13
dicembre

LITTLE BIG SHOW: MIKE TYSON OSPITE TRA I BAMBINI DI GERRY SCOTTI. CE N’ERA BISOGNO?

little big show

Little Big Show - Gerry Scotti e Mike Tyson

Solo “pezzi grossi” per il nuovo programma di Canale 5. Little Big Show, al via stasera in prime time, sceglie un tris di “taglie forti” per tenersi stretti gli spettatori al debutto. La prima è il presentatore, Gerry Scotti, alla guida dell’inedito baby talent, che coinvolgerà da subito altri due nomi di un certo peso. Saranno ospiti in studio, insieme ai piccoli performers, l’ex campione del mondo di pugilato, Mike Tyson e lo chef Antonino Cannavacciuolo. Ma se da un parte, nel corso degli ultimi anni, il pubblico ha imparato a “prendere le misure” con il pluri-stellato chef di “Cucine da incubo”, dall’altra al cospetto di “Iron Mike” non ci si sente ugualmente rassicurati.

Vero che il nuovo progetto di Endemol Shine Italy coinvolgerà ragazzi dotati di un talento fuori dal comune ma accostarli ad un personaggio come quello del feroce lottatore fa scattare qualche comprensibile campanello d’allarme. Nessun timore, ovvio, per l’incolumità dei protagonisti, piuttosto non si giustifica l’annuncio stesso della sua presenza in un contesto dove se ne sarebbe fatto tranquillamente a meno. E sarà pure “il più giovane campione di sempre” (all’età di soli 20 anni) ma il parallelo qui non regge e non basta aver percorso la via della gloria per trasformarsi in una specie di “gigante buono”, mettendosi a giocare con degli ignari bambini.

Inoltre lo show che abbandona la giuria all’insegna di uno spettacolo privo dell’ansia della competizione come può venire inaugurato da uno dei peggiori modelli della storia recente? Se non fosse per i trionfi sul ring e tutti i titoli conquistati a chi verrebbe mai mente di ospitare un ex detenuto, accusato di stupro, per anni bloccato in una spirale di violenza e dipendenze e ora “redento”? Fossimo a “Lo show dei record” allora glielo si potrebbe quasi perdonare, come è stato in passato quando ad intrattenersi insieme al celebre “roditore d’orecchi” sono stati, nell’ordine, Paolo Bonolis durante il suo primo Sanremo, e nel 2010 Piero Chiambretti, Luca Barbareschi e addirittura Milly Carlucci che lo ospitò a Ballando con le Stelle in qualità di “ballerino per una notte”.

Stavolta però lo zio Gerry si troverà alle prese con un pubblico e soprattutto un cast ben diverso. Si temono dunque effetti collaterali e critiche a profusione: a scatenarli ora, sarà proprio colui che normalmente se ne sta, volentieri, il più alla larga possibile. Ecco come incappare, con una sola mossa sbagliata, in un “effetto botola” da inutile “Caduta (Libera) di stile”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Little Big Show
LITTLE BIG SHOW: SEMPRE LA STESSA GIOVANE, MA ORMAI VECCHIA, STORIA


Con il Cuore, Nel nome di Francesco
Con il Cuore: Carlo Conti in diretta da Assisi «nel nome di Francesco». Gli ospiti


Emma - Wind Music Awards 2017
Wind Music Awards 2017: i cantanti della seconda serata


Riki - Wind Music Awards 2017
Wind Music Awards 2017: la scaletta della prima serata

7 Commenti dei lettori »

1. xxxxx ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 14:09

Se volevano fare cattiva pubblicità al programma ci sono riusciti.



2. fabrizio ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 15:08

Mi piacerebbe sapere una cosa: perchè alcuni articoli escono a firma redazione e non con un nome specifico come in altri casi?



3. Luca ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 15:43

Vorrei tanto sapere il nome del genio di Mediaset a cui è venuta questa grande idea di Tyson
Ma poi in una trasmissione con bambini
Avete ragione
Ma questi sono fuori come terrazzi



4. xxxxx ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 15:58

fabrizio: gli articoli firmati “redazione” sono stati scritti da Davide in persona, credo (in teoria, il redattore dovrebbe essere lui).



5. Davide Maggio ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 16:42

XXX non è così. Quando scrivo un pezzo la firma è Davide Maggio.



6. xxxxx ha scritto:

13 dicembre 2016 alle 22:37

Allora “la redazione” cosa vuol dire? E’ una collaborazione tra tutti voi? C’è qualcuno che vi controlla i pezzi e poi decide di scrivere esso stesso degli articoli? (Pura curiosità).



7. Paolo ha scritto:

15 dicembre 2016 alle 00:04

Chi non conosce la storia di Tyson forse è meglio che stia zitto…..Sicuramente uno dei migliori pugili della storia.Infanzia difficile, messo sulla retta via da un allenatore che gli faceva pure da famiglia e in seguito sfruttato da manager senza scrupoli e INGIUSTAMENTE accusato di stupro. E’ uscito a testa alta da una vita durissima…Un onore essere sul ring insieme a lui. Massimo rispetto!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.