22
dicembre

Come sta andando The Ferragnez

the ferragnez

The Ferragnez a Madrid

Alla lettura del post Instagram di Chiara Ferragni (“Thanks for making #TheFerragnezSeries the #1 most watched title in Italy”), qualcuno meno avvezzo avrà pensato che il docureality sulla famiglia della top influencer fosse il programma più visto nel Belpaese. Una roba tipo Sanremo. E invece no, Chiara si riferisce ai dati di Prime Video.

Sulla piattaforma, The Ferragnez (qui la nostra pagella) è primo sin dall’uscita, avvenuta il 9 dicembre. Un dato che tuttavia dice poco sul reale successo, piuttosto – considerate le elevate attese e il battage – indica che non è un fiasco clamoroso. Prime Video non fornisce dati quantitativi sulle visualizzazioni (potrebbe essere il meno peggio o aver battuto ogni record) e ha una library tutto sommato limitata con pochissime produzioni originali italiane (e solo un titolo, Lol, ha avuto un grande impatto) e poche produzioni internazionali importanti diffuse negli ultimi tempi. The Ferragnez vince ma è da solo se si considera che ha scalzato dalla vetta la serie La Ruota del Tempo (che ha debuttato il 19 novembre con un triplo episodio) e nelle top 10 in questo momento imperversano la stravista saga di Harry Potter o non è improbabile imbattersi in Monella di Tinto Brass o in Miranda con Serena Grandi. Inoltre il numero di abbonati  – mai comunicato – e di utilizzatori abituali verosimilmente impallidisce rispetto al numero di follower di Fedez e Ferragni che sui social hanno rilanciato più volte la produzione (qui parlavamo dell’effetto degli influcer sulle piattaforme, diverso dall’effetto in tv).

A livello internazionale, in relazione ai paesi in cui le top 10 sono disponibili,  si segnala l’ingresso nelle classifiche di Russia, Repubblica Ceca e Spagna (dove la serie è stata lanciata dai protagonisti con una premiere). Niente da fare per il grande e ostico mercato anglosassone (che invece, per quanto riguarda il Regno Unito, aveva accolto timidamente All or Nothing: Juventus, titolo italiano uscito il 25 novembre dal respiro internazionale).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Me Contro Te
Basta poco ai Me Contro Te (anche a Corte)


Homepage Zecchino Ch. Prime Video copia
Lo Zecchino d’Oro sbarca su Prime Video


Il Signore degli Anelli - Amazon
Il Signore degli Anelli – Gli Anelli del Potere: su Prime Video la serie fantasy kolossal


a league of their own
Il film cult Ragazze Vincenti diventa una serie Prime Video

2 Commenti dei lettori »

1. Laila ha scritto:

23 dicembre 2021 alle 10:06

Ma quanto sono carini? io l’ho adorato, sarei andata avanti a vederlo a iosa. Lei dolcissima, lui è un patatone ma di un’insicurezza pazzesca. Molto carini, mi piacciono perchè non ostentano il danaro che hanno, e poi, la mia Milano in sottofondo, che è più bella che mai! Grazie Ferragnez!



2. Marco Cappuccini ha scritto:

23 dicembre 2021 alle 11:33

Mi trovo a dissentire totalmente col commento n.1.

Loro 2 sono odiosi, palesemente falsi e forzati nei loro atteggiamenti, i figli (Leo in particolare) sono viziati fino all’inverosimile.

Poi dice che non ostentano il denaro? No, non lo fanno, infatti vivono sotto i ponti, mica in un appartamento extra lusso.

Infine, riguardo la Milano in sottofondo… Raga, state cercando di far passare in tutti i modi Milano come “città cool” (viene citata spesso nelle canzoni, vedi Mahmood, Gue Pequeno, Elodie, così come, appunto, è presente anche qua ne “I Ferragnez” sullo sfondo), quando non lo è.

Magari è “cool” se paragonata ad altre città italiane meno “vive” a livello di eventi, ecco, questo glielo posso riconoscere. Ma a parte ciò, resta sempre il fatto che oltre al Duomo, tutto il resto è esteticamente brutto, i milanesi sono simpatici come sabbia nel costume e poi diciamocelo, il loro accento è inascoltabile.

Avevamo bisogno de “I Ferragnez”? La risposta è un sincero NO.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.