12
luglio

ANNA MARIA TARANTOLA PRESIDENTE RAI: VIA LIBERA DALLA VIGILANZA

Anna Maria Tarantola

Via libera ad Anna Maria Tarantola e ai suoi ’super poteri’. La commissione di Vigilanza parlamentare riunitasi questo pomeriggio ha dato il suo voto favorevole alla nomina del nuovo Presidente Rai, ratificando l’assenso espresso martedì scorso dal CdA. Ora, per completare la procedura per l’assegnazione dell’incarico dirigenziale, il Consiglio di Viale Mazzini dovrà prendere atto della decisione arrivata poco fa dalla Vigilanza.

I voti favorevoli ad Anna Maria Tarantola sono stati 31, sei i commissari assenti, due le schede bianche ed una nulla. Un risultato, questo, tutt’altro che scontato: sulla nomina del nuovo Presidente Rai, infatti, si giocava una partita connotata politicamente, con il Pdl che aveva annunciato battaglia sull’assegnazione di ampi poteri al nuovo vertice della tv pubblica. Il Governo, infatti, aveva espresso l’intenzione di affidare alla ex manager di Bankitalia (e al futuro DG Luigi Gubitosi) il potere di firma sui contratti fino a 10 milioni di euro e il potere di nomina e rimozione dei dirigenti di primo e secondo livello.

Su questi temi il centrodestra aveva promesso un braccio di ferro durissimo, minacciando di mandare all’aria la votazione odierna. Tuttavia, alle 14.30, il capogruppo al Senato del Pdl Maurizio Gasparri, aveva varcato il portone della Vigilanza con il pollice alzato, come a lasciar intendere che tutto andava bene e che la fumata bianca sarebbe arrivata. Così è stato: Anna Maria Tarantola è il nuovo Presidente Rai.

Ora manca solo la conferma della nomina a Direttore Generale di Luigi Gubitosi. Poi la nuova Rai dei Tecnici potrà ufficialmente mettersi in moto.



Articoli che potrebbero interessarti


Le due leggi
LE DUE LEGGI SU RAI 1 IL 25 E 26 MARZO. MA IL RITARDO DELLA MESSA IN ONDA VALE UN’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE


Roberto Fico, Vigilanza Rai
Vigilanza Rai: approvata la risoluzione contro il conflitto d’interessi degli agenti delle star. Ecco cosa prevede


Mario Orfeo
Mario Orfeo in Vigilanza Rai: «Nel 2018 possibile perdita da 100 milioni. Giletti a La7? Scelta legittima. Costava più dei suoi ricavi»


Fabio Fazio
Vigilanza Rai: documento contro il conflitto d’interessi di agenti delle star e artisti-produttori. Fazio avvisato

19 Commenti dei lettori »

1. Lele1981 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 15:52

gioventù….



2. Pippo76 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 15:57

bruciata?



3. MisterGrr ha scritto:

12 luglio 2012 alle 15:59

è già stato detto che assomiglia tremendamente al premier?



4. Pippo76 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 16:01

Si, è stato detto con tanto di foto.
Non è stato ancora detto “speriamo che il Dg non sia Saviano”..
Peggio di Masi e della Lei non credo si possa fare, mettendosi anche d’impegno



5. rosa ha scritto:

12 luglio 2012 alle 16:01

e la gioventu quando ci sara’ nel 3000



6. isolano ha scritto:

12 luglio 2012 alle 16:01

adesso in Rai comandano le banche?

Il Pdl ha ceduto sui poteri, non dovevano ma silvio ha detto sì



7. Pippo76 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 16:08

isolano
Sai perchè Berlusconi ha detto di si? Perchè proprio ieri è successo questo..

Frequenze tv, il ministero di Passera rinnova le autorizzazioni per 20 anni
Il dicastero dell’ex numero uno di Intesa firma il rinnovo per dieci anni, più una proroga automatica per i successivi dieci, della attuale situazione del piccolo schermo. Risultato: Mediaset evita di perdere i suoi privilegi e le emittenti locali soffriranno con il passaggio al digitale



8. Nina ha scritto:

12 luglio 2012 alle 16:20

Speriamo che qualche “satiro” faccia una bella parodia, che ne dite di un uomo truccato da Tarantola che parla come Monti?



9. Gey ha scritto:

12 luglio 2012 alle 16:52

Avanti giovani!..Una tale carica dovrebbe essere ricoperta da un sogetto con competenze specifiche..



10. Pippo76 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 17:02

Visti i tagli che dovranno fare per 40 milioni, serve uno o una che ne capisca di economia, di aziende, di bilanci e di gestione. Quelle solo le competenze specifiche di un presidente della Rai
Ricordo che i palinsesti li fanno altri (anche se lei avrà più poteri)



11. Giuseppe ha scritto:

12 luglio 2012 alle 17:19

Sai che competenza che ci vuole per fare tagli… Sarebbe più opportuno avere la capacità progettuale di rendere più produttivo in termini qualitativi il servizio pubblico.



12. Nina ha scritto:

12 luglio 2012 alle 17:51

Per fare i tagli ci vogliono i…. carabinieri! Non so se l’avete sentita quella dell’ospedale di Napoli o della regione Campania, non ricordo bene. La regione ha pensato di affidare ad dei carabinieri in pensione la gestione di un ospedale fuori controllo. Ebbene ce l’hanno fatta. Lungi da me pensare che si possa mettere carabinieri dappertutto, ma mi chiedo, se ce l’hanno fatta loro perchè non cercare di capire perchè gli altri non ci riescono?



13. Giuseppe ha scritto:

12 luglio 2012 alle 18:04

Nina, non riesco a rintracciare la notizia. Comunque è un dato di fatto che se qualsiasi genere di gestione basata sul principio dell’onestà eviterebbe anche tagli dolorosi. Famosa, infatti, la battuta che alla Rai per ogni dipendente assunto se ne dovevano aggiungere altri tre per accontentare il clientelismo dei partiti.



14. Nina ha scritto:

12 luglio 2012 alle 18:23

Giuseppe, prova a cercare Maurizio Scoppa,è uno dei due.



15. Giuseppe ha scritto:

12 luglio 2012 alle 18:33

Nina, grazie. Tra l’altro, Il generale Maurizio Scoppa, commissario dell’Asl Napoli 1, pochi mesi fa aveva polemizzato con Striscia la Notizia.



16. Pippo76 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 19:07

Devi saper anche tagliare.. non puoi andare alla cavolo di cane..
Poi mi pare logico che si debba avere una visione manageriale per rendere il servizio di qualità migliore e più redditizio possibile a livello di introiti pubblicitari, evasione canone ecc ( certo che se poi devi accontentare sempre gli amici e gli amici degli amici , l’impresa è ardua)



17. lele ha scritto:

13 luglio 2012 alle 10:37

mio padre invece, quando ero ragazzino, mi diceva sempre che in Rai lo truccavano prima di entrare nello studio, per l’alto numero di truccatori. Io ci ridevo allora ma pensandoci adesso è abbastanza inquietante…



18. lele ha scritto:

13 luglio 2012 alle 10:38

*studio radiofonico



19. warhol_84 ha scritto:

13 luglio 2012 alle 10:44

Un uomo vestito da tarantola che parla come monti…le matte risate proprio. E’ tornato Bagaglinuuuu?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.