29
novembre

AMARCORD, Che Fine Hanno Fatto…GLI INTERPRETI DI “TRE NIPOTI E UN MAGGIORDOMO”?

Tre nipoti e un maggiordomo @ Davide Maggio .it

In più occasioni abbiamo visto quanto i telefilm anni 80 abbiano caratterizzato la programmazione televisiva di quel periodo, in Italia e non solo, grazie alla forza delle storie raccontate e all’umorismo mai scontato che sapevano proporre. Non tutti i telefilm andati in onda in quegli anni appartengono a quel decennio. Uno tra i più amati, pur appartenendo alla prima metà degli anni 60 e nonostante un forte “retrogusto vintage” non ha perso ancora oggi la sua freschezza.

Stiamo parlando di Tre Nipoti e Un maggiordomo (Family Affair), uno dei telefilm americani di maggior successo qui da noi e in patria.

La serie, dall’impianto quasi cinematografico, è andata in onda in America dal 1966 al 1971 (5 stagioni – 138 episodi) e in Italia a partire dal 1978 prima sulle reti Rai e in un secondo tempo su Mediaset e Telemontecarlo, ottenendo subito un successo senza precedenti.

Vediamo quindi che fine hanno i protagonisti di questa serie che, vi ricordo, potete trovare in onda in questo periodo su Canale 5 a tarda notte.

BRIAN KEITH – BILL DAVIS

Brian Keith

Figlio d’arte (il padre era l’attore Robert) ha esordito a soli tre anni recitando nel film Malone, pifferaio disordinato. A questo hanno fatto seguito altre pellicole come Il cowboy con il velo da sposa, Il vento e il leone ma soprattutto i ruoli televisivi che gli hanno regalato la fama. Non solo Tre nipoti e un maggiordomo ma anche Alfred Hitchock presenta, Caccia Grossa e, negli anni 80, la pluripremiata serie Hardcastle e McCormick. Per lui anche sceneggiati di grande successo tra i quali ricordiamo Colorado e Alla conquista del west. In contrapposizione al grande successo professionale, nel privato l’attore non è stato altrettanto fortunato. Verso la metà degli anni 90, poco dopo il suicido della figlia Daisy, si è scoperto gravemente malato e per questo ragione ha scelto di seguire lo stesso destino, togliendosi la vita. Aveva 75 anni.

Continua a scoprire che (triste) fine hanno fatto gli altri interpreti del telefilm :

ANISSA JONES – BUFFY PETERSON-DAVIS

Anissa Jones

Triste il destino delle piccola interprete di Buffy. Dopo la conclusione della serie infatti, la sua vita ha preso una piega tutt’altro che piacevole a cominciare dalla separazione dei suoi genitori che l’ha portata ad aver grandi contrasti con la madre. Ragione per cui in piena adolescenza si è trasferita a casa del padre, con il quale aveva comunque un rapporto complesso. La ragazza è morta per overdose nel 1976, a soli 18 anni.

JOHNNY WITHAKER – JODY PATTERSON-DAVIS

Johnny Withaker

Il piccolo attore, diventato famosi grazie ad alcuni film girati per la Disney dopo la conclusione del telefilm ha continuato a lavorare per un paio d’anni. La morte della collega però l’ha convinto ad abbandonare il mondo dello spettacolo. In un secondo momento Johnny si è trasferito in Portogallo dove è stato per qualche anno Evangelizzatore della Chiesa Mormona. In seguito è tornato in America dove ha ripreso i contatti con lo showbiz, occupandosi soprattutto di colonne sonore, dal punto di vista tecnico informatico. Ha collaborato per esempio alla realizzazione della sigla di Friends. Al tempo stesso ha anche ripreso a recitare. Nel 2008 ha un film in uscita. Questa però non è la sua attività principale dal momento che l’attore oggi si occupa della tutela delle piccole star della tv, perchè non debba più accadere quello che è successo ad Anissa e a tanti altri piccoli attori. E’ divorziato e ha avuto serissimi problemi di droga. A breve compirà 48 anni.

KATHY GARVER – CISSY PATTERSON – DAVIS

Kathy Garver

Molto diverso il destino della nipote più adulta che forse per questa ragione non si è lasciata scalfire dalla popolarità ottenuta grazie alla serie. Kathy Garver, dopo il debutto nel film I dieci comandamenti e il grande exploit dovuto alla partecipazione a queste serie, ha infatti continuato a recitare sia per il cinema che per la tv, prendendo parte a film come Sweet November ma soprattutto a telefilm come Simon&Simon, Adam 12, Nash Bridges e il più recente Supernatural. E’ stata anche doppiatrice di molti film d’animazione tra i quali ricordiamo quello dedicato a L’uomo Ragno. Oggi si divide tra la sua carriera di attrice e quella di produttrice. Ha cinque film in uscita nel 2008. A breve compirà 62 anni.

