1
febbraio

Zelig Tv: si accende l’ennesimo canale televisivo, per giunta «semi generalista» e sul 243

Zelig Tv

Zelig Tv

Nel panorama televisivo italiano si accende un nuovo canale, Zelig Tv, che nasce per continuare a dare vita allo storico cabaret milanese, con sede sempre a Milano in Viale Monza 140. La rete, visibile in chiaro alla numerazione 243, inizierà le sue trasmissioni domenica 25 febbraio 2018.

L’intento, non proprio innovativo, è quello “di riuscire ad affrontare e presentare in palinsesto tutti gli argomenti e i generi che possiamo ritrovare in un canale televisivo qualsiasi”, fa sapere il direttore artistico di Zelig Tv Giancarlo Bozzo, che definisce la nuova rete semi generalista. Ed è proprio questo ammiccare alla tv generalista sul 243, proponendo ‘la qualunque’ in barba ad una propria identità, che ci lascia perplessi. E infatti, spiega Bozzo, a Zelig Tv “parleremo di sport e cucina, di auto e sessualità, avremo spettacoli comici e talk-show, quiz e approfondimenti su temi importanti per la nostra società civile”.

L’offerta editoriale, almeno in partenza, si suddividerà in tre macro aree: comedy/entertainment, reportage/approfondimento informativo e serie tv/cinema/festival. Della prima faranno parte le repliche di format già prodotti da Bananas Media Company (quindi, oltre a Zelig, anche Buona la prima!, Sketch Show, Se stasera sono qui e Belli dentro), ma anche nuovi programmi, rubriche, interviste e quiz. Per quanto riguarda la seconda, Zelig Tv darà la parola alle associazioni e realtà cooperative che operano come volontari, ONG e non profit nei territori del sociale. Saranno loro ad offrire reportage e approfondimenti per un racconto diretto degli avvenimenti (hanno aderito al progetto Emergency, Diversity e Radioimmaginaria). Infine, una selezione di titoli di film, dal classico al contemporaneo, serie tv e incursioni nelle rassegne e festival cinematografici più importanti, italiani e internazionali, con dirette, interviste e racconti in prima fila.

Del progetto Zelig Tv fanno parte anche Gino e Michele, storici autori e ideatori delle versioni televisive di Zelig:

“Zelig Tv ci riporta indietro ai tempi della nascita del cabaret Zelig luogo dove abbiamo costruito grandi trasmissioni televisive, e l’abbiamo fatto proprio perché non ci pensavamo troppo. Questa piccola grande televisione potrebbe avere delle caratteristiche molto simili a quel locale di trent’anni fa. Un luogo dove far crescere delle idee di spettacolo e degli artisti in grado poi di navigare anche altri mari”.

In programma a Zelig Tv anche la realizzazione di una web tv, con contenuti extra che andranno ad integrare e completare quelli del canale televisivo. Oltre ad offrire la visione di format provenienti dall’archivio storico di Zelig e di contenuti social delle associazioni partner, la web tv darà accesso alle prove, al backstage dei programmi in produzione e ad altri contenuti esclusivi, tra cui le dirette dal Teatro Zelig.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Marco Della Noce
Zelig Tv trasloca sul canale 63 DTT. Nel palinsesto 2018/2019 anche Marco Della Noce


Mondiali 2018 su Mediaset
Mondiali 2018, la programmazione di Mediaset: apre al mattino Buongiorno Mosca, chiudono Balalaika su Canale 5 e Tiki Taka Russia su Italia 1


Gerry Scotti e Alessandro Cattelan
Su Mediaset Premium si accendono i primi canali Sky. Ecco cosa trasmettono


Formula 1
Formula 1: al via in Australia (esclusiva Sky) il Mondiale 2018. Ecco il calendario completo (4 gare in chiaro su Tv8 e una anche su Rai 1)

2 Commenti dei lettori »

1. Sergio ha scritto:

1 febbraio 2018 alle 14:53

Si sono fatti antichi!
Comunque meglio metterli tutti su una sola rete, insieme naturalmente a quelli di Colorado e Made in Sud, in modo da non dover più evitare di vedere Italia1 e RAI2 quanto li mandano in onda. Purtroppo non si sa ancora il perché della messa in onda di questi programmi che non fanno più ridere nessuno e gli ascolti bassissimi lo dimostrano.



2. lorena ha scritto:

1 febbraio 2018 alle 19:08

spero che metterete le soap statunitensi che mediaset ne e piena grazie



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.