18
gennaio

Splendida Cornice festeggia i 70 anni della Rai

splendida cornice

Geppi Cucciari

Dopo una pausa, Geppi Cucciari torna in prima serata, da stasera alle 21.20 su Rai3, con una Splendida Cornice. La prima puntata del 2024 sarà dedicata ai settant’anni della Rai, con tanti ospiti tra i quali Fabio Caressa, Benedetta Parodi, Carlo Cracco, che con la tv di Stato però hanno poco a che fare. E poi con Sergio Castellitto, Emanuela Fanelli, Valerio Lundini, Pino Strabioli e Jasmine Trinca, gli intermezzi musicali di Elio e Le Storie Tese, Elisabetta Viviani e il Maestro Remo Anzovino, il pianista Mattew Lee, oltre all’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai guidata dal maestro Pietro Mainiti. E ancora lo scrittore e regista Vito Molinari, il designer Takahide Sano, il giornalista Tommaso Cherici e una performance della Compagnia di danza acrobatica Kataklò.

Come nella scorsa edizione, il pubblico è formato da spettatori selezionati: anziani da bar, protagonisti, donne doppio ruolo. Caselle del marketing che diventano persone e si interfacciano con i “competenti”, ovvero quattro cattedratici di grande professionalità alle prese con quesiti spesso improbabili, tra i quali spicca Amalia Ercoli Finzi, la prima ingegnera aero-spaziale italiana, il linguista Giuseppe Antonelli, lo psicologo, pedagogo e psicoterapeuta Giorgio Nardone e la professoressa di cultura e letteratura giapponese Giulia Scrolavezza. Con loro Andrea Maggi, il professore d’italiano de “Il Collegio”, Roberto Mercadini con le sue pillole di conoscenza e Piero Dolfres con la rubrica letteraria.

In studio, con esibizioni live, anche la band di Nicola “Ballo” Balestri, il bassista storico di Cesare Cremonini e fondatore dei Lùnapop.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Ligabue - Splendida Cornice
A Splendida Cornice il ‘Ligabue artificiale’ che canta Annalisa – Video

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.