5
marzo

Fedez a Pomeriggio Cinque: «Abbiamo procuratori antimafia che non hanno un c***o da fare». E sulla privacy: «Posso chiederla anche se sono stato un pornografo della mia vita»

Fedez

«Evidentemente abbiamo procuratori antimafia che non hanno un c***o da fare in questo Paese». Commenta così Fedez, raggiunto oggi da Michel Dessì, inviato della trasmissione Pomeriggio Cinque, il programma condotto da Myrta Merlino su Canale 5, che gli chiedeva cosa stesse succedendo, riferendosi al fatto che anche il cantante rientra tra i personaggi vittima della presunta attività di dossieraggio di cui si sta occupando la procura di Perugia.

Cosa pensa dell’intervista di Chiara, ha visto che si è commossa quando ha visto le vostre immagini?”, gli chiede l’inviato. “Quanto durerà questa cosa secondo voi?”, risponde Fedez. “Fin quando la gente non capirà bene cosa sta succedendo. Si appassionano molto alla vostra storia” conclude Michel. Lo scambio di battute tra i due continua in un secondo momento:

Fedez: Devo fare un errata corrige, primo ho detto procuratori antimafia che non hanno un c***o da fare. Mi sembrano parole un po’ forti e ho sbagliato: erano i PM antimafia!

Michel: Ma perché l’hanno spiata?

Fedez: Io mi pongo un quesito: se applicassero la stessa lente d’ingrandimento che stanno applicando su di me su vicende che hanno veramente una rilevanza per il dibattito e il futuro di questo Paese, forse saremmo un Paese migliore.

Michel: Noi abbiamo parlato, come ha anche detto Myrta, del disturbo mentale, dei social, delle sue campagne, anche ieri dello spid per l’identificazione di chi accede ai social perché sono importantissimi, voi siete un po’ sotto attacco, come diceva pure sua moglie…

Fedez: Non lo so, non sono appassionato a questo argomento, vedo che lo siete più voi.

Michel: Mi hanno giudicato come il “Ferragnista”, come uno che ha poco da fare…

Fedez: Ti intervisto io, dai! Lo vedete Michel, dieci anni di gavetta nel giornalismo e, all’apice della sua carriera, è sotto casa di Fedez a chiedergli del corno fortunato.

Michel: Lei mi sfotte però!

Fedez: No, non ti sto sfottendo! Sto analizzando la realtà.

Michel: Gli italiani sono interessati alla sua storia, alla vostra storia.

Fedez: Pensa te come siamo messi.

Michel: Voi avete contribuito però…Non le piace avere l’attenzione dei fan?

Fedez: No, le spiego la fallace argomentazione di dire: voi avete pubblicato la vostra vita sui social e quindi oggi chiedete privacy e quindi non va bene. Io pubblico quello che voglio e nascondo quello che voglio della mia vita. Se voglio decidere di avere privacy in questo momento io posso chiederlo anche se sono stato un pornografo della mia vita fino all’altro ieri.

Michel: Assolutamente, ma dico, la gente si appassiona alla vostra storia, c’è chi vi paragona alla Royal Family.

Fedez: Io spero che la gente si appassioni a qualcosa di più divertente, tipo collezionare francobolli.

Michel: È divertente? Lei le colleziona?

Fedez: No, colleziono carte dei Pokemon.

Michel: Lei indossa la fede oggi? Non ce l’ha oggi?

Fedez: Il mistero si infittisce ragazzi! Dopo la strage di Piazza Fontana abbiamo il matrimonio dei Ferragnez!

Michel: Non mi tratti male però!

Fedez: Io dico quello che penso, sempre in maniera civile ed educata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Fedez - Belve (ph Stefania Casellato)
Fedez a Belve: «Ho tentato il suicidio a 18 anni». Sulla fine del matrimonio con Chiara Ferragni: «Ha influito il caso Balocco»


Francesca Fagnani - Belve (US Rai)
La ‘belva’ Fagnani torna a graffiare: «Emma Marrone continua a dire di no, non so perché. Nessuna diffida da Chiara Ferragni per Fedez»


Fedez
Mediaset ‘recupera’ Chi vuol essere Milionario


Fedez
Fedez a Belve

2 Commenti dei lettori »

1. Eros ha scritto:

5 marzo 2024 alle 19:24

Che strafottenza



2. Berty ha scritto:

6 marzo 2024 alle 08:48

No, gli dovete levare anche le mutande a sto qui



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.