10
giugno

Via col vento «è razzista»: HBO Max rimuove il film. Siamo all’assurdo!

Via col vento

Di assurdità e di ipocrisie compiute in nome del politicamente corretto ne abbiamo viste tante. E tante ancora ne vedremo, purtroppo. Questa però è destinata a fare scuola, a scalare le classifiche dell’idiozia: la nuova piattaforma di streaming ha rimosso dal proprio catalogo ‘Via col vento’, film cult del 1939 vincitore di otto premi Oscar. Il motivo? La pellicola, ambientata nelle piantagioni di Tara durante la Guerra di secessione americana, conterrebbe contenuti razzisti e pregiudizi nei confronti dei neri.

La surreale decisione della piattaforma è arrivata a seguito alle proteste antirazziste scaturite dal caso di George Floyd, l’afroamericano morto dopo il violento arresto da parte di quattro poliziotti bianchi. In particolare, la scelta è stata presa dopo che John Ridley, co-sceneggiatore del film 12 anni schiavo, aveva invitato HBO Max a rimuovere la pellicola per il suo presunto razzismo.

La censura di Via col vento a ’soli’ 80 anni dalla sua uscita, non solo ci sembra una gran cavolata ma ci ricorda anche alcuni periodi bui della storia in cui alcune opere letterarie e cinematografiche venivano bandite con il sospetto di veicolare contenuti sconvenienti o ostili alla dittatura di turno. Nel caso specifico, risulta insensato il collegamento tra la storica pellicola ed i deprecabili episodi di razzismo che purtroppo si verificano ancora in America e nel mondo.

Via col vento è un film del suo tempo e che raffigura alcuni pregiudizi etnici e razziali che erano, disgraziatamente, dati per assodati nella società americana. Queste descrizioni razziste erano sbagliate allora come ora e abbiamo pensato che mantenere questo titolo senza una spiegazione e una denuncia di quelle descrizioni sarebbe stato irresponsabile

ha spiegato a un portavoce di HBO Max al sito Variety, precisando che il film tornerà disponibile nel catalogo con “una discussione del suo contesto storico e una denuncia di quelle descrizioni“. Una toppa persino peggiore del buco, da leggersi come il tentativo – non privo di ipocrisia – di mediare i contenuti del film pur senza modificarli. L’operazione di maquillage culturale sottende inoltre l’avvilente idea che il pubblico non sia in grado di contestualizzare il film in questione e di guardarlo per quello che è.

La discutibile scelta, peraltro, potrebbe anche creare un pericoloso precedente: la cinematografia, infatti, è piena di film ormai datati che riflettono i pregi ed i limiti della loro epoca. Alcune battute ed altrettanti atteggiamenti un tempo considerati normali, oggi non lo sono più ed è naturale che sia così. Ma il rullo compressore del politicamente corretto non tiene conto di questo e appiattisce tutto. Mai avremmo pensato che guardare Via col vento (senza qualcuno che ce lo spiegasse) potesse essere un atto sovversivo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Via col Vento
Via col Vento torna su HBO Max con lo spiegone antirazzista


Willy - Il Principe di Bel Air
Willy, Il Principe di Bel-Air: in arrivo su HBO Max la reunion del cast per il 30esimo anniversario


Friends
Friends è la serie più vista su HBO Max. The Big Bang Theory al terzo posto


Friends
Friends: a maggio l’attesa reunion (milionaria) con uno speciale

3 Commenti dei lettori »

1. vinny ha scritto:

10 giugno 2020 alle 20:24

Che scelta strana. Ritiri il film ma purtroppo la storia c’è, quel periodo è esistito. Allora devono cancellare il film della vera storia del maggiordomo della Casa Bianca. Però a me tutto questo sa di censura,ed è una cosa bruttissima



2. PeppaPig ha scritto:

10 giugno 2020 alle 23:44

Di solito le parole non mi mancano, ma in questo caso faccio fatica anche a trovarle, tanto è il livello di follia di questa iniziativa.
Il mondo sta prendendo una deriva brutta, ma proprio brutta. Il prossimo passo quale sarà, i roghi in piazza come in Fahrenheit 451?
In questo periodo in cui ho rivisto vecchi film e vecchi programmi mi sono trovata spesso a chiedermi: “ma oggi questo sarebbe possibile dirlo/scriverlo/girarlo?”.
L’ossessione del politicamente corretto è diventata ormai una forma di censura assurda, cieca e odiosa, tantopiù perchè mascherata da “cosa buona e giusta”. Ma non ci può essere mai nulla di buono e giusto quando altri si arrogano il diritto di decidere per noi cosa si deve dire, pensare, leggere o guardare.



3. Denio ha scritto:

11 giugno 2020 alle 08:42

Ora va a finire che George Floyd è morto per colpa dei contenuti razzisti e pregiudizi nei confronti dei neri contenuti in Via Col Vento! Mah…..



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.