12
giugno

ELLEN HIDDING A DM: “IN GIROGIROBIMBO SONO PIÙ MAMMA CHE CONDUTTRICE. SE MI RICHIAMASSE LA GIALAPPA? MAGARI”

Ellen Hidding

La nuova avventura televisiva rappresenta per lei la realizzazione di un sogno. Parliamo di Ellen Hidding, che ieri ha debuttato alla guida di Girogirobimbo, il nuovo programma di La5 interamente dedicato al mondo dell’infanzia. Mamma della piccola Anne Marie e autrice di fiabe per bambini, l’olandesina della tv, in compagnia di medici e specialisti, dispensa in ogni puntata idee e consigli utili per l’educazione e la crescita dei figli, ma anche ricette per una sana e corretta alimentazione. Un impegno quotidiano, in onda dal lunedì al venerdì, che si è aggiunto all’appuntamento domenicale con Melaverde su Rete4. Abbiamo voluto saperne di più.

Come stai vivendo la tua nuova avventura televisiva alla guida di Girogirobimbo?

Sono orgogliosa e onorata di condurre questo programma. Quando ho visto il progetto me ne sono subito innamorata e penso sia stato un amore corrisposto perché, dopo il primo colloquio, gli autori mi hanno richiamata ed abbiamo registrato subito le prime puntate. Sono super contenta, è un sogno che si è realizzato.

Per chi ancora non l’avesse visto di cosa si occupa il programma?

Girogirobimbo ospita in ogni puntata medici, specialisti e genitori che daranno consigli sull’educazione dei figli e in generale su tutto ciò che riguarda l’universo dei bambini. Io presento diverse rubriche. Nello spazio, che s’intitola Chef a merenda, propongo delle ricette ideali per spuntini e per la crescita dei bambini. In Genitori 2.0 invece do dei consigli pratici a tutti i neogenitori. In Bebè in arrivo, che è lo spazio che più preferisco, parlo con delle mamme in dolce attesa, di paura del parto e dei tanti temi legati alla maternità. C’è anche Il libro dei perché, dove vengono dati consigli su come rispondere alle domande, spesso difficili, fatte dai bimbi.

Tra l’altro la tua esperienza da mamma ti porta in qualche modo ad esporti in prima persona.

Sì, avendo una bambina, Anne Marie, che ora ha quasi 8 anni, mi sento in dovere di dire la mia e confrontarmi con loro. Si parla tra mamme per capire meglio il mondo dei bimbi. Un confronto di esperienze che arricchisce un po’ tutti. Diciamo che in questo programma sono più una mamma che una conduttrice.

Girogirobimbo ha anche un blog omonimo.

Si, insieme alla trasmissione è partito Girogirobimbo.it, un blog nel quale le mamme hanno modo di confrontarsi tra loro. E’ inoltre possibile rivedere i filmati delle puntate appena trasmesse, o magari lasciare suggerimenti e consigli.

Pensi che la tua immagine da brava ragazza abbia influito nella scelta di affidarti il programma?

Non lo so, certo io sto insieme al mio compagno (l’imprenditore Roberto Cozzi ndDm) da 13 anni. Sono una persona tranquilla, tutta casa e lavoro, non cavalco il gossip e non mi piace la vita mondana. E poi sono sempre stata molto legata al mondo dell’infanzia.

Forse non tutti sanno che hai anche scritto dei libri di favole per bambini.

Sì ho scritto una collana di libri dal titolo Mamma, mi racconti una storia?, della quale sono molto orgogliosa. E’nato tutto come un gioco, le storie sono ispirate alla vita quotidiana con la mia bambina. Sono 365 brevi racconti, divisi in 4 piccoli volumi, in modo tale che si possano portare anche in viaggio. E’appena uscito il terzo capitolo.

Sono tutte ideate da te?

Io, non essendo nata scrittrice, offro le tracce, i miei pensieri e racconti, poi mando tutto al mio editore, loro elaborano ed arricchiscono le storie.

Girogirobimbo va in onda su La5, che idea ti sei fatta delle nuove realtà digitali?

Queste nuove realtà televisive sono molto interessanti, offrono più possibilità di sperimentare, soprattutto se c’è la voglia di fare e la possibilità d’investire.

Nel frattempo continua il tuo impegno sulla tv generalista con Melaverde alla domenica su Rete4.

Sì, è un’esperienza bellissima. Adoro girare l’Italia e scoprire posti spesso sperduti ma meravigliosi, che mi fanno in qualche modo tornare alle mie origini, essendo io cresciuta in un piccolo paesino dell’Olanda del nord. Alla fine tutto il mondo è paese.

Tra poco si concluderà la tua seconda stagione alla guida del programma, tornerai anche il prossimo anno?

Sì, insieme a Edoardo Raspelli, stiamo già registrando le puntate per la nuova stagione che andrà in onda da settembre.

Hai da poco festeggiato 15 anni di carriera, è tempo di fare i primi bilanci.

Sono già 15? Io non guardo mai gli anni perché mi fanno ricordare che sto invecchiando (ride).

Tutto è iniziato con la Gialappa’s Band

Io ringrazio sempre la Gialappa’s. Con loro ho iniziato a lavorare nella tv italiana, prima a Mai dire Gol e poi a Mai dire Maik. Sono stati cinque anni bellissimi, che mi hanno permesso di farmi conoscere dal pubblico. I “Gialappi” hanno un posto speciale nel mio cuore.

Ti piacerebbe tornare a lavorare con loro?

Magari! Se mi dovessero chiamare, io sono pronta. Anche se devo dire che all’epoca ero molto giovane e inesperta. Adesso, che ho quasi 40 anni e sono diventata mamma, preferisco concentrarmi su Girogirobimbo e Melaverde, due trasmissioni che sento più adatte a me.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


GiroGiroBimbo - Ellen Hidding
DMLIVE24: 25 NOVEMBRE 2013. GIROGIROBIMBO TORNA SU LA5


Hellen Hidding
GIROGIROBIMBO: IL NUOVO PROGRAMMA PER MAMME E PAPA’ CONDOTTO DA ELLEN HIDDING SU LA5


Take Me Out
Gabriele Corsi a DM: «Take Me Out è divertente nonostante il conduttore. Torno a Carta Bianca? Lo spero vivamente»


Mtv Super Shore, Ferre, Victor, Potro, Isaac, Igor
I ragazzi di Mtv Super Shore 3 a DM: «Che bordello questo reality! La donna più adulta con cui sono stato? L’hanno seppellita ieri» – Video

1 Commento dei lettori »

1. Markos ha scritto:

12 giugno 2012 alle 19:08

Non ho avuto modo di vedere GiroGiroBimbo. Ma a Melaverde è un’ottima co-conduttrice, brava!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.