18
maggio

E’ MORTO LINO TOFFOLO

Lino Toffolo

Il mondo dello spettacolo dice addio a Lino Toffolo, stroncato da un infarto la scorsa notte. L’attore, come dichiarato da Il Gazzettino di Venezia, era stato ricoverato in ospedale per la frattura di un braccio e la rottura di un paio di costole a seguito di una caduta. Ieri era tornato a casa dopo che i controlli avevano evidenziato una buona condizione fisica. Toffolo – come racconta tra le lacrime la figlia Anna – dopo aver cenato in famiglia, si è alzato e si è accasciato improvvisamente. Lascia la moglie Carla e i figli Anna, Luisa e Paolo. Avrebbe compiuto 82 anni il prossimo dicembre.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




8
aprile

L’ULTIMO PAPA RE: LA ROMA PAPALINA RIVIVE CON GIGI PROIETTI. SIPRA STIMA IL 30% DI SHARE

L'ultimo Papa Re

A 36 anni dal successo della pellicola di Luigi Magni In nome del Papa Re, la figura di monsignor Colombo rivive grazie a Gigi Proietti e alla miniserie L’ultimo Papa Re, in onda questa sera e domani alle 21,10 su Rai1. La regia è affidata a Luca Manfredi, figlio del grande e indimenticato Nino che portò al successo il film incentrato sulla Roma di Pio IX, ultimo sovrano dello Stato Pontificio. Ma i collegamenti con l’attore ciociaro non finiscono qui, visto che, oltre che su Luca, la miniserie può contare anche sulla figlia di Manfredi, Roberta, produttrice con la sua Dauphine Film Company.

Sospese tra realtà e finzione le storie della Roma papalina saranno le stesse del film ma verranno spalmate in un periodo più lungo. Nel cast anche Domenico Diele, Sandra Ceccarelli, Marco Cassin, Francesco Venditti e Lino Toffolo nel ruolo di Serafino, il fedele perpetuo di Monsignor Colombo. Proietti in conferenza stampa ha sottolineato le diversità con Manfredi e dichiarato di non aver voluto rivedere prima delle riprese il film di Luigi Magni per non farsi influenzare.

“Io e Nino Manfredi siamo molto diversi fisicamente e nel modo di recitare: ho voluto dare un’impronta personale al personaggio sperando di risultare credibile. Quando uno interpreta ad esempio Amleto, non va a imitare o scimmiottare chi l’ha preceduto. Qui c’e’ un maggior approfondimento del carattere del personaggio che farà un lungo percorso alla ricerca di sé”

L’attore ha inoltre posto l’accento su come la fiction che lo vede protagonista abbia numerose analogie con l’attualità di questi giorni.


21
novembre

TUTTI I PADRI DI MARIA: LINO BANFI NON E’ PIU’ LIBERO MA SARA’ ANCORA NONNO NELLA FICTION DI RAI1 (CON LINO TOFFOLO E ORIETTA BERTI)

Lino Banfi

Lino Banfi in Tutti i padri di Maria

Tutto bene quel che finisce bene. Dopo le ultime polemiche a mezzo stampa con la Rai e in particolare con il Direttore di Rai1 Mauro Mazza, che lo voleva mandare in onda contro la corazzata Fazio-Saviano, Lino Banfi “il cannoncino” è stato accontentato e Tutti i padri di Maria, la nuova fiction di cui è protagonista (assieme a Lino Toffolo e Orietta Berti), verrà trasmessa questa sera e martedì su Rai1 (e non più lunedì come inizialmente previsto).

Prodotta da Fremantle Media e RaiFiction e diretta da Luca Manfredi, Tutti i padri di Maria è una commedia brillante dal lieto fine annunciato che mette in contrapposizione l’odio e l’amore, la felicità e il dolore. Lino Banfi, abbandonati definitivamente i panni di Nonno Libero (ci crediamo poco!), interpreta Franco Tricarico, rigido maresciallo pugliese (ormai in pensione e catapultato a Trieste) che si ritroverà suo malgrado a vivere assieme al suo “nemico per la pelle”, l’arzillo maestro di violino veneto Tino Pelegatti (interpretato da Lino Toffolo). I due, a causa di un contenzioso legale sulla casa, si ritroveranno a condividere molto più che le sole quattro mura di casa, a partire dal rapporto burrascoso con i rispettivi figli, Fausto e Renato.

E saranno proprio i due figli a portare un po’ di pepe, come se ce ne fosse bisogno, sulla loro convivenza forzata: tra una scaramuccia e l’altra saranno infatti costretti a preoccuparsi della nipotina Maria, lasciata sull’uscio di casa con un solo bigliettino in mano. “Ciao Nonno, sono Maria”: chi sarà il nonno tra i due?