Aggressione



1
ottobre

SVENTATA AGGRESSIONE A MAURIZIO BELPIETRO. IL DIRETTORE A MATTINO CINQUE: PAGO LE MIE OPINIONI CON LA PAURA. STASERA OSPITE ALL’ULTIMA PAROLA

Maurizio Belpietro

Il fantasma degli anni di piombo torna quando meno te lo aspetti, in una notte milanese di fine settembre per esempio. Poteva trasformasi in un attentato in piena regola, ma fortuità e caso hanno evitato il peggio. Ieri notte un uomo armato ha cercato di aggredire il direttore di Libero Maurizio Belpietro, mentre rincasava. A sventare la violenza è stato un agente della sua scorta, che ha aperto il fuoco a scopo intimidatorio, mettendo in fuga l’individuo armato che si aggirava sulle scale della casa del giornalista. Un episodio grave ed inquietante, come lo stesso Belpietro ha raccontato oggi a Mattino Cinque, durante la rubrica che abitualmente conduce all’interno del programma.

Il clima conta. Basta navigare su certi siti per trovare minacce di morte. Tutto questo mi mette inquietudine, non capisco quale reato ho commesso per meritare addirittura una condanna a morte” ha detto Belpietro, riconducendo la sventata aggressione di ieri notte ad un’atmosfera politica che punta alla demonizzazione dell’avversario, arrivando a giustificare atti di violenza anche fisica. Il direttore di Libero ha dichiarato di essere una persona calma e fredda, che non si lascia prendere dall’agitazione, e poi, incalzato dal conduttore Paolo Del Debbio, ha ammesso: “In me prevale un senso di grande ingiustizia. Questo non è un Paese normale: perché da noi non si possono sostenere opinioni senza pagare con paura e minacce?“.

Poi il giornalista ha cercato di ricostruire le dinamiche della tentata aggressione, ribadendo: “la fortuna è stata che l’agente di scorta che normalmente mi accompagna fino alla porta di casa non ha preso l’ascensore ma è sceso per le scale perchè voleva fumare una sigaretta. Si è trovato davanti un uomo armato che, senza dire nulla, ha puntato la pistola e ha sparato“. Il pubblico prensente nello studio di Mattino cinque ha più volte sostenuto con un applauso le considerazioni di Belpietro, il quale da otto anni vive sotto scorta e non è nuovo a minacce e tentate aggressioni.




7
settembre

GABRIEL GARKO AGGREDITO A ROMA

Gabriel Garko

Non c’è rosa senza spine e l’ennesimo bagno televisivo di popolarità di Gabriel Garko rischiava di concludersi con un tragico epilogo. L’attore, protagonista della fiction macina-ascolti Il Peccato e la Vergogna, è stato aggredito da uno sconosciuto nel parco della sua villa ai Castelli romani. Garko stava rientrando a Roma dopo aver partecipato al Festival del Cinema di Venezia e si trovava all’interno della sua autovettura. “Mi sono veramente spaventato – ha raccontato -: rompendo il finestrino, quell’uomo ha rischiato di ferirmi seriamente”.

L’aggressione è stata preceduta da una serie di lettere minatorie: “Non pensavo che qualcuno potesse farmi del male e da qualche tempo ricevo delle lettere anonime di minaccia ma fino ad ora non le avevo prese sul serio”, ha aggiunto l’attore 36enne.

Spaventato ma illeso, Garko ha sporto denuncia contro ignoti e può tornare sul set di Bang Bang, nuova fiction che lo vedrà cimentarsi ancora una volta al fianco di Manuela Arcuri.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


16
dicembre

DM LIVE24: 16 DICEMBRE 2009

DM Live24: 16 Dicembre 2009

>>> Dal diario di ieri…

  • ForumFolies

Raffa ha scritto alle 12:28

Caspita! A Forum una nonna chiede l’affidamento dei nipoti perchè ritiene le nuore ed i figli poco seri in quanto un nipote è figlio del marito (nonno) e della nuora, l’altro nipote è figlio della nuora ma non del marito bensì del cognato, cioè il primo cornificato; da sapere che i bambini sono stati riconosciuti anagraficamente dai genitori finti, una volta è stato detto che le scelte delle cause sono fatte in maniera tale che le famiglie possono rispecchiarsi. Spero proprio che si tratti di una recita, altrimenti siamo alla frutta.

  • 54 anni, ma averne 45

Mattia Buonocore ha scritto alle 13:56

Panico all’Alfonso Signorini show su Radio Montecarlo. Una signora al telefono rivolgendosi al padrone di casa gli fa: “io ho 54 anni, più meno la tua stessa età, perciò abbiamo gli stessi ricordi (…).” Dopo un attimo di silenzio un poco convincente Signorini fa “Eh si (…)”. Peccato che il direttore di anni ne abbia 45, ben nove in meno della signora.

