1
marzo

BARBARA D’URSO: IL GIUDICE RIGETTA L’ACCUSA DI ESERCIZIO ABUSIVO DI PROFESSIONE GIORNALISTICA

Barbara D'Urso

Ci è voluta la disposizione di un giudice per le indagini preliminari, ma almeno adesso Barbara D’Urso potrà dormire sonni tranquilli. Con il provvedimento definitivo del 24 febbraio infatti, il Gip di Monza ha rigettato e archiviato per infondatezza l’accusa di “esercizio abusivo della professione giornalistica” dopo la causa intentata contro la popolare conduttrice di Canale 5. Barbara è soddisfatta: “Ho aspettato in silenzio questo giorno, ho preferito parlare solo in Procura senza reagire agli insulti”.

Il caso aveva fatto parecchio discutere: nel novembre 2014, a denunciare Barbara D’Urso era stato il Presidente dell’Ordine nazionale dei Giornalisti Enzo Iacopino. All’interno del programma Domenica Live andavano in onda numerosi servizi giornalistici su grandi casi di cronaca: su tutti quello di Elena Ceste, la donna piemontese scomparsa e ritrovata morta in un canale nove mesi dopo. “Si susseguono nel programma televisivo Domenica live trasmesso da Canale 5 interviste curate dalla conduttrice Barbara D’Urso e realizzate dalla stessa con modalità che non tengono conto di esigenze quali la difesa della privacy e/ il coinvolgimento dei minori”, aveva scritto Iacopino nella denuncia, che era stata accompagnata da un lungo post su Facebook. “Si evidenzia pertanto che la signora D’Urso, pur non essendo iscritta all’Albo dei giornalisti, compie sistematicamente un’attività (l’intervista) individuata come specifica della professione giornalistica, senza esserne titolata e senza rispettare le regole, con negative ripercussioni all’immagine di quest’Ordine”.

Esaminati i fatti, il giudice Giovanni Gerosa ha accolto la richiesta di archiviazione del Pubblico Ministero, Walter Mapelli, in ragione della “tutela dei diritti fondamentali, quali quello di libertà di manifestazione del pensiero”. Tra le motivazioni, ha anche chiarito che la tipologia del programma di Barbara d’Urso è inquadrabile nell’infotainment (vale a dire quel mix tra informazione e intrattenimento), attività nella quale la conduttrice è coadiuvata da una redazione di giornalisti professionisti. In un comunicato, Mediaset fa sapere che questo precedente giuridico costituisce un punto fermo nel diritto della libera manifestazione del pensiero.

Barbara si è detta contenta di questa archiviazione. Come riporta oggi Il Corriere della Sera, ha dichiarato: “Tanti colleghi fanno il genere televisivo che faccio io, ma nessuno è attaccato così. E’ una sentenza storica: finalmente io come tanti altri non iscritti all’Ordine possiamo esprimere punti di vista facendo televisione”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Domenica Live - Barbara D'Urso e Simona Izzo
Jeremias Rodriguez diserta Domenica Live. Barbara D’Urso: «Va bene lo stesso»


Barbara D'Urso e Carolyn Smith
Barbara D’Urso invitata a Ballando Con le Stelle da Carolyn Smith: «Chiederò il permesso. Piersilvio Berlusconi sarà svenuto!»


Barbara D'Urso vs Ludwig Koons
Il figlio di Cicciolina attacca la D’Urso a Domenica Live. Lei risponde a tono


Barbara d'Urso vs Marisela Federici
Domenica Live, Marisela Federici attacca: «E’ una vergogna». Barbara D’Urso non ci sta: «Se mi spieghi come devo fare il mio lavoro mi innervosisco»

6 Commenti dei lettori »

1. simone ha scritto:

1 marzo 2016 alle 11:32

la d’urso prorio vergognosa è ora speriamo che gli scadesse il contratto di non vederla proprio + in tv con le 1000 faccette che fa ogni giorno io non la seguo + xchè a me è diventata antipatica spero che mediaset si svegli e fa cose nuove con nuove leve a me piacerebbe o la d’eusanio o la leofreddi a mediaset x condurre nuovi programmi di questo tipo e no la d’urso che non è una giornalista e non è iscritta all albo ma le vere professioniste si



2. lo_80 ha scritto:

1 marzo 2016 alle 13:10

Ero grande fan della D’urso ai tempi del GF … ormai non la sopporto quasi più .. quando tratta i politica, di cronaca nera non è più lei …. ho rivisto la barbara che amavo a c’è posta per te sabato scorso (sorridente, frizzante,spontanea) lei deve tornare a come era e per far ciò deve distaccarsi da programmi video news l’hanno rovinata …. non è adatta … quindi che lasci Pomeriggio5 (io ci vedrei bene la Toffanin che è anche una giornalista) e si tenga solo Domenica Live ma che sia una domenica come “Buona Domenica” quindi incentrata sul gioco, sull’ intrattenimento sul varietà. E poi un bel programma in prima serata ,un progrmma leggero,divertente spensierato , un varietà appunto no un programma politico e di cronaca nera non è per lei! Scusate il lungo post.



3. totino ha scritto:

1 marzo 2016 alle 15:15

Simone , purtroppo se gli scade il contratto ne faranno uno nuovo , porta molta pubblicità a Mediaset . e lì hanno solo lei che fa il trash .



4. simone ha scritto:

1 marzo 2016 alle 18:45

totino purtroppo io ero un fan sfegatato che l’avevo seguita ai primi tempi di mattina e mezzogirno in famiglia fino a 3 anni fa ora non + è a me non piace + speriamo che piersilvio si dia una mossa x cambiare mediaset e la stessa cacosa come a IO 80 che era fan come me ora l’ha schifata pure lui e gli do pienamente ragione



5. Prof. ITALO MARSICOVETERE ha scritto:

2 marzo 2016 alle 04:25

INFOTTIMENTO D’URSO

vergognosa tale sentenza che gratifica di illibatezza una com are cianciona. La quale intervista con goduria medesima sia Berlusconi che MATTEO RENZI | Lecchina per ogni stagione politica.

2 marzo 2016
**
PROFESSORE DI LICEO MARSICOVETERE _ [1944]



6. Marco18 ha scritto:

2 marzo 2016 alle 17:23

La gente deve sempre criticare una conduttrice che fa soltanto il suo lavoro e ,devo dire, anche molto bene!! Era ora!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.