7
maggio

Lessico Famigliare: Massimo Recalcati psicanalizza genitori e figli su Rai3

Massimo Recalcati

Rai3 «psicanalizza» la famiglia in seconda serata e lo fa con un professionista del settore: Massimo Recalcati. Da oggi, alle 23.10, lo scrittore e psicanalista milanese presenterà , un nuovo programma prodotto da Ruvido Produzioni che avrà l’ambizione di indagare e discutere gli archetipi su cui si fonda la nostra società: la madre, il padre, il figlio, la scuola.

Quali sono le caratteristiche più profonde di questi ruoli? E cosa significa essere genitore oggi? Recalcati approfondirà proprio queste quattro figure sociali fondamentali per la formazione della personalità ed esporrà tesi e suggestioni proprie della psicoanalisi, arricchendole con interviste, contributi filmati, letture di testi, citazioni cinematografiche.

Ogni puntata, dedicata a un singolo tema, prenderà spunto di volta in volta da un famoso sceneggiato della Rai: i contributi visivi daranno poi il via alla parte di talk. Anche il pubblico in studio, infatti, diventerà protagonista del programma, animando il dibattito con Recalcati sull’esperienza di essere padre, madre, figlio o educatore. Ci sarà anche l’intervento di un ospite famoso, che metterà il proprio vissuto – privato o professionale – al servizio del tema all’ordine del giorno. La scenografia dello studio suggerirà una sorta di viaggio nella psiche che è poi il fil rouge di tutta la serie: la potenza della parola al servizio della forma più antica di comunità, la famiglia, per spiegarla e capirla meglio.

Rai3, Lessico Famigliare – Prima puntata

La prima puntata, in onda stasera, sarà incentrata sul ruolo della madre. E partirà da un interrogativo di fondo: quante tipologie di madre esistono? Tante. Una ad esempio è Maria, la madre di Gesù. Poi ci sono le due madri descritte nella celebre parabola di Re Salomone, che verrà letta dall’attrice Anna Bonaiuto. Ma c’è anche la madre che vuole il figlio per sé, al costo della vita stessa del figlio, e la madre che invece, per amore della vita del figlio, è disposta a lasciarlo andare.

Poi la madre coccodrillo, descritta dallo psicoanalista Jacques Lacan, che divora il figlio e lo tiene stretto tra i denti. E quella che percepisce la maternità come un handicap, un ostacolo alla realizzazione di sé o una minaccia alla propria femminilità. È il caso del personaggio interpretato da Ingrid Bergman in «Sinfonia d’autunno», capolavoro cinematografico di Ingmar Bergman. Ma si parlerà anche della maternità positiva, quella in cui tutte le spinte contrastanti sopra descritte coesistono senza prendere il sopravvento, grazie a una speciale consapevolezza della donna.

Rai3, Lessico Famigliare – Ospiti

Nella prima puntata l’attrice e scrittrice Carla Signoris, madre di due figli, racconterà la propria esperienza in un’intervista. Nel secondo appuntamento, dedicato alla figura dei padri, Alessio Boni leggerà alcune pagine de La strada, di Corman McCarthy. Poi – nella terza puntata – si parlerà di figli: in un’intervista la chef Antonia Klugmann dirà la sua in merito ai valori e agli insegnamenti che ci vengono trasmessi dai nostri genitori. Chiuderà il programma un appuntamento sulla funzione della scuola e degli insegnanti, che vedrà la partecipazione del cantautore e professore Roberto Vecchioni.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Antonio Albanese
Rai 3, palinsesti primavera 2018: debuttano Lessico Famigliare e Antonio Albanese. Un Giorno in Pretura in prima serata


Carlo-Conti
Rai 3: arrivano Carlo Conti, Manuel Agnelli e Antonio Albanese. Gramellini conduce Cyrano

1 Commento dei lettori »

1. Giovanni.P ha scritto:

8 maggio 2018 alle 00:50

Molto Istruttivo,un ottimo programma,spero che nel prossimo futuro c’e ne siano altri.
Mi dispiace un po’ per l’ora,un’oretta prima?
Ma va bene così,grazie.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.