  • Commenti serpenti

lauretta ha scritto alle 14:16

La Dalla Chiesa ha aperto la sessione pomeridiana di Forum facendo presente che stanno portando un sacco di doni (panettoni e dolcetti) al Presidente del Consiglio all’ospedale. Chissa se nella sua stanza ci sono anche il bue e l’asinello?

  • L’oscuramento del Giorno

lillina ha scritto alle 15:48

Sono rimasta di sale quando hanno oscurato di botto Il fatto del giorno e ho chiesto sull’altro post a Davide se può informarsi in merito. Ma stanno diventando tutti matti?

  • Il punto della bandiera
lauretta ha scritto alle 20:04

Ad Amici Maddalena non è riuscita a superare la supercommissione e ora é in sfida….per la gioia della Celentano!





15
dicembre

DM LIVE24: 15 DICEMBRE 2009

DM Live24: 15 Dicembre 2009

>>> Dal Diario di ieri…

  • Tutta colpa di Belen

lca ha scritto alle 13:36it

Fabrizio Corona non si è presentato a Domenica Cinque (ma è andato a Controcampo) e Belen Rodriguez ha dichiarato al Corriere della Sera: “Sono stata io a fermarlo. Domenica Cinque è un programma trash e di cattivo gusto”. E lui: “Mi ha convinto Belen. Con la D’Urso avevamo preso accordi prima della sentenza, ma poi ho preferito evitare”.

  • Chiamate il 113

lauretta ha scritto alle 20:57

A Striscia la Notizia due testimoni dicono che prima dell’accaduto l’aggressore di Silvio Berlusconi era già stato segnalato alle forze dell’ordine perchè inveiva contro Berlusconi. Ma la polizia avrebbe risposto loro ironicamente di chiamare il 113.

  • Nuovo record per Telethon

lauretta ha scritto alle 12:29

Quest’anno Telethon ha raggiunto un incasso record: 31 milioni 210 mila euro!


14
dicembre

RAIUNO VARIA IL PRIME TIME: BRUNO VESPA SI OCCUPA IN PRIMA SERATA DELL’AGGRESSIONE A SILVIO BERLUSCONI

Silvio Berlusconi aggressione

Sapete bene dell’aggressione subita ieri dal premier Silvio Berlusconi in Piazza Duomo a Milano.

La RAI ha deciso di variare la programmazione di Raiuno mandando in onda in prima serata, al posto di Un Caso di Coscienza 4, uno Speciale realizzato da Porta a Porta e Tg1.

Ospiti in studio: Fabrizio Cicchitto, Rosy Bindi, Pierferdinando Casini, Roberto Cota, Ignazio La Russa e Massimo Donadi.





4
novembre

AGGRESSIONE NELLA NOTTE AI CONCORRENTI DE “LA TALPA”

La Talpa 3 - Cast @ Davide Maggio .it

Nonostante le prove estreme alle quali sono sottoposti, i concorrenti della terza edizione de La Talpa la notte scorsa hanno vissuto attimi di vera paura. Nel cuore della notte alcuni individui estranei alla produzione, presumibilmente tre o quattro, hanno tentato di introdursi sulla barca dove vivono i protagonisti dell’adventure game di Italia 1.

Le luci stavano per spegnersi sulla barca quando uno dei concorrenti ha creduto di vedere delle ombre sulla spiaggia, ed ha avvisato immediatamente i compagni. I concorrenti si sono affacciati sul bordo della barca e a quel punto i presunti malviventi al posto di fuggire nella giungla hanno iniziato ad avanzare, spingendosi in acqua verso la barca pronunciando frasi ad alta voce in una lingua sconosciuta e lanciando sassi in direzione dell’imbarcazione.

Karina Cascella, Pasquale Laricchia, Simona Salvemini, Matteo Tagliariol, Melita Toniolo e Franco Trentalance nonostante lo sconcerto negli occhi degli operatori che chiamavano con insistenza produzione e autori ed in attesa dell’intervento della security, non si sono persi d’animo, e temendo un’ aggressione hanno reagito come in una vera situazione di emergenza. Hanno pensato prima di tutto a difendere le donne del gruppo, barricando gli accessi alla barca e predisponendo un ipotetico corpo a corpo. I soccorsi sono sopraggiunti in pochi minuti e la calma è tornata fra i concorrenti. Quanto agli sconosciuti, si sono dileguati lungo la montagna, coperti dal buio fitto della notte africana .Questa volta la percezione di pericolo reale è stata molto forte, anche e soprattutto quando i concorrenti hanno capito che non era una “trovata degli autori”.