3
maggio

Milva è Diva per Sempre su Rai3

milva

Milva (Us Rai)

Con la sua inconfondibile chioma rossa, la sua voce calda e particolarissima ed una personalità unica, Milva è riuscita a lasciare il segno e a farsi conoscere per chi era veramente: un’artista con la A maiuscola. Milva, diva per sempre, regia di Angelo Longoni, prodotto da Elide Melli per Cosmo P. Eu in collaborazione con Rai Documentari, in onda stasera in prima serata su Rai3, ricostruisce la vita e la carriera di Milva, cercando altresì di far comprendere l’evoluzione culturale dell’Italia dagli anni Cinquanta fino al nuovo millennio.

Emerge un ritratto emotivo, introspettivo, a tratti leggero e spensierato, a tratti drammatico, costruito attraverso le testimonianze di sua figlia Martina Corgnati, del suo ultimo compagno di vita Massimo Gallerani e il prezioso materiale di repertorio relativo alle sue esibizioni dal vivo e ai contributi di chi l’ha conosciuta e amata come artista. Tra questi, Theodorakis, Vangelis, Jannacci, Battiato, Piazzolla, Alda Merini e Iva Zanicchi alcuni giornalisti e scrittori, ma anche lei stessa, con gli stralci delle innumerevoli interviste rilasciate durante la sua lunga carriera.

Con Milva, diva per sempre, Rai Documentari vuole restituire lo spessore artistico e il profilo più intimo della cantante per ricordare e far conoscere il patrimonio culturale e umano che ci ha lasciato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Chiambretti a Tv Talk
Chiambretti svela il suo secondo show per la Rai: «Torno alle origini con Finché la barca va»


Chiambretti donne sull'orlo di una crisi di nervi
Piero Chiambretti torna su Rai3 con Donne sull’orlo di una crisi di nervi. A maggio


protagonisti Derby Club
C’era una volta il Derby Club: Rai3 omaggia il tempio della comicità milanese


Faccende Complicate (US Rai)
Valerio Lundini sbarca su Rai3 con Faccende Complicate

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.