la community Lost Stagione6. Questa comunità virtuale, nata sul social network più in voga del momento, Facebook, basa le proprie informazioni sugli spoiler dati da ItaliaTopGames: anticipazioni che fino ad ora si sono rivelate veritiere.


17
agosto

UN MEDICO IN FAMIGLIA 6: RITORNI ECCELLENTI E QUALCHE ADDIO, DAL 20 SETTEMBRE SU RAIUNO

Un Medico in Famiglia 6

Continua la carrellata di anticipazioni sui sequel previsti per la prossima annata televisiva, e se destano più di qualche dubbio le trame di “Capri 3” e “Distretto di Polizia 9“, la nuova edizione diUn medico in famiglia(la sesta) sembra proprio riuscire nel difficile intento di non deludere i fans, con stravolgimenti di cast e trame impossibili.

Reduce da un’ondata di repliche pomeridiane (terminate poche giorni fa a favore dell’immarcescibile “Maresciallo Rocca”), che hanno sfiorato punte del 30% di share, proprio come “Montalbano” e il più recente “Ho sposato uno sbirro”, anche la famiglia Martini sembra avere pochi rivali quanto a gradimento del pubblico. Timidamente affacciatasi sui teleschermi italiani nel 1998, la fiction prodotta da Publispei e Rai fiction, ritorna in gran spolvero il 20 settembre in prima serata su Rai Uno, a due anni di distanza dalla serie che aveva affiancato alle vicende di “Nonno Libero (Lino Banfi) & Company” quelle del medico Emilio Villari (David Sebasti) e di nonno Kabir (Kabir Bedi).

Tanto per cominciare, torna il dottor Lele Martini (Giulio Scarpati) ad occuparsi e preoccuparsi delle storie di tutti i suoi familiari; ritorna divorziato da Alice (Claudia Pandolfi, da sempre refrattaria a permanenze troppo lunghe in serie tv) e con due bambini in più: Libero Junior detto Bobò (Gabriele Paolino) ed Elena (Domiziana Giovinazzo) di otto anni, che rincontrano così, dopo qualche anno, gli altri figli di Lele, Ciccio (Michael Cadeddu) ed Annuccia (Eleonora Cadeddu). Nonostante il ruolo da padre premuroso e presente, faceva un po’ strano che Lele se ne fosse altamente infischiato del destino dei figli italiani, lasciando per anni le redini di tutta la brigata a Nonno Libero, ma “così è, se vi pare”.