18
settembre

THE CHEF: CONFUSIONE E CASI UMANI NEL TALENT CULINARIO DI LA5

The Chef

Partiamo subito con un’attenuante. Non è facile rendere accattivante una premiere, specie quando la stessa è incentrata sui casting e ciò che viene trasmesso allo spettatore è solo una sfilza di aspiranti cuochi, una sequela di volti dei quali si conoscono a malapena nome, età e provenienza. Il primo appuntamento con The Chef, purtroppo, arreca solo confusione aggravata da un montaggio veloce, velocissimo che ci permette solo di intuire e non familiarizzare con i concorrenti.

Eppure le premesse erano buone, solo 50 provinati – peraltro opportunamente scremati e ridotti a 28 dai coach Chiara Maci e Alessio Algherini - a dar vita al ballottaggio per entrare nella rosa dei magnifici 14. Già, la prima parte della trasmissione vive sulle prove 5 sensi dominate dalla food blogger e lo chef emergente della cucina italiana mentre per attendere i veri protagonisti di The Chef, gli stellati Davide Oldani e Filippo La Mantia bisognerà attendere le sfide 1 vs 1 che mettono di fronte i superstiti della fase precedente.

E se in questo contesto ci si aspetta di conoscere la personalità dei giudici o le loro preferenze gastronomiche si rischia di restare un po’ delusi. Della performance dei Barbieri, Bastianich e Cracco di Cologno – il paragone con MasterChef è obbligatorio anche alla luce delle sfide che ricordano tanto la Mystery Box del talent di Skyuno – resta solo qualche battuta poco incisiva dalla quale sembra Oldani il più “cattivo” dei due mentre La Mantia cerca maggiormente di entrare in empatia con i concorrenti senza sbilanciarsi nei giudizi.

La fase delle sfide è comunque troppo lunga e estenuante, 14 match (!) 1 contro 1 – seppur ridotte al minimo indispensabile in fase di montaggio – sono troppi anche per gli amanti del genere, anche perchè la celerità che domina questo primo appuntamento ci permette solo di “assaggiare” i concorrenti senza darci il tempo di capire qualcosa di più di ciascuno di essi a meno che non ci si trovi dinanzi al più classico dei “caso umani” che viene opportunamente approfondito e dato in pasto alle telecamere.

Il protagonista della serata è infatti il 33enne Onofrio Longo che, dopo aver passato le selezioni ed essere entrato così nella rosa dei 14 avendo dato ampio sfoggio di lacrime in fase di intervista post-sfida, viene richiamato all’ordine dai suoi datori di lavoro poichè aveva il permesso per assentarsi dal posto solo per un giorno. Non ci sono molte alternative, il licenziamento o il ritorno a casa con conseguente rinuncia a The Chef. Nonostante l’intercessione telefonica di La Mantia e Oldani, Onofrio sceglie alla fine di tornare a casa dando vita al più classico dei ripescaggi. La sua storia comunque ha il merito di dare un po’ di vitalità a una puntata che più che a un piatto di alta cucina è paragonabile a un panino con hamburger da fast food.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


I Fatti Vostri
I Fatti Vostri: Magalli unico padrone di casa di un format sempre uguale a se stesso


Mara Maionchi
X Factor 2017: è subito Mara Maionchi show. Ecco i concorrenti ammessi


X Factor 2017
X Factor 2017: al via su SkyUno le Audizioni. Ogni venerdì la replica in chiaro su Tv8


Pechino Express 2017 - Gli Egger
Pechino Express 2017, prima puntata: i capricci della «marchesa» Egger scalzano Antonella Elia

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.