4
giugno

Emma Marrone la spara grossa: «Io venni massacrata per l’aspetto all’Eurovision, ora che Damiano dei Maneskin si presenta con i tacchi a spillo va bene. C’è sessismo»

emma marrone esc

Emma Marrone

Questa volta Emma Marrone l’ha sparata grossa. Al Corriere della Sera, la cantante ricorda la sua esperienza all’Eurovision Song Contest mettendo in fila una serie di dichiarazioni discutibili (in alcuni casi veri e propri sfondoni).

“Invece di essere sostenuta perchè avevo portato un pezzo rock come La Mia Città, un atteggiamento non da classica cantante pop italiana che punta sulla voce o sulla femminilità, venni massacrata: si parlò degli shorts d’oro che spuntavano sotto l’abito e delle mie movenze. Ora che Damiano dei Maneskin si presenta a torso nudo e con i tacchi a spillo va bene: è evidente che c’è sessismo”.

Viene da sorridere a sentir parlare di sessismo in questo caso. La sua canzone non era semplicemente all’altezza e la sua esibizione fu ancora peggio. Se non voleva che si parlasse anche del contorno – come è normale – perchè l’ha messo in piedi? Nel caso specifico dei Maneskin, risulta tuttavia poco informata: è dai tempi di X Factor che si parla del look o della bellezza di Damiano. Le sue parole, invece, sembrano tradire superiorità nei confronti di quelle che definisce classiche cantanti pop italiane.

Emma, poi, giustifica il pessimo piazzamento (ventunesimo posto) in modo davvero curioso:

Non feci interviste con paesi omofobi e razzisti e non arrivarono voti da loro”.

Tralasciando i video che girano di una sua intervista a un sito russo e la scelta davvero singolare di negarsi ad alcuni paesi che possiamo bollare come omofobi per le loro politiche non certo per la totalità dei loro abitanti, va segnalato che quell’anno vinse Conchita Wurst,  non certo l’idolo degli omofobi. E per inciso: Emma non si fece mancare frecciate sull’aspetto della cantante. Non sarebbe meglio fare autocritica ogni tanto?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Maneskin
Maneskin, l’Eurovision: «Nessun consumo di droga, notizie false sulla band. Questione chiusa»


Eurovision Song Contest 2021
Eurovision Song Contest 2021: scaletta della finale. I Maneskin canteranno per terz’ultimi


Stefano Coletta
Eurovision, Coletta: «Meriterebbe l’emissione integrale su una generalista». L’Italia già nel 2017 pronta ad ospitare l’evento a Torino


Chris Cugowski in Bridgerton
Tale e Quale Show in Polonia celebra l’Italia: l’imitazione dei Maneskin spopola – Tutti i video dello show

6 Commenti dei lettori »

1. aaaaandre ha scritto:

4 giugno 2021 alle 18:14

Dovresti essere contenta che porti i tacchi a spillo vista la rottura di maroni che state facendo in questo periodo voi paladini.



2. Perseo ha scritto:

4 giugno 2021 alle 21:34

Quando non si ha talento, si cerca attenzione in questi modi.



3. Marco Cappuccini ha scritto:

5 giugno 2021 alle 11:31

Io credo che ci stiamo facendo prendere un po’ troppo la mano dall’argomento….
Ogni cosa ora è diventata sessista, anche quando palesemente non lo è.



4. Luna ha scritto:

7 giugno 2021 alle 14:52

Cummà Emma dai non scherziamo, il pubblico fu più avanti di te, fece vincere Conchita Wurst :-) e tu vieni a parlarci di sessismo , sto morendo dal ridere.
I Maneskin sono belli, bravi e rock, quindi sono altro. Viva i Maneskin !!!!



5. Solanas ha scritto:

8 giugno 2021 alle 11:58

Secondo me Emma ha ragione da vendere. E poi la canzone del travestito che vinse nel 2014 era pessima.



6. Solanas ha scritto:

8 giugno 2021 alle 12:07

Emma ha ragione da vendere. I Maneskin non avrebbero mai sfondato se non fossero stati carini. E poi la canzone del travestito che vinse nel 2014 era pessima.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.