4
aprile

The Winner Is torna su Canale 5 con Gerry Scotti

gerry scotti the winner is

Gerry Scotti

Fermento di primavera su Canale 5. Protagonista Gerry Scotti, pronto a riportare in video The Winner Is, il talent show per aspiranti cantanti andato in onda al sabato sera tra novembre e dicembre 2012. Sono previsti cinque nuovi appuntamenti, quattro eliminatori più la finale, nel mese di maggio, subito dopo il ritorno dello zio Gerry nel preserale con Caduta Libera

A differenza della prima edizione, non ci sarà Rudy Zerbi che, impegnato nel serale di Amici, non guiderà la giuria del programma di Scotti. Nell’attesa di scoprire a chi sarà affidata la fascia di “giudice-capitano” dei 101 elementi con diritto di voto, l’ammiraglia di Mediaset rispolvera un format del passato recente per testarne di nuovo l’appeal sul pubblico che l’aveva precedentemente conosciuto ed apprezzato. Nel dettaglio, le quattro puntate andate in onda tra novembre e dicembre di cinque anni fa, fecero segnare una media del 18,88% di share con 4.361.000 spettatori.

Salvo sorprese -non ancora annunciate- il meccanismo dovrebbe rimanere pressoché lo stesso: otto concorrenti si sfidano, tramite scontri diretti, interpretando canzoni famose rigorosamente dal vivo. Al termine dell’esibizione, la giuria si esprime segretamente sulle performance. Il conduttore, prima di dare il risultato, mette le “ugole d’oro” di fronte ad una scelta: accettare una cifra in denaro (rinunciando alla gara) oppure proseguire affidandosi al verdetto della giuria popolare, continuando -o meno- la corsa verso la vittoria. Chi supera la prima sfida affronta altre manche, con allettanti offerte sempre crescenti. Nell’ultima parte, si decreta il vincitore tra i due concorrenti che hanno superato tutti i turni precedenti, senza cedere alla tentazione dei “contanti”. Il campione di puntata guadagna la pubblicazione di un singolo su ITunes, mentre il super-campione di stagione aggiunge anche un’interessante montepremi.

Il programma, ideato da John De Mol, sarà realizzato da Toro Media, gli stessi della prima edizione, stavolta però in solitaria, senza avvalersi della collaborazione della Fascino di Maria De Filippi, come invece accadde nel 2012.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Ti lascio una canzone vs The winner is
LA SFIDA DEL SABATO SERA: RIUSCIRA’ THE WINNER IS A NON SOCCOMBERE CONTRO LA FINALE DI TI LASCIO UNA CANZONE?


The WInner is scotti e zerbi
TI LASCIO UNA CANZONE VS THE WINNER IS, SECONDO ROUND: ENRICO RUGGERI, MICKEY MOUSE E MINNIE DALLA CLERICI


The Winner is...
THE WINNER IS, UN MINESTRONE LENTO E NOIOSO


the winner is
THE WINNER IS… ANTONELLA CLERICI O GERRY SCOTTI? COMMENTA ORA LA SFIDA DEL SABATO SERA

14 Commenti dei lettori »

1. utente ha scritto:

4 aprile 2017 alle 14:14

perché riportare un vita un cadavere???



2. Lorenzo ha scritto:

4 aprile 2017 alle 14:14

Mah proprio non se ne sentiva la mancanza, proprio non capisco queste scelte. Di programmi canterini già ce ne sono tanti.
Perché non riproporre un bel quiz in prime time (genere che manca) tipo chi vuole essere milionario? oppure Portobello?



3. Luca ha scritto:

4 aprile 2017 alle 14:28

sarà l’ennesimo flop dell’accoppiata : Mediaset + Gerry Scotti
Come scrive Lorenzo sopra, non potrebbero inventarsi un programma nuovo ?
Ma i dirigenti di Mediaset che cosa hanno nel cervello ?
Scimmie urlatrici ? (cit. Aldo Giovanni e Giacomo)



4. Lorenzo ha scritto:

4 aprile 2017 alle 14:32

Anche 1 contro 100 sarebbe adattabile al prime time, almeno e’ un gioco. Di programmi musicali\canto ce ne sono troppi.
Mi dispiace per Gerry che si ostina a fare tutto invece dovrebbe insistere nel riportare suoi quiz storici o altri programmi ma dello stesso genere , dove lui è bravo.



5. Peppe93 ha scritto:

4 aprile 2017 alle 15:02

In ascolti andò bene ma il format a mio parere non è molto bello.



6. Mirko C ha scritto:

4 aprile 2017 alle 15:42

Concordo, il programma non era andato male ma non sapeva ne di carne ne di pesce.
Perché infatti non riportare un quiz in prima serata? Chi vuol essere milionario poteva andare benissimo



7. Tv ha scritto:

4 aprile 2017 alle 16:17

Visto che c’è del vintage in tv ,con Furore su rai2 , e nuove edizioni di prima rischia tutto e poi di Giochi senza frontiere e di Portobello e le maratone di bim bum bam 11 dicembre scorso e di la sai l’ultima , perché riportano in vita Passaparola ?



8. Enzo ha scritto:

4 aprile 2017 alle 17:50

La sai l’ultima sarebbe ideale rispolverarla per Italia1



9. Jake Brown ha scritto:

4 aprile 2017 alle 18:47

Era meglio una nuova produzione oppure 4 puntate di “Chi vuol essere milionario? ” o anche “1 contro 100″.
Così avrebbero potuto fare per il preserale del prossimo anno:
Settembre – Gennaio: Chi vuol essere milionario?
Gennaio- April: Avanti un altro!
Aprile-Giugno: Caduta Libera.



10. Francesco12 ha scritto:

4 aprile 2017 alle 19:23

Ma fatemi capire…
è così difficile riproporre Passaparola?



11. LeoNandoSpern ha scritto:

5 aprile 2017 alle 10:43

Finché sono in tempo, spero che ci ripensino. Un’ottima idea sarebbe quella di testare appena fuori dal periodo di garanzia un grande quiz in prima serata come il Milionario dei tempi d’oro o al limite anche 1 Contro 100. Passaparola invece per quanto bello e glorioso lo ritengo adatto solamente al preserale ma non per questo da non riproporre.. anzi!



12. Fra X ha scritto:

5 aprile 2017 alle 23:21

“Passaparola” insomma. Già l’ hanno riproposto una volta. Comunque curioso rispolverar dopo 5 anni questo programma di cui mi ero completamente dimenticato XD.



13. mattia ha scritto:

6 aprile 2017 alle 12:31

I casting dove si trovano online di “The winner is”?
Qualcuno sa qualcosa?



14. caterina ha scritto:

20 maggio 2017 alle 14:47

come si fa a partecipare a the winner is??



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.