Andrea Camilleri



21
giugno

Montalbano non morirà, parola di Andrea Camilleri

Andrea Camilleri

Andrea Camilleri

Una buona notizia arriva a rinfrescare questo torrido inizio d’estate. Una notizia che con il mare ha molto a che vedere, visto che riguarda Il Commissario Montalbano, colui che nuota nelle acque di Marinella deliziando ogni volta il pubblico di Rai 1. Il personaggio più amato della fiction italiana non morirà, né ora né mai. A garantirlo l’unico che poteva farlo, ovvero Andrea Camilleri, il suo creatore.




7
luglio

DONNE: DAL 29 AGOSTO NELL’ACCESS PRIME TIME DI RAI1 I 10 CORTI TRATTI DALL’OPERA DI ANDREA CAMILLERI

Nino Frassica e Lucia Sardo

La Rai ha deciso di sfruttare la grande vetrina degli Europei per promuovere alcuni degli appuntamenti di punta della prossima stagione. Tra un tempo e l’altro dei match di Euro 2016 è facile, infatti, imbattersi in alcuni promo legati alle nuove serie tv di prossima messa in onda. Tra queste anche Donne, un progetto di Rai Fiction realizzato dalla Anele di Gloria Giorgianni con Tore Sansonetti e Carola Schinina. Tratto dall’omonimo libro di Andrea Camilleri, Donne rappresenta un formato del tutto inedito per la televisione: 10 cortometraggi da 10 minuti ciascuno. I corti, preceduti da una presentazione dello stesso Camilleri, andranno in onda su Rai1 alle 20.35 dal 29 agosto al 10 settembre, dal lunedì al sabato (fatta eccezione del 1° e del 5 settembre quando su Rai1 verranno trasmessi degli incontri di calcio con la Nazionale).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


5
maggio

DM LIVE24: 5 MAGGIO 2013. MONTALBANO E LE ULTIME CARTUCCE, LE IENE E LA TALPA IN SENATO SUGLI ASSENTEISTI

Le Iene - dipendenti camera e senato

Le Iene - dipendenti camera e senato

>>> Dal Diario di ieri…

  • Montalbano e le ultime cartucce

PierVivaCanale5 ha scritto alle 20:02

“Bisogna capirlo, Montalbano ha una certa età, comincia a vivere quel fenomeno tipico degli uomini che sentono la necessità di sparare le ultime cartucce”. Andrea Camilleri risponde con il distacco del vecchio saggio a chi gli fa notare che il suo protagonista cede al fascino femminile nell’ultima serie tv, da ascolti record. “Queste ultime 4 puntate mi sono piaciute in modo particolare”, dice lo scrittore, che a giugno firmera’ per Sellerio il nuovo Montalbano, ‘Un covo di vipere’. (Ansa)

  • Le Iene, la talpa in Senato e gli assenteisti

Oggi, domenica 5 maggio 2013, in diretta alle ore 21.20 nel nuovo appuntamento con “Le Iene show”, andrà in onda un servizio di Filippo Roma sui dipendenti pubblici che lavorano nei palazzi della politica. La Iena racconta che i dipendenti pubblici di Camera e Senato ricevono uno stipendio medio di circa 150.000 euro annui, una somma pari circa a 5 volte la paga media di tutti gli altri dipendenti pubblici. E oltre alle normali mensilità, al contrario di tutti gli altri i dipendenti pubblici italiani, i dipendenti pubblici di Camera e Senato ricevono tredicesima, quattordicesima e quindicesima. Inoltre, facendo un raffronto con i costi della politica degli altri paesi europei, si nota come i dipendenti delle Camere in Italia guadagnino quasi il quadruplo rispetto allo stipendio di un dipendente del Parlamento inglese, che si aggira attorno ai 40.000 euro annui.

Le Iene ricevono una segnalazione da una persona che lavora in un ufficio del Senato, secondo la quale molti dipendenti arrivano in ufficio e, dopo aver timbrato, si allontanano. A seguire uno stralcio dell’intervista:





23
marzo

L’UNIONE EUROPEA CONTRO MONTALBANO: “NON MANGI IL NOVELLAME!”

Il Commissario Montalbano (Foto Fabrizio di Giulio)

Una sfida a distanza tra commissari. Da una parte quello europeo per la pesca, Maria Damanaki, dall’altra il celebre Salvo Montalbano, personaggio letterario creato da Andrea Camilleri, portato al successo televisivo da Luca Zingaretti, e in questo periodo sul piccolo schermo nella versione young, interpretato da Michele Riondino. Oggetto della discordia, la mai nascosta passione del commissario per il pesce, in particolare per il novellame.

