16
maggio

Milly Carlucci in difesa de L’Acchiappatalenti: «Commenti falsissimi, organizzati prima di vederlo. Che tristezza!»

Milly Carlucci - L'Acchiappatalenti

Milly Carlucci - L'Acchiappatalenti

“Da un lato si chiedono novità dall’altro come esci dal tuo seminato piovono critiche”. Milly Carlucci difende la sua nuova creatura, L’Acchiappatalenti, che ha debuttato venerdì scorso su Rai 1 con critiche piuttosto feroci. La conduttrice ce l’ha in particolar modo con chi, a suo dire, ha organizzato campagne di avversione per partito preso nei confronti del suo show:

“C’è il discorso delle campagne organizzate come quella abbastanza squallida e prevedibile che è stata organizzata prima ancora di vedere il programma

ha dichiarato a SuperGuidaTv. Una presa di posizione che la Carlucci, proprio dagli account social de L’Acchiappatalenti, ha ribadito:

“Ringrazio anche quelli che ci hanno fatto dei commenti critici (…) Poi alcuni commenti erano veri, ben accetti, alcuni falsissimi. Di questi qui non ce ne occupiamo, anche perché creare questa ondata di negatività – come dicono in inglese, shitstorm – credo che sia un po’ triste, tesa a far male alle persone che vengono colpite, ma secondo me fa peggio a chi le lancia queste cose qua. Ma perché? Che tristezza!.

Che esistano “manovre”, soprattutto via social, alquanto sospette non sarebbe una novità né la prima volta e, nel caso, non le si può dar torto. E alla Carlucci poi si è sempre perdonato poco. Allo stesso tempo però sarebbe giusto anche fare mea culpa: la prima puntata de L’Acchiappatalenti si è rivelata deludente. Riconoscere alcuni errori è doveroso, così come lo sarà correre ai ripari. E gli ascolti rappresentano l’ultimo dei problemi: il 17.2% di share registrato nella prima puntata non è da buttare; il difficile sarà mantenerlo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Milly Carlucci e Clarissa Guzzi - L'Acchiappatalenti
L’Acchiappatalenti: la piccola Clarissa Guzzi in lacrime per non essere stata scelta conquista Ballando con le Stelle


Milly Carlucci
L’Acchiappatalenti, conferenza stampa – Milly Carlucci: «E’ un format che non esiste nel mondo. Sanremo? Ho Ballando e il programma di primavera che mi prendono tutto l’anno. Quando dormo?»


Milly Carlucci
L’Acchiappatalenti promette «grande divertimento». Ma come funziona?


maratona-mentana-europee
Pagelle TV della Settimana. Ecco i promossi e i bocciati

3 Commenti dei lettori »

1. Telecomndo ha scritto:

16 maggio 2024 alle 22:26

Perchè ve ne sarà anche una seconda ? Pensavo che Milly scherzasse, ma non noi detentori del telecomando la gente che commentava era ed è tutta vera pensa che gli altri canali o programmi abbiano tempo da perdere a creare bot automatici? No non ne hanno bisogno …



2. Elly Shelly ha scritto:

17 maggio 2024 alle 08:17

Maria de Filippi non ha semplicemente disrutto la televisione privata in Italia, ha proprio disintegrato il concetto di intrattenimento. Ma la cosa più grave è che la Rai, che si è sempre contraddistinta in positivo rispetto alla deriva di C5 by MdF, vada a copiare la feccia proposta da quella rete degradata invece di marcare le distanze in termini di qualità e professionalità come si dovrebbe per una TV pubblica.
Signora Carlucci, ci sono centinaia di programmi meravigliosi nella storia della Rai a cui poteva ispirarsi, perché andare a rifare il programma della peggior feccia di C5?



3. ANDREA ha scritto:

17 maggio 2024 alle 10:19

L’unica tristezza e’ proprio la Carlucci, non i commenti. Propone programmi inguardabili, di scarso successo, e l’ACCHIAPPATELENTI(???), riesce a superare in bruttezza IL CANTANTE MASCHERATO e BALLANDO CON LE STELLE. Come disse una volta DAVIDE MAGGIO, ogni volta MILLY scuse, piuttosto che ammettere l’insuccesso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.