29
marzo

Servant of the People il 4 aprile su La7. Luca Bizzarri doppia il Presidente ucraino Zelensky

servant of the people

Servant of the people

Andrà in onda su La7, che ne ha acquisito i diritti in esclusiva per l’Italia, “Servant of The People”, che vede protagonista Volodymyr Zelensky, oggi al centro di un pesantissimo conflitto nel cuore dell’Europa. L’appuntamento è per lunedì 4 aprile in prima serata.

“Programmare in esclusiva per l’Italia la serie di Zelensky come stanno facendo le televisioni internazionali è motivo di orgoglio – dichiara Urbano Cairo Editore di La7 -  È importante far conoscere la genesi straordinaria di un leader politico che in questo momento si batte con il suo popolo per la libertà e la democrazia, sotto i riflettori e con l’ammirazione di tutto il mondo”.

Una première con i primi episodi – presentati da Andrea Purgatori – con il doppiaggio di Luca Bizzarri, che sarà la voce di  Vasyl Petrovych, il personaggio interpretato da Zelensky nella serie. In Servant of the People l’attuale Presidente dell’Ucraina, che all’epoca era uno dei più influenti attori comici e satirici, interpreta un comune cittadino, insegnante di storia al Liceo, che viene inaspettatamente eletto Presidente in seguito alla diffusione e al successo virale di un suo video che denuncia la corruzione nel Paese. Una trama profetica che nella realtà si sarebbe avverata di lì a poco con l’elezione – il 20 maggio del 2019 – proprio di Volodymyr Zelensky a Presidente dell’Ucraina.

Nata come fiction di satira graffiante e feroce, la serie è oggi anche un documento di grandissima attualità, uno sguardo d’eccezione sulla cultura ucraina e di notevole importanza per capire i drammatici eventi del nostro tempo. Prodotta da Kvartal 95 e trasmessa in prima tv dalla Rete televisiva Ucraina “1+1” tra il 2015 e il 2019, “Servant of the people” – il cui titolo originale è Sluha Narodu, ovvero “Il servitore del popolo” – vede Zelensky oltre che nei panni del protagonista anche in quelli di ideatore, regista e sceneggiatore.

A chiudere  la serata del 4 aprile sarà proposto infine “Zelensky the story”, un docufilm in Prima Tv che riassume lo straordinario percorso del Presidente ucraino, dai suoi inizi come attore e produttore di programmi tv fino alla sua campagna spettacolare, alla sua elezione, alla sua rivalità con il presidente della Russia, al conflitto oggi in corso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


zelensky
Zelensky stasera a Porta a Porta: «Io sono pronto a parlare con Putin, ma senza ultimatum»

3 Commenti dei lettori »

1. Marco Cappuccini ha scritto:

18 marzo 2022 alle 11:43

Non voglio fare il corvo, però sarà uno 0,9% di share se gli dice bene.

Non credo ci fosse bisogno di fare questa spesa sinceramente.



2. Ganga ha scritto:

18 marzo 2022 alle 20:10

Spero che sia uno scherzo. Se fosse vero vorrebbe proprio dire che non c’è più niente da fare e che siamo in piena pandemia,una nuova e più terribile, contro cui non esiste vaccino. Non bastano i folli e fasulli programmi di, cosiddetta informazione, ora ci vogliono ammannire anche le prove recitate di un evento, che con le soap non ha niente a che fare, se non nella mente distorta di chi lo ha ideato e se ne frega se la gente muore. Ma lo SHOW MUST GO ON. Che schifo!



3. Marco3.0 ha scritto:

19 marzo 2022 alle 20:13

Ganga ma di che cosa blateri?
Si trattava di una serie satirica contro la corruzione. Zelensky era un attore prima di essere eletto presidente dell’Ucraina: non si può mandare in onda una serie da lui interpretata anni fa?
Siamo seri? Prove recitate di un evento? Se ne frega della gente che muore? Sai chi se ne frega della gente che muore? Quello che ha cominciato questa guerra e bombarda ospedali e scuole: Putin.
Per il resto questa è solo una vecchia serie tv e con questa guerra non ha nulla a che fare, non è prova di generale di un bel niente, fa solo parte del curriculum di un Presidente di una Nazione.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.