20
gennaio

PEPPA PIG DEBUTTA A STRISCIA LA NOTIZIA: VALERIA – SENZA KATIA – NUOVA INVIATA NEI PANNI DELLA MAIALINA CARTONATA

Peppa Pig - Valeria Graci - Striscia la Notizia

Peppa Pig - Valeria Graci - Striscia la Notizia

Su Youtube è un piccolo cult e ora, dopo le apparizioni al Made in Sud di Rai 2, la Peppa Pig di Valeria Graci – storica metà artistica di Katia Follesa – torna in televisione. Questa sera, infatti,  la comica milanese esordisce a Striscia la Notizia nei panni di Peppia Pig, la celebre maialina cartonata che, per l’occasione, si dota di una ‘i’ che scansa gli equivoci.

Già nota al pubblico dal 2005 per i siparietti a Zelig, Valeria ficcherà il suo nasone negli affari della politica italiana, rincorrendo onorevoli e senatori. Nella puntata di questa sera Peppia Pig incontrerà i deputati Matteo Colaninno (Pd), Luca D’Alessandro (Fi) e il costituzionalista Stefano Rodotà che la farà piangere.

E se siete pronti a gustarvi le performance suine del tg satirico di Antonio Ricci, forse non è il caso di perdere anche la personalissima Michelle Bonev – opera della stessa Valeria – che potete vedere, in un video, qui sotto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ezio Greggio, Enzo Iacchetti
Striscia la Notizia: tornano Greggio e Iacchetti. Ezio ed Enzo dietro al bancone sino al 5 gennaio 2019


Ezio Greggio, Striscia la Notizia
Striscia la Notizia, Vittorio Feltri diserta l’invito in studio. Greggio ed Hunziker: «Direttore, vieni a trovarci»


Vittorio Feltri
Vittorio Feltri: «Mediaset mi fa schifo, da settimane mi tratta come un ubriacone». E rifiuta Chiambretti


Libero, Veronica Gentili
Striscia la Notizia – Tapiro a Veronica Gentili per il fuori onda su Feltri. Il giornalista: «Non rispondo alle accuse di una decerebrata»

1 Commento dei lettori »

1. Andrej ha scritto:

20 gennaio 2014 alle 23:43

Wow.

L’apice di una carriera, non c’è che dire.

E a grande richiesta (dell’Editore, naturalmente), un’imitazione e un esempio di satira davvero pungente, urgente e ovviamente libera.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.