Al ristorante o a casa, il poliziotto più popolare e seguito della tv non rinuncia mai a un buon piatto di pasta condito con il bianchetto, termine con il quale in genere ci si riferisce al novellame di pesce azzurro (alici e sarde), che ancora non hanno raggiunto l’età per la riproduzione. Un’abitudine, quella di Montalbano, tipica dei paesi del sud dell’Europa, dove da sempre ci si delizia consumando pesce sotto taglia. Un’usanza, che visto lo stato d’impoverimento ittico in cui versano attualmente i mari del Mediterraneo, denoterebbe scarsa sensibilità nei confronti dell’ambiente. Non a caso la pesca del novellame in Italia è vietata dal giugno 2010.

Il comportamento del commissario è dunque fuori legge, e Maria Damanaki, pur ammettendo di essere una grande fan di Montalbano, ha annunciato ieri a Bruxelles, nel corso di una conferenza sulla biodiversità nel Mediterraneo, di aver preso carta e penna e aver scritto una lettera ad Andrea Camilleri, chiedendogli di dare il buon esempio ed evitare di far mangiare al suo personaggio più celebre, la pasta condita con il novellame di pesce, una cosa “inaccettabile nel Mediterraneo”. 


23
febbraio

IL GIOVANE MONTALBANO, CON MICHELE RIONDINO QUESTA SERA SU RAI1. SI RIPETERA’ IL SUCCESSO DELL’”ORIGINALE”?

Michele Riondino in Il Giovane Montalbano (foto di Fabrizio Di Giulio)

Andrea Camilleri al cinema e in tv. Periodo d’oro per lo scrittore siciliano, presente nelle sale italiane con il film – trasposizione del suo omonimo romanzo – La scomparsa di Pato, di Rocco Mortelliti con Neri Marcorè e Nino Frassica, e da questa sera su Rai1 con Il Giovane Montalbano, la nuova fiction Rai in sei puntate della quale è co-sceneggiatore insieme a Francesco Bruni.

La serie, prodotta da Palomar, vedrà per protagonista Michele Riondino, giovane attore tarantino, vestire i panni del commissario reso celebre da Luca Zingaretti. I fan di quest’ultimo possono però dormire sonni tranquilli, nessuna rivoluzione in corso, cambio della guardia o pensionamento dell’attore. Il Giovane Montalbano è infatti un prequel della serie, un’operazione piuttosto singolare nel panorama della fiction italiana, ma ampiamente diffusa tra le produzioni statunitensi.

Per sei settimane potremo finalmente scoprire tutto ciò che avremmo da sempre voluto sapere sul commissario più famoso d’Italia. Ambientata all’inizio degli anni 90, la serie diretta da Gianluca Tavarelli, ripercorrerà la vita di Montalbano nel periodo più delicato della vita: la giovinezza, raccontando il suo primo incarico nel paese di montagna di Mascalippa, il trasferimento a Vigàta, dove Montalbano aveva già vissuto qualche tempo da ragazzo, ma anche gli inizi della sua amicizia con Mimì Augello (Alessio Vassallo), e il primo incontro con l’amata Livia (Sarah Felberbaum).





1
maggio

CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO: OGGI SUL PALCO ANCHE ENNIO MORRICONE E FRANCESCO DE GREGORI

Concerto del Primo Maggio

Il Primo Maggio chiassoso e bivaccante del “Concertone” non manca mai. Le tradizioni vanno pur sempre rispettate e così, come ogni anno, oggi pomeriggio in diretta da Piazza San Giovanni a Roma andrà in onda la Festa dei Lavoratori in musica. L’evento, patrocinato da Cgil, Cisl e Uil, verrà trasmesso su Rai3 a cominciare dalle 15.o5 con un’anteprima. Alle 16 inizierà il concerto vero e proprio e stavolta, a presentarlo sul palco, ci sarà Neri Marcorè. L’artista dovrà affrontare l’esperienza con la sua verve ironica e mai offensiva, ma anche con lo spettro della par condicio sempre appresso. Sarà una grande festa dell’Unità (d’Italia), e infatti anche il tema di questa edizione - ”La storia siamo noi. La storia, la patria, il lavoro” – sarà ispirato alla storico centocinquantennale.

Al Concertone del Primo Maggio 2011 ci saranno Lucio Dalla e Francesco De Gregori, ma anche l’Orchestra Roma Sinfonietta con il contributo straordinario del direttore premio Oscar Ennio Morricone che eseguirà la sua “Elegia per l’Italia“. Poi una sfilza di artisti, alcuni dei quali abituè dell’evento. Saliranno sul palco:  Subsonica, Caparezza con Tony Hadley e Alborosie, Gino Paoli, Daniele Silvestri, Peppe Servillo e Fausto Mesolella, Modena City Ramblers, Bandabardò con Peppe Voltarelli, Edoardo Bennato, Paola Turci, Eugenio Finardi, Enzo Avitabile con Raiz e Cò Sang, Giuliano Palma & The Bluebeaters con Nina Zilli, Rebecca, Autoreverse, Bandervish, Erica Mou, Paolo Belli con Qbeta e Tinturia, Enrico Capuano, Chiara Civello, Lucariello, ’Nduccio, Luca Barbarossa ed Edoardo De Angelis.

