17
marzo

FEAR THE WALKING DEAD: SU PARAMOUNT CHANNEL ARRIVANO GLI ZOMBIE

Fear The Walking Dead

On air dallo scorso 27 febbraio Paramount Channel, il nuovo canale di Viacom International Media Networks Italia, visibile sul canale 27 del digitale terrestre, appare sempre più determinato a ritagliarsi una sua fetta di pubblico. Non solo film ma anche serie tv nel palinsesto della rete, che, da questa sera alle 21,10 (dopo l’anteprima andata in onda in occasione del lancio del canale), trasmetterà in prima visione tv Fear The Walking Dead, la serie televisiva statunitense creata da Robert Kirkman e Dave Erickson per la AMC. Si tratta di uno spin-off, nonché prequel della celebre The Walking Dead, basato sul fumetto omonimo di Robert Kirkman, Tony Moore e Charlie Adlard.

La nuova serie, in simulcast su MTV Next (Sky 133), ha un titolo che non gira intorno alla questione: Fear The Walking Dead, ovvero “temere gli zombie”. Questo perché il mondo raccontato da Fear The Walking Dead è un mondo ancora normale. Se nella fortunata serie madre si partiva con l’epidemia zombie ormai diffusa e non più controllabile, qui si fa un passo indietro, in una Los Angeles all’inizio della tragedia.

Una situazione che viene mostrata dal punto di vista di una famiglia, in contrapposizione alla non-famiglia di The Walking Dead, un nucleo formato da gente che si è trovata costretta a fare fronte comune. Una sorte dunque di genesi dell’epidemia zombie, che si trovano ad affrontare Rick Grimes e soci. Ogni episodio rappresenta in qualche modo un tassello utile per capire come è stato possibile arrivare alla storia di The Walking Dead.

A differenziare le due serie vi è anche l’ambientazione. Dalla campagna alla città, un contesto radicalmente diverso nel quale si muoverà Madison Clark, una consulente scolastica, madre della famiglia al centro della storia, interpretata da Kim Dickens. Grande attenzione da parte degli sceneggiatori è stata data alla psicologia dei personaggi, che si vedono travolti dall’orrore e devono trovare dentro di sé la forza per reagire.

Negli Stati Uniti il primo dei sei episodi che compongono la prima stagione della serie è stato visto da 10.1 milioni di spettatori, diventando la premiere più vista di sempre della televisione via cavo. Una seconda stagione, composta di 15 episodi, andrà in onda nei prossimi mesi. In Italia la serie ha avuto un percorso piuttosto tortuoso. Fear The Walking Dead sarebbe, infatti, dovuta essere trasmessa da Horror Channel a sole ventiquattr’ore di distanza dalla messa in onda statunitense, ma dallo scorso luglio il canale, disponibile sulla piattaforma Sky, è stato chiuso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Instagram Luciana Littizzetto
Luciana Littizzetto attacca Paramount Channel per la pubblicità di Happy Days pensata per le donne


FEAR THE WALKING DEAD 2
FEAR THE WALKING DEAD 2 E INTO THE BADLANDS ARRIVANO SU PARAMOUNT CHANNEL


Il Padrino - Don Vito Corleone
PARAMOUNT CHANNEL FESTEGGIA CON IL PADRINO, SERIE TV E TANTO CINEMA


quantico-serietv
QUANTICO APPRODA SU PARAMOUNT CHANNEL

4 Commenti dei lettori »

1. Gianni ha scritto:

18 marzo 2016 alle 01:56

Serie che ha deluso un po’ tutti.
E’ stata annunciata come serie che avrebbe raccontato i giorni prima dell’arrivo degli zombie.
Ma non è del tutto vero visto che già alla fine del primo episodio inizia il chaos e già tutti sanno come “uccidere” uno zombie la sera stessa del loro arrivo.
E hanno deluso ancora di più i personaggi al limite del fastidioso! a partire dai figli, veri protagonisti del racconto e insopportabili.
Giudizio personale ovviamente.
Ma se vi state chiedendo se vale la pena vederlo posso dirvi tranquillamente che non ne vale la pena.



2. IvY ha scritto:

18 marzo 2016 alle 12:02

La serie è nata come un esperimento ma qualcosa è andato storto.
Si vede proprio che il budget era ridottissimo e gli sceneggiatori non si sono sprecati più di tanto, a differenza di The walking dead in cui, anche alla luce del fumetto, hanno saputo articolare un intreccio geniale.
FTWD ha una buona intenzione che però non è stata sviluppata, a causa forse della fretta di realizzare il prodotto, sull’onda del successo della serie principale.
Gli attori sono molto scarsi, tranne Frank Dillane e Alycia Carey (i figli).
E’ quasi un lavoro amatoriale e nell’insieme non sembra neanche essere stata realizzata dalla stessa squadra di TWD.
Tuttavia siamo ancora alla prima puntata. Vedremo come si evolverà. Intanto negli USA sono stati realizzati altri 15 episodi per la seconda stagione.



3. ariel ha scritto:

18 marzo 2016 alle 12:31

A me la serie piace!
Certo non si può paragonare alla primissima stagione di TWD, ma, ripeto, personalmente a me piace!
TWD mi ha sinceramente stufato, sempre e solo le solite, ripetitive dinamiche: attimo di calma, arrivano gli zombie, uccidi gli zombie, arriva il cattivo di turno, sequestro di qualche personaggio importante, uccisione del cattivo di turno…e si ricomincia!
Si vede che stanno allungando il brodo perchè rende!



4. Eldora ha scritto:

18 marzo 2016 alle 14:46

Chi dice che questa serie fa schifo, però è fan di TWD, è meglio che si nasconda….non capisce molto ho sentito dire che gli zombie sono fatti male, che sembrano troppo umani…. SVEGLIA, è l’inizio del contagio è ovvio che sono quasi “umani” in TWD l’epidemia è già a livello avanzato, qui no. Inoltre ho sentito dire che sanno già tutto sugli zombie….a me non sembra, continuano a credere nel primo episodio che siano alluinazioni di Nick, e quando vedono lo zombie, non sanno spiegare cosa sia…non sanno nemmeno ucciderli li zombie (per rispondere al commento sopra) in più di un’occasione hanno sparato a raffica nel corpo dopo un po che vedi che non fa effetto, è ovvio che miri alla testa.
A mio avviso serie molto bella, ancora non ai livelli di TWD, ma comunque bella. La consiglio a tutti. (poi per giudicare una serie non basta vedere i primi 2 episodi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.