27
gennaio

FRATELLI DI CROZZA DA VENERDI 3 MARZO SUL NOVE, “UNA RETE CHE NON SAI NEMMENO COME CHIAMARLA”. ECCO IL PROMO

fratelli di crozza

Fratelli di Crozza

Sarà un 2017 impegnativo per Maurizio Crozza, almeno nella prima parte dell’anno: come svelato da DM, curerà alcune copertine speciali per il prossimo Festival di Sanremo e poi debutterà sul canale Nove col suo nuovo spettacolo del venerdì sera. E per quanto riguarda la “continuazione” di Crozza nel Paese delle Meraviglie (andato in onda su La 7 fino allo scorso dicembre) abbiamo un titolo: Fratelli di Crozza (evidentemente in linea con i precedenti Crozza Italia, Italialand, Fardelli d’Italialand). Abbiamo anche una data d’esordio: 3 marzo.

E abbiamo, dulcis in fundo ma abbastanza fondamentale per capirci qualcosa, il primo promo. Nel minuto e mezzo diffuso dal Nove si può vedere Crozza in uno spogliatoio nei panni di un allenatore che si ispira al discorso di Al Pacino di Ogni maledetta domenica di Oliver Stone e che cerca, dunque, di caricare la propria squadra prima della discesa in campo; una squadra composta dai personaggi interpretati dal comico, da Renzi a Grillo, da De Luca a Mentana, da Montezemolo a Briatore, Papa Francesco e lo chef vegano.

Crozza ironizza sul suo passaggio da La 7 a Nove, dal canale in cui era trainato dalla Gruber e seguito da Mentana al canale che lui personalmente ha scoperto accidentalmente:

Saremo in mezzo a Malattie Imbarazzanti, Airport Security – Nuova Zelanda, Io e i Miei Parassiti, ogni maledetto venerdì saremo in onda a sputare sangue su una rete che io ho scoperto solo quando mi sono seduto male sul telecomando. Sarà un inferno”.

Nonostante la malinconia per i gloriosi tempi passati e i timori legati all’avvicinarsi di un futuro imprevedibile, l’allenatore è positivo: la propria squadra può farcela. E nel discorso Crozza infila un incoraggiamento che suona come una dichiarazione “poetica”:

Ma noi ce la faremo ragazzi perché io quando guardo i vostri volti in ognuno di voi vedo qualcosa di me e anche quelli là fuori si riconoscono, vedono una piccola parte di loro”.

Sillogismo, empatia, proiezione, puzzle, riflesso o riflessione meta-televisiva, in ogni caso Maurizio Crozza, solitamente restio a parlare del proprio modus satirandi, si sbottona e sottolinea così che i suoi “fratelli” sono i suoi personaggi ma in qualche modo anche i suoi telespettatori. Cosa bisogna attendersi da questo nuovo capitolo della saga italiota illustrata, oramai da anni, dal comico genovese? Quali saranno le vere novità, nella scelta dei personaggi inediti da lanciare come nell’impianto generale dello show? Il pubblico lo scoprirà fra poco più di un mese quando il 3 marzo si alzerà il sipario su Fratelli di Crozza (il cui logo sembra un omaggio a Banksy), ricordandosi che bisognerà collegarsi sul Nove (o “al” Nove, o “nel” Nove, insomma “una rete che non sai nemmeno come chiamarla” scherza l’allenatore totalmente nel pallone).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Fratelli di Crozza
Fratelli di Crozza: partenza fiacca e satira politica ridotta. Il comico si schiera ma non lascia il segno


Maurizio Crozza
Fratelli di Crozza debutta sul Nove. Michele Emiliano e Maligno Belpietro nuove imitazioni (Video)


Maurizio Crozza, Genny 'a Carogna
MAURIZIO CROZZA E’ GENNY A CAROGNA (VIDEO). NELLA PARODIA, IL CAPO ULTRAS AL QUIRINALE


Maurizio Crozza imita Roberto Formigoni
FORMIGONI COME JEP GAMBARDELLA (VIDEO). QUERELA IN ARRIVO PER CROZZA

2 Commenti dei lettori »

1. giacomo bartoluccio ha scritto:

27 gennaio 2017 alle 15:52

sul NOVE



2. Luca ha scritto:

28 gennaio 2017 alle 10:30

Bravo Crozza
Dimenticati il nome della tv che ti paga
Allo stesso modo dimenticati il tuo IBAN su cui Discovery ti paga lo stipendio milionario



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.