SEBASTIAN CABOT – JILES FRANCH

Sebastian Cabot

Grande esponente del teatro inglese, Cabot è poi passato al cinema, inanellando tutta una serie di ruoli in pellicole fortunate come La spada imbattibile, Le Colline dell’Odio ma soprattutto Romeo e Giulietta. In un secondo momento, si è dedicato completamente alla televisione partecipando non solo a questo telefilm ma anche a I tre moschettieri e Scacco Matto. Per un certo periodo, a causa di problemi di salute, ha lasciato la serie ma si è rifatto partecipando a film per la tv sia in qualità di interprete che di doppiatore. E’ morto nel 1977 a causa di un attacco cardiaco. Aveva 59 anni.

  • Nel 2002 è stato realizzato un remake del telefilm. Alla serie, che è stato chiusa anzitempo a causa dello scarso riscontro, hanno partecipato anche Johnny Withaker e Kathy Garber in qualità di guest-star.



Articoli che potrebbero interessarti


Herve Villechaize
AMARCORD, Che Fine Hanno Fatto…GLI INTERPRETI DI FANTASILANDIA?


logo-per-avan.jpg
AMARCORD, Che Fine Hanno Fatto…GLI INTERPRETI DI..I CINQUE DEL QUINTO PIANO?


Mario Appignani (Cavallo Pazzo) @ Davide Maggio .it
AMARCORD, Che Fine Ha Fatto…CAVALLO PAZZO?


Ralph Supermaxieroe (Greatest American Hero) @ Davide Maggio .it
AMARCORD : CHE FINE HANNO I PROTAGONISTI DI “RALPH SUPERMAXIEROE”?

8 Commenti dei lettori »

1. sanjai ha scritto:

30 novembre 2007 alle 10:55

azz per la maggior parte del cast cè stato un futuro pessimo… …cmq bello il telefilm…mi ricordo che da piccolo lo guardavo!!!



2. France ha scritto:

30 novembre 2007 alle 12:37

Quasi peggio di Arnold…che tristezza!



3. silvia78 ha scritto:

30 novembre 2007 alle 14:22

Accidenti…la maggior parte dei protagonisti dei vecchi telefilm è stata colpita da una sorta di maledizone…peccato… Cmq bello il telefilm, purtroppo non ho visto il remake di cui parli, su che canale lo hanno trasmesso?



4. Avanguard ha scritto:

30 novembre 2007 alle 17:52

Sanjai s un destino decisamente negativo per tutto o quasi. Inquietante France s molto peggio di Arnol dove almeno un paio di attori si sono salvati :-P Silvia il remake non è mai giunto in Italia e io dico quasi quasi per fortuna ;-)



5. Lele ha scritto:

30 novembre 2007 alle 17:57

Cosa vi è rimasto impresso di quella serie? Io ricordo: -la signora Bisley con gli occhialetti -i lecca lecca (o i gelati?) che regalavano dal dottore (in Italia hanno solo… abbassalingua!) -i pomeriggi al parco col signor French -linquadratura della porta di ingresso con, se non sbaglio, lo scrittoio di zio Bill -la sigla con le pietre preziose :)



6. France ha scritto:

1 dicembre 2007 alle 15:07

E vero! la sigla con le pietrepreziose!!! che kitsch!!! :-)



7. Avanguard ha scritto:

3 dicembre 2007 alle 01:39

La sigla merita la visione del telefilm ma anche le espressioni di Jody :-)



8. Marco ha scritto:

26 agosto 2010 alle 04:01

Mi ricordo bene quando avevo 6 anni,mi mettevo seduto in fila con i miei fratelli sul lettone di mamma e guardavamo tutti con attenzione questo film….che bello che era…e che teneri erano Jody e Buffy……ora leggendo che la piccola “buffy” ha avuto questo triste destino…beh mi emoziono ricordando di tutti gli episodi visti…era cosi dolce e piccolina..come la mia sorellina piu piccola…..sicuramente era molto fragile e sensibile,aver una famiglia che certo non aveva buoni rapporti…poi chiudersi nel mondo della droga per avere un attimo di gloria…mi sono emozionato moltissimo guardando l’ultima foto..
Buffy(Anissa) che mette in bocca al maggiordomo un biscottino…che tenera e dolce bimba ….foto stupenda…………ricordiamola cosi…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.