14
settembre

«Chi l’ha visto?» e il reality del dolore. Omicidio Noemi, i genitori del fidanzato scoprono in tv che il figlio ha confessato

Chi l'ha visto, omicidio Noemi

La tv del dolore non fa sconti. E nemmeno Chi l’ha Visto? li fa. A sette anni dalla tragica notte di Avetrana – quando la madre di Sarah Scazzi scoprì in diretta nel medesimo programma che la figlia era stata uccisa – la trasmissione di Federica Sciarelli è di nuovo incappata nella drammatica fatalità. E nella sua discutibile ma voluta messa in onda. Stavolta è accaduto con l’omicidio di Noemi, la sedicenne di Specchia (Lecce) trovata morta a Castrignano del Capo: durante un’intervista con l’inviata Paola Grauso, i genitori del fidanzato della ragazzina hanno appreso che il loro figlio aveva appena confessato di aver commesso l’omicidio.

Questo è un documento forte” aveva anticipato la stessa Federica Sciarelli. Forte e sconcertante sì non solo nei contenuti, ma anche per la loro decisione di trasmetterli in un momento delicato, decisivo per le indagini. Se la ricerca dello scoop è infatti il motore che spinge un programma informativo di successo ad essere tale, è altrettanto vero che in alcune circostanze sarebbe opportuno porre un argine alle eventuali derive sensazionalistiche legate a questa corsa alla notizia. Il caso Noemi – a nostro avviso – rientrava in questo frangente.

E’ finita! Siamo morti!” ha urlato la madre davanti alle telecamere di Chi l’ha visto?. Il padre in lacrime: “hanno creato un mostro!“. L’uomo è indagato per sequestro di persona ed occultamento di cadavere e quindi – stando a quanto gli inquirenti stanno ancora ricostruendo – avrebbe aiutato il figlio a far sparire le prove del crimine. Questo non è certo un dettaglio. Tali sospetti, infatti, spingerebbero a valutare sotto una diversa luce anche le reazioni avute davanti alle telecamere di Rai3.

Gli inquirenti faranno il loro lavoro in tal senso, anche perché non è compito di una trasmissione tv stabilire se i due stessero dissimulando o meno in quel momento. Da un punto di vista televisivo, piuttosto, è legittimo chiedersi se quelle immagini così forti andavano trasmesse, anche e soprattutto alla luce del discusso precedente consumatosi ad Avetrana proprio nella trasmissione di Rai3. In quel caso avvenne tutto in diretta: stavolta, invece, si trattava di immagini registrate, che quindi potevano essere gestite diversamente.

Raccontare a voce quanto avvenuto, magari mostrando solo un fotogramma, avrebbe forse tolto qualcosa alla resa televisiva ma non alla notizia in sé. Invece l’impressione è che, oltre alla semplice cronaca, si sia dato spazio al sensazionalismo nella prima puntata stagionale. Il risultato è stato un evitabile reality del dolore che ha avuto come protagonisti non solo le vittime ma anche gli eventuali colpevoli.

Chissà cosa ne pensano il DG Rai Orfeo, che ieri sera si aggirava negli studi della trasmissione, ed il direttore di Rai3 Stefano Coletta, che fino a poco tempo fa era capostruttura proprio di Chi l’ha visto?.



Articoli che potrebbero interessarti


Federica Sciarelli
CHI L’HA VISTO?, FEDERICA SCIARELLI LEGGE LE OSCENITA’ SULLE DONNE SCRITTE SU FACEBOOK: “LETTE DA ME VI PARRANNO ANCORA PIU’ VOLGARI”


Chi l'ha visto?
CHI L’HA VISTO, FEDERICA SCIARELLI AD UN RAGAZZO CHE RIDE: “TI DISPIACE CHE DICO CHE SEI UN PO’ CRETINO?”


Federica Sciarelli
Chi l’ha Visto: al via su Rai3 la trentesima edizione con Federica Sciarelli


Federica Sciarelli
Chi l’ha visto? – Federica Sciarelli contro il solito disturbatore: “La devi piantare, fatti curare!” (Video)

4 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

14 settembre 2017 alle 17:51

Purtroppo Federica Sciacqetti, alias Miss CuloBasso, non si chiama Barbara d’Urso e quindi nessuno mai la additerà come simbolo della TV trash come invece meriterebbe.
Quello che accade con il caso Avetrana supera di gran lunga in amoralità qualunque cosa fatta dalla d’Urso, ed adesso i fatti si ripetono in maniera assai più cruenta e bestiale.

Tuttavia nessuna delle anime belle della carta stampata si permetterà di toccare Miss CuloBasso e di trasformarla in un’icona della cattiva TV, perché lei è una santona della sinistra e sta su RaiTre, e quindi “non è successo niente”…



2. Marco Leardi ha scritto:

14 settembre 2017 alle 18:02

@Roxy. Opinioni legittime come sempre. Ma che significano certi epiteti? Non mi piacciono e te ne assumi la responsabilità, ovviamente.



3. Nina ha scritto:

14 settembre 2017 alle 18:09

Il discorso di Roxy è sostanzialmente giusto, peccato la forma, peccato tutti quegli inutili nomignoli dispregiativi. Roxy, perchè?



4. Luca ha scritto:

14 settembre 2017 alle 20:14

@ Roxy
Però ti dovresti dare una calmata
Non hanno senso tutti quei dispregiativi
Scrivendoli ,le cose giuste che scrivi passano in secondo piano



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.