In onore alla sua tradizione squisitamente militante, il Primo Maggio musicale di Piazza San Giovanni ospiterà anche alcuni interventi dal palco. Sono attesi, a riguardo, i contributi di Gherardo Colombo, che parlarà di democrazia, una performance inedita di Ascanio Celestini e la partecipazione di Anna Bonaiuto, Claudio Santamaria, Sonia Bergamasco, Marco Presta, Carlotta Natoli. Inoltre verrà trasmesso un videomessaggio inviato dello scrittore Andrea Camilleri. Anche Radio2 seguirà il Concerto con una diretta che inizierà alle 14 e si protrarrà fino a mezzanotte.


28
aprile

CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO: GRANDI OSPITI MUSICALI E LO SPETTRO DELLA PAR CONDICIO.

Concerto del Primo Maggio

Fervono i preparativi per il grande classico della festa dei lavoratori. Per il Concerto del Primo Maggio, la cui conduzione è affidata quest’anno a Neri Marcorè, due grandi sfide: la manifestazione a poche fermate di metro’ per la beatificazione-evento di Giovanni Paolo II e il cappio dell’equilibrio pre-elezioni che determinerà in qualche modo l’impostazione dello spettacolo. Il presentatore ha già infatti dichiarato: ‘La parte dedicata alla satira sarà molto sacrificata dalla par condicio. Anche se la satira dovrebbe essere libera.’

Un bel parterre di ospiti per l’evento che sarà trasmesso da Raitre e da Radiodue, un cast nutrito più che mai di cantanti di esperienza piuttosto che di band underground. Sul palco di piazza San Giovanni saliranno personaggi del calibro di Ennio Morricone, Edoardo Bennato, Gino Paoli, Francesco De Gregori, Lucio Dalla, Daniele Silvestri, Capareza, Eugenio Finardi. Interverranno anche Andrea Camilleri e Ascanio Celestini, due autori che ultimamente si sono schierati abbastanza nettamente contro il governo e che dallo storico appuntamento della sinistra suoneranno a loro modo la carica.

Le polemiche ovviamente non mancheranno, considerato l’obiettivo delle organizzazioni sindacali di martellare sul rapporto fondamentale nel nostro sistema democratico tra libertà e lavoro: un messaggio che non sarà sicuramente gradito alle parti della maggioranza che hanno rilanciato a vario titolo esigenze di riforma proprio dell’articolo 1 della Costituzione che questo concetto esprime in maniera chiarissima.


4
aprile

IL COMMISSARIO MONTALBANO: QUESTA SERA ULTIMO APPUNTAMENTO IN ATTESA DEI NUOVI EPISODI NEL 2012.

Il Commissario Montalbano

Ultimo appuntamento, questa sera in prima serata su Rai1, con Il commissario Montalbano. Tornata sul piccolo schermo lo scorso 14 marzo con una nuova serie di quattro film per la tv, tratti come sempre dagli omonimi romanzi di Andrea Camilleri, la fiction diretta da Alberto Sironi con protagonista assoluto Luca Zingaretti si è rivelata ancora una volta vincente.

Oltre 9 milioni di spettatori con uno share superiore al 31% hanno seguito  le prime 3 puntate. L’episodio Il campo del vasaio, il film che ha segnato il debutto della nuova serie, è stato il più visto con una media di 9 milioni 561 mila telespettatori  e il 32.60 % di share. Ottimi ascolti anche per La danza del gabbiano, seguito da 9 milioni e 32 mila spettatori (31.21%) e La caccia al tesoro, che ha ottenuto una media di 9 milioni 293 mila spettatori (31.37%).

Ascolti altissimi che dimostrano la grande forza della serie tv, partita su Rai 2 nel maggio del 1999 con Il ladro di merendine. I risultati d’ascolto ottenuti con i nuovi episodi portano Il Commissario Montalbano ad essere la fiction in assoluto più seguita dell’anno. Merito dell’ottima prova d’attore di Luca Zingaretti ormai legato indissolubilmente alla figura del commissario siciliano, ma anche della valida sceneggiatura, cosa rara per una fiction italiana, e della curatissima regia di Sironi. Tutte caratteristiche che fanno de Il Commissario Montalbano una fiction di grande qualità, in grado di abbracciare telespettatori di tutte le fasce d’età e di mettere d’accordo sia pubblico che critica.


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »